30 Mar 2023

Microcredito e inclusione finanziaria: ecco alcune proposte per un’economia davvero etica

Scritto da: Redazione

La politica finanziaria globale sta facendo troppo poco per sostenere il mondo delle piccole imprese etiche e quelle fasce di popolazione, purtroppo sempre più ampie, a grave rischio povertà. Un rapporto presentato recentemente però analizza la situazione e propone soluzioni efficaci, come valorizzare lo strumento del microcredito e mettere in cima alla lista delle priorità l'inclusione finanziaria.

Salva nei preferiti

Se utilizzato in maniera consapevole, l’accesso al credito può essere un importante strumento per sostenere chi ha difficoltà economiche e contrastare povertà e diseguaglianze. Il passato ci insegna che molto, troppo spesso l’indebitamento è stato utilizzato a sproposito, ma i soggetti che si occupano di finanza etica hanno la visione e le competenze per rendere questo strumento un elemento che generi una reale inclusione finanziaria e, di conseguenza, economica e sociale.

Fra tali soggetti figurano il Gruppo Banca Etica, Carlo Borgomeo & Associati e la Rete Italiana di Microfinanza e Inclusione Finanziaria, che hanno presentato nei giorni scorsi un rapporto intitolato Inclusione finanziaria e microcredito per rispondere alla crisi sistemica. Il lavoro analizza la dinamica dell’inclusione finanziaria in Italia e approfondisce i dati relativi alle iniziative pubbliche o private di microcredito attive nel nostro Paese nel 2021 per mettere a fuoco lo stato dell’arte e ragionare su strategie e strumenti utili al rafforzamento dei processi di inclusione.

L’INCLUSIONE FINANZIARIA IN ITALIA

Banca Etica ha ideato un indicatore dell’inclusione finanziaria basato su un indice di intensità creditizia – ovvero il rapporto tra finanziamenti e PIL – e un indice delle condizioni di offerta del credito, cioè la propensione del sistema bancario a erogare finanziamenti in una data area del Paese. Nel 2020, si è manifestato un netto miglioramento dell’indice (+5,1% rispetto al 2019) che si è riportato ai livelli del 2012, anno di partenza delle rilevazioni.

microcredito

Questo risultato è il frutto di un trend positivo iniziato nel 2018, che si è consolidato proprio nel primo anno della crisi pandemica per merito delle misure di politica monetaria della BCE, seguite dalle iniziative istituzionali a favore dell’accesso alla liquidità per imprese e famiglie. Sul miglioramento ha influito anche la maggior propensione delle banche a erogare finanziamenti, soprattutto in funzione della crescita della finanza digitale. Il livello di inclusione finanziaria rimane però molto inferiore nelle regioni del Sud (-19%) e nelle Isole (-17%), nonostante una progressiva riduzione del differenziale. Un’area storicamente solida quale il Nord Est resta l’unica a mostrare ancora un marcato arretramento rispetto al 2012 (- 4,5%).

La ricerca dedica un approfondimento all’inclusione economica e finanziaria di genere, tema sul quale i dati internazionali segnalano un miglioramento a livello globale, ma anche una grande differenza tra i singoli Paesi, tra i quali spicca la difficile situazione italiana, fortemente legata alla perdurante differenza nell’accesso al lavoro per le donne (-18,4% il differenziale con gli uomini a fine 2021), così come alla scarsa alfabetizzazione finanziaria. Nell’ultimo decennio tuttavia si registrano per le donne significativi progressi nell’accesso ai servizi bancari di base, anche se, in alcuni casi, con livelli non ancora del tutto allineati alla media dell’eurozona.

IL MICROCREDITO IN ITALIA

La seconda parte della ricerca mette in luce il contributo del microcredito nel favorire l’inclusione finanziaria. L’analisi mostra come nel 2021, attraverso 132 iniziative, siano stati concessi in Italia micro-prestiti per 216,89 milioni di euro a favore di 15.239 soggetti da parte di soggetti pubblici ma anche privati – fondazioni non bancarie, banche e fondazioni bancarie, associazioni non profit, enti religiosi e Mutue di Autogestione – in rete con soggetti finanziatori (pubblici o privati).

anna fasano
Anna Fasano, Presidente di Banca Etica

Il 46% dei prestiti presenta importi fino a 25.000 euro. Il volume medio dei prestiti concessi ha superato i 14.000 euro. Nel 2021 si assiste a una significativa crescita del microcredito per startup o per il lavoro autonomo (+43%), anche in termini di importo (18,65 milioni, +70%), mentre risultano in riduzione i finanziamenti a imprese esistenti, ai lavoratori e alle famiglie. Più sfaccettata la situazione per gli interventi antiusura, che vedono un leggero incremento (da 1.187 a 1.217), seppure con un decremento degli importi (21,36 milioni, -12%); al contrario, i prestiti agli studenti decrescono lievemente (da 4.020 a 3.959) ma con una decisa crescita in termini di importi (49,61 milioni, +17%).

