26 Lug 2022

Rifiuti-amo-ci, il gruppo di volontari che ripulisce le spiagge

Scritto da: Elena Rasia

Sono partiti da un'azione semplice come raccogliere i rifiuti in spiaggia e hanno costruito una rete solidale che da quasi tre anni accompagna le azioni di clean up con campagne di coinvolgimento, sensibilizzazione e attivazione di tutta la cittadinanza. Sono i ragazzi e le ragazze di Rifiutiamoci, un'associazione di giovani volontari che vuole costruire un'alternativa sostenibile all'interno della città.

Siracusa - Secondo le stime del WWF ogni anno otto milioni di tonnellate di plastica finiscono in mare. Circa il 15% della plastica dispersa nelle acque si riversa poi sulle nostre spiagge mentre la restante rimane in superficie o si poggia sui fondali marini. Pensando al mare la mente mi riporta indietro di quasi vent’anni; precisamente al giorno in cui conobbi per la prima volta il celebre film d’animazione che raccontava le vicende di un pesciolino alla scoperta del mondo marino.

Lì iniziai a conoscere, seppur attraverso uno schermo, i meravigliosi segreti del mare, le sue bellezze e le caratteristiche di tutti gli esseri viventi che lo popolavano e me ne appassionai. La curiosità fu talmente tanta che mi avvicinai sempre di più al tema e iniziai a informarmi scoprendone le bellezze ma venendo a conoscenza anche di uno scheletro gigantesco causato dal menefreghismo dell’essere umano.

rifiuti

Il nostro pianeta sta inesorabilmente soffocando per noncuranza; è come se ci si dimenticasse che l’acqua è vita per ogni essere che popola questa terra e che mari e spiagge sono di tutti e bisognerebbe averne la massima cura. Oggi vi racconterò di una realtà siciliana che risveglia le coscienze prendendosi cura del mare e delle spiagge dell’isola del sole. Si chiama Rifiutiamoci ed è un collettivo di ragazzi, sotto in trent’anni, che dall’estate del 2019 si attiva per organizzare delle azioni di pulizia delle spiagge sensibilizzando e coinvolgendo la comunità.

Benedetta Loverso, l’ideatrice di questo collettivo, mi racconta come tutto è cominciato: «Un giorno ho creato un gruppo whatsapp per invitare a vivere il mare in maniera diversa: rispettandolo e facendolo rispettare. Io e alcuni amici ci siamo dati appuntamento alla Pillirina, una baia che appartiene alla riserva marina del Plemmirio, da anni al centro di molte polemiche».

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

«La zona che insiste sulla baia è stata privatizzata e rischia di trasformarsi in un resort di lusso che ne deturperebbe la bellezza e impedirebbe l’accesso a un bene patrimonio della collettività», continua Benedetta. «Oltre a essere vittima di speculazioni edilizie – continua Benedetta – la Pillirina è un luogo lasciato all’incuria, in cui vengono depositati rifiuti di ogni tipo. Da lì abbiamo dato il via ai primi incontri di clean up e non ci siamo più fermati».

Come organizzate la raccolta dei rifiuti, coinvolgete anche i cittadini?

Sostanzialmente decidiamo un giorno, un luogo e un orario e si divulga tutto tramite i social. Sulle nostre pagine Instagram e Facebook infatti, potrete trovare l’archivio di tutte le nostre iniziative. Lo scopo principale è quello di coinvolgere tutti, soprattutto le fasce di età più giovani, per compiere un lavoro di sensibilizzazione che poi ognuno si porterà dietro e divulgherà a vita.

rifiuti

Purtroppo però sono anche le fasce più difficili da coinvolgere. Attualmente il nostro target va dai 18 ai 35 anni più o meno, anche se con qualche eccezione. A lavorare a questo progetto siamo all’incirca in 10, chi più attivo e chi meno: ognuno mette a disposizione le proprie competenze e l’insieme fa la forza.

Principalmente vi occupate delle spiagge, ma organizzate raccolte anche in altri contesti?

Siamo nati in spiaggia ma tocchiamo molti altri punti che non sono sul litorale. Abbiamo ripulito una piccola parte della riserva del Ciane e zone che costeggiano le spiagge come la contrada “Pane e Biscotti” a Fontane Bianche e altro. Le spiagge comunque restano sempre la nostra priorità perché lì si trovano rifiuti che se non raccolti prima rischiano di finire in mare e non essere recuperati, mettendo a rischio anche la sopravvivenza delle specie marine.

Bisogna prendere posizioni nette, far sentire la propria voce e distinguersi

Oltre alla raccolta dei rifiuti promuovete anche altri progetti?

Il nostro progetto più importante in cantiere è quello di costruire una rete solidale e sostenibile all’interno della città. Proporre una scelta alternativa al consumo di massa. Questo è ambizioso perché attualmente un buon 60% degli aderenti alla nostra iniziativa e del team che organizza le raccolte è domiciliato fuori dalla Sicilia per studi di formazione. Ma piano piano stiamo creando un solido network.

Qual è un suggerimento da poter mettere in atto nel quotidiano per poter essere più ecologici in spiaggia?

Io sono dell’idea che non ci sono più suggerimenti: lo vediamo ogni giorno quello che accade al nostro pianeta. Bisogna prendere posizioni nette, far sentire la propria voce e distinguersi: se c’è un rifiuto accanto alla mia postazione in spiaggia lo devo raccogliere, anche se non è roba mia. Bisogna partire dall’idea che viviamo e siamo parte di una collettività in cui non esiste il mio e il tuo: la terra, l’aria e le acque sono di tutti così come – ahimè – l’inquinamento. Non prenderne atto è un gesto di incoscienza verso noi stessi.

Articoli simili
Franco Borgogno: l’unica risposta possibile al problema dei rifiuti è la consapevolezza
Franco Borgogno: l’unica risposta possibile al problema dei rifiuti è la consapevolezza

La storia di Sara, che ha mollato tutto per andare a ripulire dalla plastica il Mar dei Caraibi
La storia di Sara, che ha mollato tutto per andare a ripulire dalla plastica il Mar dei Caraibi

Carola Farci, la professoressa che gira l’Europa in cerca di spiagge da pulire
Carola Farci, la professoressa che gira l’Europa in cerca di spiagge da pulire

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi