30 Ago 2022

Il Festival delle Cose Belle apre le porte a un nuovo modello di socialità dal basso

Scritto da: Redazione

Dagli spazi in natura a quelli urbani, l'estate del collettivo AWARE ha portato una ventata di novità. Attraverso due eventi molti partecipati infatti – il Festival delle Cose Belle e Cose Urbane – ha raccolto centinaia di persone per costruire nuovi modelli di socialità condivisi, ecologici e innovativi.

La terza edizione del Festival delle Cose Belle – Ferragosto Resistente del collettivo AWARE – Bellezza Resistente, nonché la prima nella cornice del centro di educazione ambientale Panta Rei di Passignano sul Trasimeno (PG), è stata un’immersione di arte e socialità creativa. Più di seicento persone provenienti da tutta Italia e diversi paesi d’Europa hanno preso parte al calendario fitto di laboratori, concerti, mostre e talk che dal 12 al 15 agosto ha animato le colline umbre.

Anche quest’anno Italia Che Cambia è stata media partner dell’evento, che sostiene e promuove sin dalla prima edizione. L’impegno profuso dal collettivo AWARE va infatti nella direzione di costruire un cambiamento reali, partendo da nuovi modelli di relazione e socialità che si fondano prima di tutto sull’incontro. Valore aggiunto sono le location scelte sinora, lontane dai contesti urbani e mirate a riconciliare il pubblico del festival con i luoghi della Natura.

festival delle cose belle 1
Foto di Andrea Ricci

A questo proposito Guglielmo Rapino – 30 anni, tra i fondatori del collettivo AWARE – Bellezza Resistente e tra i promotori del festival, ammette che «all’inizio eravamo spaventati: dopo le prime due edizioni nel cuore del Parco Nazionale d’Abruzzo abbiamo scelto di spostare l’epicentro dell’evento a due passi dal Lago Trasimeno, puntando su una location che incarnasse fino in fondo i valori di ecologia e sostenibilità su cui si basa l’evento. Avevamo paura che questo cambiamento non sarebbe stato accolto con favore dalla nostra tribù delle cose belle».

E invece persone provenienti da mezza Europa hanno animato per quattro giorni il Centro Panta Rei dando vita a una comunità in movimento e tutto questo è avvenuto in maniera totalmente indipendente, senza fondi pubblici e senza grandi sponsor: «L’edizione 2022 del Festival delle Cose Belle – aggiunge Rapino – è stata l’ennesima prova che un’alternativa sociale dal basso è possibile ed è incredibilmente necessaria».

festival delle cose belle 2
Foto di Andrea Ricci

L’evento ha raccolto più di seicento persone nell’arco di quattro giorni e circa cinquanta artisti e artiste provenienti da angoli diversi d’Europa. Il successo di affluenza e organizzazione dimostra la capacità intramontabile di piccole organizzazioni indipendenti di dare vita a un nuovo modello di socialità creativa caratterizzato da una profonda libertà da canali istituzionali e grandi fondi economici. Nel Festival delle Cose Belle si trova una comunità di persone sensibili a tematiche di interesse sociale e culturale che partecipano in prima persona alla costruzione del tipo di comunità che vorremmo vivere quotidianamente.

“Con la mente siamo ancora lì – scrivono i ragazzi e le ragazze di AWARE ricordando i giorni del festival –, immersə nella natura e persə nei balli, negli incontri, negli abbracci, nella scoperta, nella fantasia, nell’arte libera, nella condivisione. Ecco un assaggio di quello che è stato e della bellezza che abbiamo creato. La cosa che più ci è rimasta addosso? Il desiderio che la socialità creativa e coloratissima che si vive al Festival diventi la nostra realtà permanente“.

L’edizione 2022 del Festival delle Cose Belle è stata la prova che un’alternativa sociale dal basso è possibile e necessaria

Ma quest’anno la programmazione è stata ulteriormente ampliata: per continuare nella promozione di un modello dal basso e integrato di proposta culturale, il collettivo culturale abruzzese ha proposto due giorni di arte, musica e cortometraggi nel suggestivo contesto del Giardino di Villa Frigerj a Chieti, nel cuore della Villa Comunale.

L’evento, intitolato Cose Urbane, si è tenuto nelle serate di giovedì 25 e venerdì 26 agosto ed è stato supportato dalla casa di produzioni pescarese One Shot Production e dall’etichetta discografica Old Tower Records, inserendosi nella cornice dell’estate teatina e mira a promuovere l’arte emergente abruzzese in uno spazio storico di valore, così suggellando un connubio necessario tra arte, giovani e città.

Articoli simili
Autosufficienza e consumo critico: ecco come vivere in maniera etica ed ecologica – Un viaggio lungo dieci anni #5
Autosufficienza e consumo critico: ecco come vivere in maniera etica ed ecologica – Un viaggio lungo dieci anni #5

Da Berrino a Lumera, appuntamento al Macrolibrarsi Fest per parlare di stili di vita sostenibili
Da Berrino a Lumera, appuntamento al Macrolibrarsi Fest per parlare di stili di vita sostenibili

Alan e Francesca, due “itineranti della domenica” che riscoprono attivamente le Valli dell’Ossola col progetto Itinerarium
Alan e Francesca, due “itineranti della domenica” che riscoprono attivamente le Valli dell’Ossola col progetto Itinerarium

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Oggi “sciopero creativo” per il clima e per il futuro!

|

La Sicilia Che Cambia: vi raccontiamo cosa sta succedendo sull’isola!

|

Retake scende in campo per il World Cleanup Day: milioni di persone puliscono il territorio

|

Zō trasforma Catania in un centro internazionale della rivoluzione artistica e musicale

|

Andrea di Nebraie: “Sono tornato in val Borbera per far rinascere il territorio”

|

Impresa che cambia: scopriamo gli esempi virtuosi insieme ai loro protagonisti

|

Italia Che Cambia si presenta! Un viaggio lungo dieci anni per raccontare il cambiamento