14 Apr 2022

Vita Nascente: un fondo per le mamme in difficoltà o una soluzione contro l’aborto?

Scritto da: Lorena Di Maria

In Piemonte fa discutere il recente Fondo “Vita Nascente” voluto dall’Assessore Marrone che comprende lo stanziamento di 400mila euro per supportare e sostenere le donne incinte che si trovano in situazioni di difficoltà economica. Per molti questa rappresenta l’ennesima decisione che intende indebolire il diritto all’aborto e che diventa prioritaria rispetto a provvedimenti che potrebbero realmente sostenere la maternità consapevole, come il potenziamento del welfare pubblico, la gestione del problema dei licenziamenti delle donne o la gratuità della contraccezione.

Torino - «In Piemonte potranno nascere 100 bambini in più, che altrimenti non sarebbero venuti al mondo a causa dei problemi economici delle loro madri». Sono queste le parole di Maurizio Marrone, Assessore regionale dal presidente Alberto Cirio in Piemonte. Il riferimento è a un nuovo fondo che è stato istituito e che prende il nome di “Vita Nascente”: parliamo di un fondo da 400mila euro per l’assegnazione di contributi finalizzati alla promozione e alla realizzazione di progetti di tutela materna e infantile.

La notizia del fondo appena istituito ha sollevato molte critiche, da parte non solo dell’opposizione, ma anche di quei movimenti che prima di tutto lottano per tutelare e proteggere i diritti fondamentali delle donne e che chiedono un cambiamento politico e sociale strutturale sui temi dell’aborto, della violenza sessuale, della salute e sull’importanza non sufficientemente riconosciuta dei consultori.

Non Una di Meno1

Anche se per l’assessore Marrone (Fratelli D’Italia) e la giunta regionale che ha votato a favore dello stanziamento dei 400mila euro, il fondo vuole «garantire il vero diritto di scelta della donna, che può anche essere la scelta della vita, intervenendo a sostegno delle donne in situazioni di fragilità sociale», per altri si tratta dell’ennesima decisione che che taglia assegni di cura e borse di studio per aiutare le donne in situazione di povertà mentre include il sostegno alle associazioni pro vita.

Uno di questi è il Movimento Non Una di Meno di Torino che racconta: «Scopriamo a mezzo stampa lo stanziamento di 400mila euro per il fondo “Vita Nascente” annunciato dall’Assessore Marrone (Fratelli d’Italia). Ancora una volta proviamo disgusto, ma non ci stupisce che la Regione non ascolti le voci delle tantissime persone che hanno partecipato alle mobilitazioni svoltasi lo scorso anno contro l’ingresso delle associazioni antiabortiste nei consultori».  

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

LA MATERNITÀ DEVE ESSERE UNA SCELTA

«Noi non smetteremo mai di denunciare che queste azioni rappresentano scelte politiche inaccettabili. Le associazioni antiabortiste non tutelano affatto la scelta della maternità, come la Regione dichiara, ma anzi sono le stesse che umiliano le donne e le persone gestanti che vogliono accedere a IVG (Interruzione volontaria della gravidanza), che provano a convincerle a scelte improprie per la loro vita e non volute».

Se la Regione volesse davvero sostenere la maternità consapevole si impegnerebbe per un welfare pubblico

Il Movimento chiarisce poi un aspetto, ovvero che la maternità è una scelta. «Non può essere la falsa promessa di sostegno economico per pochi mesi a convincerci, anzi questa rappresenta una presa in giro e una pressione davvero scorretta e manipolatoria verso chi si trova in condizione di disagio socio-economico. L’assessore Marrone, e soprattutto chi gli permette queste azioni incoscienti e violente, sa quanto sia ridicola e fuori dalla nostra realtà quotidiana la cifra di 4000 euro a persona che propone per questo presunto “sostegno alla maternità”, ma è chiaro che delle nostre vite a loro non importa».

Non Una di Meno
QUALI ALTRI MODI PER SOSTENERE LA MATERNITÀ CONSAPEVOLE?

Così il Movimento Non Una di Meno rifiuta il paternalismo politico e ribadisce chiaro e forte: «Siamo in grado di scegliere da sole per la nostra vita». Ciò che rifiuta è quella stigmatizzazione della capacità di autodeterminazione di coloro che vivono condizioni di povertà: «Vogliamo smascherare questo ridicolo provvedimento: se la Regione volesse davvero sostenere la maternità consapevole, si impegnerebbe per un welfare pubblico, contro i licenziamenti delle donne, contro le dimissioni in bianco e per la gratuità della contraccezione, sosterrebbe le famiglie monogenitoriali e i centri antiviolenza e lascerebbe stare il diritto all’aborto!». 

Come raccontano, i 400mila euro previsti dal fondo potrebbero essere fondamentali come investimento nella gestione di altre questioni importanti. Ne sono esempio il rifinanziamento dei consultori pubblici o l’inserimento della vulvodinia negli extra-LEA regionali (che la Regione ha rifiutato proprio qualche mese fa per presunte ragioni economiche).

«È evidente che alla Giunta Cirio non interessa nulla della salute di genere, delle liste d’attesa di oltre sei mesi per una visita ginecologica, del diritto alle cure di chi spende oltre 500 euro al mese per malattie ginecologiche; trovando invece i finanziamenti per aiutare in modo clientelare e osceno “le associazioni degli amici”, come al solito a nostre spese e senza il consenso delle tantissime persone che da anni difendono il diritto all’aborto!». 

Articoli simili
Le donne del Pollino per la rinascita della Calabria – Io faccio così #273
Le donne del Pollino per la rinascita della Calabria – Io faccio così #273

Ti Saluto!

A Torino il primo co-housing sociale per persone LGBT in difficoltà

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Le “relazioni pericolose” di Cingolani – Io Non Mi Rassegno #525

|

“La tempesta Vaia ci ha lacerato, ma ci ha anche spinto a fare qualcosa per il nostro Pianeta”

|

MedReAct: “Ecco come difendiamo il Mediterraneo dalla pesca intensiva e dai cambiamenti climatici”

|

Combustibili fossili: censura mediatica e repressione colpiscono Italia Che Cambia e Fridays For Future

|

La finanza etica può contrastare l’economia di guerra? Secondo Anna Fasano sì. Ecco come…

|

Stavolta tocca a noi. Emerging Communities sbarca a Mantova per scoprire Italia che Cambia

|

Dalle multinazionali alla terra, il ritorno di Nella De Vita in Calabria – Io Faccio Così #354

|

Vivere in barca vela con tre figli e un cane. Insieme nel bene e nel mare