Il 2021 ha visto una forte riduzione del numero di nuovi programmi avviati (appena 6 contro una media di 21 dal 2005), anche se si è assistito a una crescita continua del numero di prestiti (media 15.000 annui) a dimostrazione di come si sia puntato soprattutto sul rafforzamento di programmi esistenti piuttosto che sull’avvio di nuovi programmi.

LE PROPOSTE PER SOSTENERE L’INCLUSIONE FINANZIARIA

«Tra la fine del 2022 e l’inizio del 2023 gli scenari economici sono dominati da incrementi del costo dell’energia e da conseguenti aumenti a due cifre dell’inflazione, cui le banche centrali stanno rispondendo con un programma di rialzo dei tassi di interesse che rischia concretamente di rendere più difficile l’accesso al credito», ha osservato la presidente di Banca Etica, Anna Fasano.

«Per evitare nuovi peggioramenti degli indicatori dell’inclusione finanziaria Banca Etica propone di agire con misure a sostegno del Terzo Settore impegnato sul fronte dei servizi di welfare e di inclusione anche finanziaria. Alcune importanti misure potrebbero arrivare dalla UE, ad esempio mediante l’applicazione di principi di proporzionalità nella definizione delle regole bancarie, che possano consentire un’efficace azione di vigilanza senza penalizzare gli intermediari più piccoli, i quali spesso svolgono un ruolo importante nelle aree a maggior rischio di esclusione sociale».

La Rete Italiana di Microfinanza e Inclusione Finanziaria – RITMI ha negli ultimi anni dato voce al dibattito sulla riforma della normativa sul microcredito, con l’intento di affrontare la sfida dell’inclusione finanziaria con una azione sistematica e integrata di riforma della normativa e di creazione di strumenti di sostegno al settore. «Il Microcredito va oltre le mode passeggere. È tempo di costruire servizi finanziari permanenti di prossimità come misure concrete di contrasto all’esclusione finanziaria e alla povertà nel nostro Paese», afferma Giampietro Pizzo, presidente di RITMI.

Quell’ dell’inclusione finanziaria dovrebbe diventare un tema centrale soprattutto in una fase in cui si manifestano in modo molto acuto gli effetti della crisi

Dal Festival della Microfinanza al microcredito come strumento di cooperazione internazionale, sono diverse le iniziative sul tema che abbiamo raccontato anche su Italia Che Cambia. «L’intero settore deve saper innovare – prosegue Pizzo –, mettendo in campo soluzioni efficaci come ad esempio la promozione di partnership pubblico-private tra gli enti regionali e gli intermediari finanziari, per il sostegno diffuso di nuove iniziative d’impresa e il consolidamento di quelle esistenti, per la prevenzione del sovraindebitamento e la lotta alla criminalità usuraia».

«Il tema dell’inclusione finanziaria dovrebbe richiamare una maggiore attenzione da parte delle istituzioni. Non più una questione marginale cui vengono dedicate scarse risorse e attenzione dal punto di vista normativo, ma un tema centrale soprattutto in una fase in cui si manifestano in modo molto acuto gli effetti della crisi: povertà, dilagare dell’usura, difficoltà per le microimprese. Bisogna rivedere una legislazione per certi versi carente e per altri versi ridondante: superare il Testo unico Bancario, prevedere l’estensione delle garanzie pubbliche al microcredito sociale, precisare il ruolo dell’Ente Nazionale del Microcredito, rendere più incisivi gli interventi per il risarcimento delle vittime dell’usura», ha concluso Carlo Borgomeo.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Banca Etica è la prima banca italiana a stipulare un accordo con la BEI per sostenere donne, rifugiati e sviluppo nel Mezzogiorno
Banca Etica è la prima banca italiana a stipulare un accordo con la BEI per sostenere donne, rifugiati e sviluppo nel Mezzogiorno

A Palermo si festeggiano i primi 25 anni di Banca Etica
A Palermo si festeggiano i primi 25 anni di Banca Etica

Ugo Biggeri: e se finanza etica ed economia sociale arrivassero a Bruxelles?
Ugo Biggeri: e se finanza etica ed economia sociale arrivassero a Bruxelles?

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Biden si è ritirato dalle presidenziali Usa! Che succede adesso? Chi è Kamala Harris? – #968

|

Un coliving rurale come risposta al turismo di massa e allo spopolamento

|

Transizione energetica, speculazione o tutela dell’ambiente?

|

Teatri Riflessi, tra arte e comunità uno sguardo contemporaneo

|

Con Four Seasons Natura e Cultura è sempre il momento giusto per viaggiare e scoprire il fascino dell’esotico

|

Crollo alle Vele di Scampia: un drammatico richiamo alla ristrutturazione urbana e alla sicurezza

|

Hanno arrestato Paul Watson. E noi siamo le vittime o i carcerieri?

|

Casa Primera, per una fuga sostenibile e off grid

string(9) "nazionale"