11 Mag 2022

Basta mascherine a scuola! Si diffonde in tutta Italia la protesta dei genitori

Il recente decreto di alleggerimento delle misure di prevenzione dei contagi non ha toccato le scuole, dove la mascherina rimane obbligatoria fino alla fine dell'anno scolastico. Questo accanimento ha scatenato le proteste di migliaia di genitori in tutta Italia, preoccupati per le conseguenze psicofisiche dell'imposizione e per la trascuratezza di cui, ancora una volta, è vittima il sistema scolastico italiano.

Se dal 1° maggio possiamo andare a ballare in discoteca, pranzare in un ristorante o semplicemente lavorare fianco a fianco con i colleghi senza dover più indossare la mascherina, i nostri figli non potranno fare lo stesso nell’ambiente in cui passano più ore durante la loro giornata.

Le scuole infatti – uno degli ambiti più martoriati dalle restrizioni legate alla pandemia negli ultimi due anni – sono state escluse dall’ultimo decreto, che prevede l’obbligo di mascherina fino alla fine dell’anno scolastico, il 31 agosto. Va sottolineato infatti che, se per moltissimi studenti e studentesse l’anno terminerà il 3 giugno, non sono pochi coloro che dovranno sostenere esami di maturità o di terza media, che si protrarranno per parte dell’estate.

La decisione del Governo colpisce una popolazione, quella giovanile, che è stata fra le più penalizzate da decreti e ordinanze, con chiusure tempestive e prolungate delle scuole che hanno inciso in maniera molto pesante non solo sul percorso educativo di milioni di studenti e studentesse, ma anche sulla loro psiche. Primo fra tutti, l’obbligo di indossare le mascherine a scuola.

«La tendenza ad atteggiamenti compulsivi è chiara, così come l’abbassamento dell’età media di questi fenomeni che ora sono più diffusi anche sotto i quattordici anni di età», ha osservato la psicologa del Centro Tice Francesca Cavallini in occasione di un’intervista risalente a gennaio scorso.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

mascherine a scuola

Fra i più attivi sostenitori di un allentamento delle misure di sicurezza sanitaria nelle scuole c’è il professor Saverio Mauro Tassi, che poche settimana fa ci aveva dichiarato la sua «convinzione che un Governo dovrebbe avere come priorità non solo la garanzia, la tutela, ma anche la promozione, lo sviluppo, il potenziamento del diritto allo studio e quindi l’interesse per il benessere psicofisico dei giovani».

Tornando al tema delle mascherine, un questionario somministrato ai genitori bolognesi ha rilevato che il 72% di loro è favorevole alla rimozione dell’obbligo di indossare questo dispositivo. Molte scuole d’Italia hanno poi aderito all’iniziativa della Rete Nazionale Scuola in Presenza, che ha invitato genitori e istituti comprensivi a rimandare al ministero i pacchi contenenti le mascherine per le scuole.

Da Monza a Milano, da Genova a Varese, da Messina a Bolzano, sono decine le scuole che hanno aderito all’iniziativa protestando contro quest’obbligo. Per aderire “è sufficiente imbustare una o più mascherine e inviarle per posta ordinaria al Ministero dell’ Istruzione, possibilmente corredandole di una lettera in cui si esprime il proprio dissenso all’ utilizzo forzato e continuativo della mascherina in ambito scolastico”, invita la Rete in un comunicato.

Il mantenimento dell’obbligo nelle aule italiane non risponde a criteri scientifici

Secondo i dati dell’ISS, negli ultimi trenta giorni l’età media dei contagiati è di 46 anni e la percentuale di casi di positività nella fascia di popolazione in età scolare è del 17,9%, largamente inferiore a quella della fascia 20-50 – che è del 40,5% – e di quella 50-70, che è del 26,8%. Sempre nella fascia in età scolastica inoltre non si rilevano casi con stati clinici severi o critici e, anzi, il 75% circa dei positivi non ha alcun sintomo.

Non sembrano dunque esserci evidenze che giustifichino questo provvedimento, come sottolinea anche la Rete Scuole in Presenza, che sottolinea che “il mantenimento dell’obbligo nelle aule italiane non risponde a criteri scientifici che invece hanno confortato i governi di altri paesi grazie ai numerosi studi internazionali in base ai quali l’utilizzo delle mascherine a scuola non è associato a una minore incidenza e trasmissione del virus”.

La perplessità e le proteste generate da questa decisione sono ulteriormente confermate da uno sguardo fuori agli altri paesi, dove questa prescrizione è stata rimossa praticamente senza eccezioni. La confinante Svizzera ha abolito l’obbligo di mascherina a scuola il 17 febbraio scorso.

Vuoi cambiare la situazione di salute e alimentazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Tradizione in evoluzione e arte culinaria in Val Sangone

Psicologi: “Gestione covid inadeguata, la salute mentale è in pericolo”
Psicologi: “Gestione covid inadeguata, la salute mentale è in pericolo”

Non è mai troppo presto per amare i libri: al via il progetto di lettura nei consultori
Non è mai troppo presto per amare i libri: al via il progetto di lettura nei consultori

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Le “relazioni pericolose” di Cingolani – Io Non Mi Rassegno #525

|

“La tempesta Vaia ci ha lacerato, ma ci ha anche spinto a fare qualcosa per il nostro Pianeta”

|

MedReAct: “Ecco come difendiamo il Mediterraneo dalla pesca intensiva e dai cambiamenti climatici”

|

Combustibili fossili: censura mediatica e repressione colpiscono Italia Che Cambia e Fridays For Future

|

La finanza etica può contrastare l’economia di guerra? Secondo Anna Fasano sì. Ecco come…

|

Stavolta tocca a noi. Emerging Communities sbarca a Mantova per scoprire Italia che Cambia

|

Dalle multinazionali alla terra, il ritorno di Nella De Vita in Calabria – Io Faccio Così #354

|

Vivere in barca vela con tre figli e un cane. Insieme nel bene e nel mare