16 Feb 2023

Sentenza storica contro i bracconieri della pesca e il commercio illegale di datteri di mare

Scritto da: WWF

Il bracconaggio in mare è un fenomeno sempre più diffuso e redditizio, a cui però viene opposto il grande sforzo delle autorità investigative, che stanno ottenendo ottimi risultati nel contrasto all'illegalità. Un esempio è la recente sentenza che ha smantellato una rete criminale di commercio di datteri di mare, di cui sono vietate la pesca, la vendita e il consumo.

Salva nei preferiti

Campania - Con una sentenza emessa giovedì 2 febbraio 2023 il Tribunale di Napoli ha condannato due soggetti coinvolti nella vasta operazione che ha portato, nel 2021, a sgominare una fitta rete criminale dedita alla pesca illegale e alla commercializzazione di datteri di mare e che ha accertato la distruzione di enormi porzioni di fondale marino nell’area del Golfo di Napoli e dei faraglioni di Capri. 

Dopo le dure condanne inflitte lo scorso anno ai pescatori/fornitori, questa pronuncia coinvolge un ulteriore anello della filiera criminale, quello degli intermediari e i rivenditori, quindi le pescherie, che vendevano sotto banco il prodotto illegale che all’ingrosso raggiungeva cifre di circa 40 euro al chilo, arrivando a superare i 100 euro al dettaglio. 

datteri di mare

Gli imputati sono stati condannati a pene di quattro e sei anni di reclusione e al pagamento del risarcimento e delle spese processuali a favore delle parti civili, tra cui vi è il WWF Italia, assistito dall’avvocato Andrea Franco: «Si tratta di una sentenza storica – afferma il WWF Italia – perché finalmente si riconosce il bracconaggio come un fenomeno che, per gli enormi volumi d’affari illeciti generati, è svolto da soggetti organizzati in maniera professionale».  

Il Tribunale di Napoli, grazie al grande apporto della Procura e in particolare del dottor Giulio Vanacore che ha coordinato le fasi di indagini e l’accusa nei vari filoni processuali, ha dunque scardinato una diffusa visione, erroneamente riduttiva, dei crimini contro la fauna selvatica, considerati reati minori perché non valutati nella loro complessità, quali fenomeni idonei a coinvolgere, oltre agli aspetti ambientali e legati alla salute umana, anche quelli economici. Grande merito deve essere riconosciuto anche alle forze di Polizia, in particolare alla Guardia Costiera e alla Guardia di Finanza. 

pesca a strascico

«È necessario però – aggiunge l’avvocato Franco – che il Parlamento e il Governo forniscano alle autorità inquirenti e giudicanti strumenti più idonei per contrastare efficacemente questi odiosi crimini, sia a livello normativo, sia in termini di uomini e mezzi. Importante anche che si investa nella formazione e nella sensibilizzazione dell’opinione pubblica, che troppo spesso non riconosce la portata lesiva di alcune condotte illecite».  

La pesca dei datteri di mare è un fenomeno grave e diffuso. Secondo il report WWF dal titolo Il danno invisibile dei crimini di natura, realizzato nell’ambito del progetto Life SWiPE, dal 2015 al 2020 la Guardia Costiera ha disposto il sequestro di oltre due tonnellate di datteri di mare illecitamente pescati.  

Il Tribunale di Napoli ha scardinato una diffusa visione, erroneamente riduttiva, dei crimini contro la fauna selvatica, considerati reati minori perché non valutati nella loro complessità

Il Progetto LIFE SWiPE, di cui WWF Italia è partner, nasce per migliorare il contrasto ai crimini di natura, tramite la collaborazione diretta con magistrati, rappresentanti delle forze dell’ordine e con tutti coloro i quali hanno un ruolo attivo nelle azioni di investigazione e contrasto dei crimini contro la fauna selvatica.

Per saperne di più sul tema della pesca illegale e delle azioni che possiamo fare per combatterla vi invitiamo a leggere gli articoli che abbiamo realizzato in collaborazione con MedReact, che lavora per garantire l’efficace attuazione della Politica Comune della Pesca nel Mar Mediterraneo attraverso campagne per una pesca responsabile e per il recupero dell’ecosistema.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Gestione dei boschi vs natura selvatica. Parliamone! – A tu per tu + #16
Gestione dei boschi vs natura selvatica. Parliamone! – A tu per tu + #16

Felicetti, presidente LAV: “Occorre che le questioni animali entrino nell’agenda politica”
Felicetti, presidente LAV: “Occorre che le questioni animali entrino nell’agenda politica”

Il Belgio inserisce la tutela del benessere animale in Costituzione. E l’Italia?
Il Belgio inserisce la tutela del benessere animale in Costituzione. E l’Italia?

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

L’esercito israeliano attacca a Rafah, è strage di Civili, Israele sarà isolato? – #938

|

Salviamo il fiume Sarno: continua la lotta per la bonifica del fiume più inquinato d’Europa

|

Arriva Equa, l’app che ti dice quanto è sostenibile un prodotto

|

Scalo Sogni: il viaggio in solitaria di Ettore Campana arriva sulle vette del Caucaso

|

Una carta deontologica per raccontare la disabilità esiste già, ma bisogna applicarla

|

La VegToria, la nuova fattoria vegana sulle alture di Genova

|

Olga Karatch: “Contro la guerra patriarcale, dobbiamo dare voce alle donne per la pace”

|

WWOOFing all’Ecosfera: un viaggio alla scoperta della permacultura e di connessioni umane

string(6) "napoli"