10 Mag 2022

PorTO Sicuro: a Torino nasce il primo centro contro le discriminazioni LGBTQIA+

Scritto da: Lorena Di Maria

È importante che una città sia provvista di un servizio che offra aiuto e tutela alle persone che subiscono discriminazioni o molestie: con questa missione è nato a Torino PorTo Sicuro, il primo centro antidiscriminazioni rivolto alla comunità LGBTQIA+, che propone uno sportello di supporto psicologico, colloqui con professionisti, una casa dove chiunque è benvenuto e tanto altro ancora.

Torino - Un centro, ma anche una casa, un servizio per la cittadinanza, un’occasione di aiuto: è nato a Torino il primo centro rivolto a lesbiche, gay, bisessuali, transgender, queer, intersessuali, asessuali e chiunque faccia parte della comunità LGBTQIA+. Il centro è stato inaugurato lo scorso 27 aprile e ha «lo scopo di accogliere e offrire una tutela concreta alle persone che subiscono discriminazione e molestie basate sull’orientamento sessuale e l’identità di genere».

L’idea è quindi fare in modo che chiunque possa trovare un aiuto concreto in una situazione di disagio e a fornire tale aiuto saranno professionisti ed esperti che fanno parte di progetti già attivi nel torinese. Ne sono un esempio le associazioni CasArcobaleno, Almaterra e Maurice che da diversi anni sul territorio si occupano di tematiche di genere: come suggerisce il nome, «PorTO Sicuro vuole accogliere tutte le soggettività LGBTQIA+ del territorio e che hanno necessità di approdare in uno spazio che possa garantire un sostegno concreto a chiunque ne abbia bisogno».

Il progetto nasce grazie a un finanziamento nazionale pubblico dall’UNAR e costituisce oggi uno dei 37 centri antidiscriminazioni sul territorio nazionale, finanziati da un bando che intende diffondere e incrementare la presenza di questi centri in Italia.

PorTO Sicuro2
I SERVIZI PER LA CITTADINANZA

Saranno numerosi e diversificati e servizi e gli sportelli proposti dal nuovissimo centro antidiscriminazioni, che fornirà ascolto attraverso un servizio telefonico attivo dal lunedì al venerdì, a cui seguirà lo sportello di accoglienza e orientamento al quale le persone interessate potranno accedere direttamente dopo il primo contatto telefonico».

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Si tratta infatti di «un centro accessibile telefonicamente attraverso una linea dedicata che darà supporto a chiunque ne avrà necessità. Le persone che si rivolgeranno a PorTo Sicuro saranno accolte e accompagnate, in modo totalmente anonimo, nelle loro richieste, difficoltà e necessità.

Per iniziare, le associazioni metteranno a disposizione il loro supporto psicologico che offre colloqui diretti con professionisti: ci sarà uno “sportello lavoro” dedicato alla consulenza e all’orientamento per chi ha necessità nell’ambito dell’inserimento lavorativo; uno “sportello legale” in ambito civile e penale, uno “sportello salute” con personale medico e infermieristico che offre test rapidi e gratuiti per le IST (infezioni sessualmente trasmissibili).

Non mancherà poi lo “sportello casa”, che darà un aiuto nella ricerca di un’abitazione, in collaborazione con le associazioni e le case rifugio presenti sul territorio. Un esempio concreto è TO Housing, un housing sociale pensato per accogliere, tutelare e sostenere persone LGBT, giovani ragazzi e ragazze discriminati per il proprio orientamento sessuale che in questo luogo, da diversi anni, trovano sostegno e nuove prospettive.

PorTO Sicuro
L’ACCOMPAGNAMENTO TERRITORIALE

Il centro non vuole escludere nessuno: «In un’ottica di un approccio intersezionale, PorTO Sicuro si rivolge anche alle persone sex worker e alle persone migranti, rifugiate e richiedenti asilo LGBTQIA+». Per questo agli sportelli sarà affiancata un’attività di accompagnamento territoriale per affrontare insieme alle operatrici e agli operatori eventuali ostacoli linguistici o particolari vulnerabilità di coloro che lo contatteranno. Un’attenzione specifica è poi rivolta alle famiglie soggette a discriminazione, attraverso attività di sostegno svolto in collaborazione con l’associazione Rete Genitori Rainbow.

Le persone che si rivolgeranno a PorTo Sicuro saranno accolte e accompagnate nelle loro richieste, difficoltà e necessità

Particolare attenzione è dedicata alla tematica trans: saranno approntati spazi e servizi specificamente rivolti all’accoglienza e al supporto delle persone transgender, sia dal punto di vista endocrinologico, sia di counseling. Quest’ultimo è stato pensato anche per familiari e persone amiche.

PorTO Sicuro1
LE REALTÀ COINVOLTE

PorTo Sicuro nasce come centro diffuso su tutto il territorio della città di Torino: per questo i servizi sono dislocati su tre sedi, dove operano associazioni già attive da diversi anni in fatto di tutela dei diritti e questioni di genere. Chi sono?

CasArcobaleno, che a Porta Palazzo, dal 2015, si è distinta per essere un polo integrato che offre servizi diretti alla popolazione cittadina e creati dalla stessa popolazione LGBTQIA+; Maurice glbtq, un’associazione nata nel 1985 la cui attività è stata da sempre finalizzata a combattere ogni tipo di discriminazione e pregiudizio, con particolare riferimento al diritto alla libera espressione dell’orientamento sessuale e dei percorsi dell’identità di genere. Infine c’è Almaterra, associazione creata nel 1994 da donne italiane e straniere che lavora su progetti interculturali, sull’empowerment femminile, l’uguaglianza, l’accessibilità al mercato del lavoro, l’inclusione sociale e culturale e la violenza di genere.

PorTo Sicuro nasce per promuovere una società senza discriminazioni, per arrivare a tutte quelle persone difficilmente raggiungibili che subiscono abusi e che, nella loro solitudine, non hanno gli strumenti per riconoscere, contrastare e superare forme di razzismo ed emarginazione. Insomma, nasce per prendersi cura di chi è discriminato, mostrando che c’è sempre una seconda possibilità.

Articoli simili
Karmadonne, l’integrazione che parte dalle donne

Oltre il muro del silenzio. Uomini e donne in dialogo, liberi dalla violenza
Oltre il muro del silenzio. Uomini e donne in dialogo, liberi dalla violenza

Le donne del Pollino per la rinascita della Calabria – Io faccio così #273
Le donne del Pollino per la rinascita della Calabria – Io faccio così #273

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

L’Overshoot Day 2022 italiano è già arrivato – #521

|

Le persone piccole: come crescono i bambini e le bambine nella comunità educante di un ecovillaggio

|

Apre il Covo degli Orsi, la nuova “casa rossa” per i genitori dei pazienti del Gaslini

|

“Dal lato all’altro della finestra di una RSA, il telefono ci unisce”

|

Guerra in Ucraina: come viene raccontata e percepita in Russia?

|

I(n)spira-Azioni racconta gli effetti dei cambiamenti climatici con Luca Barani e The Climate Route – #6

|

Alice In The Lab: le creazioni etiche di una giovane che ha scelto di vivere in modo ecologico

|

Una Mappatura Collettiva per trasformare i luoghi abbandonati della città in beni comuni