23 Gen 2023

Una ciclabile umana a Torino per proteggere i ciclisti e rivendicare strade più sicure

Più sicurezza e meno inquinamento nelle strade della città: è questa la richiesta di un gruppo di cittadini e associazioni che per martedì 24 gennaio ha in programma a Torino un flash mob che vedrà la creazione di una grande ciclabile umana. In città sono sempre più numerose le persone di ogni età che scelgono di muoversi con mezzi sostenibili: garantire una città più sicura è un diritto e un dovere, nonché una scelta che è già diventata realtà in molte città europee.

Torino - “La nostra città, Torino, vanta tristi primati: l’aria più inquinata d’Italia e il numero di auto per 1000 abitanti tra i più alti in Italia, il doppio rispetto alla media europea. Nonostante questo, pedalare e muoversi con mezzi a basso impatto ambientale, che dovrebbero essere valorizzati, premiati e sostenuti, continua ad essere pericoloso, soprattutto in quelle strade dove non ci sono ancora o non è possibile realizzare piste ciclabili separate dai veicoli a motore”.

Sono queste le parole che scrive un gruppo di cittadini torinesi: persone e associazioni accomunate dall’idea che una città a misura di persona e con meno auto è una città più sicura per tutte e tutti. Per martedì 24 gennaio ha organizzato un flash mob per creare una ciclabile umana e rivendicare la sicurezza sulle strade.

Ciclabile Umana7
Foto tratta da Fiab Torino Bike Pride
UN FLASH MOB PER DIMOSTRARE CHE È NECESSARIO CAMBIARE ABITUDINI DI MOBILITÀ

L’obiettivo è mostrare che ogni giorno sono tante le persone di ogni età che pedalano e si muovono con mezzi sostenibili. Intende dimostrare anche e soprattutto che molte più persone potrebbero scendere in strada se le strade stesse fossero sicure. Da queste convinzioni nasce l’iniziativa della manifestazione, già organizzata in città come Milano, Roma, Genova e Lecce.

A Torino la ciclabile umana che verrà a crearsi sarà quindi un flash mob «per rivendicare il rispetto e la sicurezza sulle strade a beneficio di tutta la collettività, per chiedere più infrastrutture per la ciclabilità e una campagna di sensibilizzazione per disincentivare l’uso dell’auto privata».

L’appuntamento è previsto per martedì 24 gennaio dalle ore 7.30 alle 9.30, in Largo Vittorio Emanuele II (lato portici). Durante la mattinata ci si disporrà in una lunga fila indiana a ridosso della linea bianca della corsia ciclabile (verso corso Vittorio Emanuele II), per proteggere con i propri corpi e le proprie bici chi pedalerà in quel tratto di strada

Le strade sono di tutte e tutti: dovrebbe essere sicuro e rispettato chi usa la bicicletta e gli altri mezzi sostenibili anche in assenza di infrastrutture

L’invito è rivolto a tutti e tutte: «Non solo a chi ha una bici, ma anche chi è a piedi. Anche le famiglie con bambine e bambini sono invitate a partecipare e a usare la ciclabile umana». Il flash mob vuole essere una iniziativa pacifica e dimostrativa: per dimostrare che la riduzione della velocità incentiva la mobilità attiva e riduce il rischio di collisioni e danni letali, ma per dimostrare anche che è necessario cambiare abitudini di mobilità.

Rinunciare all’uso dell’auto privata a beneficio di una mobilità attiva richiede infatti interventi strutturali e una comunicazione chiara. Una città a misura di persona è infatti una città che sceglie di scommettere sui percorsi ciclabili, sulla protezione di quelli esistenti e dove i fondi necessari per attuare nuovi progetti sono affiancati a una cultura diffusa sulla mobilità sostenibile.

Cicilabile Umana
Flash Mob Ciclabile Umana a Torino
LE STRADE SONO DI TUTTI E TUTTE

“Le strade sono di tutte e tutti: dovrebbe essere sicuro e rispettato chi usa la bicicletta e gli altri mezzi sostenibili anche in assenza di infrastrutture”. In Europa diverse delle principali città sono già diventate Città 30. Anche in Italia le Amministrazioni di alcune città si stanno muovendo in questo senso, a partire da Olbia, Cesena, Bologna, Parma, Bergamo e Milano, che ha recentemente comunicato la volontà di istituire il limite di velocità in ambito urbano a 30 chilometri orari a partire dal 1° gennaio 2024.

E a Torino? Come informa il gruppo di cittadini torinesi promotori della manifestazione, «circa un mese fa anche il Consiglio Comunale di Torino ha approvato una mozione per ridurre a 30 km/h la velocità sulle strade senza diritto di precedenza. Ma è solo l’inizio, perché mancano ancora tempi e progetti certi per vedere realizzata questa mozione». 

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Due Zaini e Un Camallo: ecco come andare alla scoperta della Liguria in modo lento
Due Zaini e Un Camallo: ecco come andare alla scoperta della Liguria in modo lento

Città 30 km/h: l’appello delle associazioni al ministro Salvini per abbassare i limiti di velocità
Città 30 km/h: l’appello delle associazioni al ministro Salvini per abbassare i limiti di velocità

Il Governo taglia i fondi alle ciclabili: la rivoluzione della mobilità si allontana
Il Governo taglia i fondi alle ciclabili: la rivoluzione della mobilità si allontana

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Il caso Cospito adesso è un problema per il governo – #662

|

Ecco il nuovo calendario della RAN, per diffondere sostenibilità attraverso l’agricoltura del non fare

|

“Il Golfo ai poeti”: quali scenari possibili per un territorio militarizzato?

|

Casa Sociale delle Donne, a Catania un luogo di sostegno per chi è vittima di violenza

|

L’Italia è al primo posto in Europa per gli impatti sulla salute delle centrali elettriche a gas

|

Hangar Piemonte e Italia che Cambia insieme per raccontare la trasformazione culturale

|

Arte per combattere il decadimento cognitivo: una figlia racconta la storia di sua madre malata di Alzheimer

|

Io sono una mucca. Ecco la vita (e la sofferenza) degli allevamenti d’alpeggio