29 Ago 2023

Fassino e il problema di una politica sempre più scollata dalla realtà

Scritto da: Michele Cagnini

Qualche giorno fa Piero Fassino del Partito Democratico, ha mostrato in aula il cedolino del proprio “stipendio” da deputato, scatenando un vespaio mediatico e social che ha dimostrato ancora una volta la lontananza del suo partito dalle istanze popolari. Il nostro Michele Cagnini prova ad analizzare le considerazioni di Fassino non solo ragionando sui numeri, ma anche tastando il polso della classe politica italiana.

Salva nei preferiti

Il 3 agosto scorso l’onorevole Piero Fassino si è presentato in aula con un nobile intento: smascherare una volta per tutte la populista ipocrisia di chi afferma che i parlamentari guadagnano troppo. Armato del proprio cedolino, nel quale viene riportata l’indennità lorda che riceve ciascun deputato, ha iniziato il suo intervento sottolineando il fatto che non si ha mai tempo di discutere di quanto guadagnino effettivamente i nostri rappresentanti

«Un’indennità lorda di 10435 euro dalla quale, tolte le tasse, si arriva ad una netta di 4718 euro», ha spiegato il deputato del partito democratico. Cifra che, a detta dell’onorevole, non sarebbe uno stipendio d’oro ma una retribuzione “giusta”. A quelle parole, si sono subito levati gli applausi dall’aula. Fassino ha poi esortato i colleghi di smetterla di fare polemica sulle retribuzioni parlamentari, facendo notare che la loro è una “buona indennità” ma non è uno stipendio d’oro.

Visto che l’onorevole Fassino ha fatto riferimento ai numeri per supportare le sue dichiarazioni, penso che sia giusto che anche in questa sede facciamo lo stesso. Secondo i dati ISTAT, lo stipendio medio di un cittadino italiano si aggira intorno ai 27.000 euro annui lordi, quindi circa 2200 euro al mese che, al netto delle tasse, sono intorno ai 1100/1300 euro mensili. Insomma circa un quarto di quello che percepisce un parlamentare della Repubblica

Proviamo a prendere in considerazione anche altri dati, per esempio quelli sulla povertà. Sempre secondo i calcoli dell’ISTAT, circa un italiano su venti si trova in condizioni di indigenza totale – povertà assoluta, secondo i nuovi indicatori definiti dall’Unione Europea –, mentre 14 milioni di italiani si troverebbero a rischio povertà. Dubito che tra questi troveremmo un senatore o un deputato. 

Il problema non è Fassino, deputato in 7 legislature, ma piuttosto la scollatura tra Fassino e il mondo reale

Ma adesso torniamo sull’indennità lorda di un parlamentare, che come si può immaginare non viene comunque devoluta tutta in “tasse” nel senso stretto. Infatti dei 5000 euro circa che non arrivano direttamente in busta paga, 700 euro vengono erogati nell’assegno di fine mandato e altri 500 sono destinati all’assistenza sanitaria. Nel computo dell’onorevole Fassino sembrano poi mancare i 3500 euro mensili di diaria per le spese di soggiorno a Roma, più altri 1650 euro mensili per spese telefoniche e di viaggio, senza contare la tessera che facilita gli spostamenti in tutte le parti d’Italia. 

Lasciando da parte le polemiche, vale la pena affrontare seriamente la questione. In termini assoluti posso essere d’accordo nel dire che non si tratta di una quantità spropositata di soldi. D’altronde queste persone – in teoria – dovrebbero rappresentare il meglio della nostra nazione e dovrebbero essere in grado di prendere decisioni senza il rischio di ritorsioni o tentativi di corruzione. Ma aimè, mai teoria e pratica si allontanano di più che nel campo della politica.

fassino

Come ho argomentato prima, è in termini relativi e non generali che bisognerebbe ragionare: 4718 euro sono il decuplo del reddito di cittadinanza – che recentemente è stato abolito dal Governo. Tale cifra è inoltre molto superiore a quella che serve per vivere dignitosamente a una famiglia media. Al di là delle reazioni personali, sentire il deputato di un partito che si presenta come “popolare” schierarsi contro chi critica gli stipendi dei parlamentari è l’ennesima testimonianza come l’attuale classe dirigente sia svuotata di legittimità e consapevolezza.

Il problema non è Fassino, deputato in 7 legislature, ma piuttosto la scollatura tra Fassino e il mondo reale. Giustamente la leader del Partito Democratico Elly Schlein ha preso le distanze dalle parole dell’onorevole, ma ormai il danno è fatto. Fassino è la voce della dissonanza cognitiva, ormai tipica dei partiti social-democratici, che oscilla tra un’ideale di uguaglianza e una pratica antipopolare e classista.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Isole minori, siccità e costo dell’acqua. Quanto è difficile vivere in una piccola isola
Isole minori, siccità e costo dell’acqua. Quanto è difficile vivere in una piccola isola

Monte Nuovo: politici, medici, accademici e pluripregiudicati. La fitta ragnatela del mondo di mezzo in salsa sarda
Monte Nuovo: politici, medici, accademici e pluripregiudicati. La fitta ragnatela del mondo di mezzo in salsa sarda

Guerra e industria bellica: come porvi fine? A colloquio con Max Aliprandini della Lega Obiezione di Coscienza
Guerra e industria bellica: come porvi fine? A colloquio con Max Aliprandini della Lega Obiezione di Coscienza

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Biden si è ritirato dalle presidenziali Usa! Che succede adesso? Chi è Kamala Harris? – #968

|

Un coliving rurale come risposta al turismo di massa e allo spopolamento

|

Transizione energetica, speculazione o tutela dell’ambiente?

|

Teatri Riflessi, tra arte e comunità uno sguardo contemporaneo

|

Con Four Seasons Natura e Cultura è sempre il momento giusto per viaggiare e scoprire il fascino dell’esotico

|

Crollo alle Vele di Scampia: un drammatico richiamo alla ristrutturazione urbana e alla sicurezza

|

Hanno arrestato Paul Watson. E noi siamo le vittime o i carcerieri?

|

Casa Primera, per una fuga sostenibile e off grid

string(9) "nazionale"