La mappa dell'Italia che Cambia

daSud

daSud

L’Associazione daSud è nata nel 2005 in Calabria, è un’associazione antimafie che mette in rete competenze per lavorare al contrasto socio-culturale delle mafie, attraverso un percorso di approfondimento, elaborazione, racconto e sensibilizzazione, che si propone di recuperare memoria dal basso, elaborare un nuovo racconto delle mafie, costruire un nuovo immaginario antimafia, promuovere i diritti civili e sociali, prendersi cura delle questioni di genere.

Si caratterizza per le produzioni culturali (libri, dossier, e-book e graphic novel sul racconto delle vittime di mafie e del radicamento del fenomeno mafioso sul territorio), le coproduzioni di documentari, spettacoli teatrali e opere musicali in chiave antimafia, le campagne come strumento di denuncia e sensibilizzazione, le proposte concrete per una buona governance dei territori e per un’antimafia delle opportunità, i percorsi di formazione sul territorio e nelle scuole con i daSud Lab e la web radio RadiodaSud.

Dal 2009, daSud ha sede a Roma, dove ha aperto la prima mediateca sulle mafie e l’antimafia dedicata a “Giuseppe Valarioti” e dove a ottobre 2016 ha lanciato ÀP: l’Accademia Popolare dell’antimafia e dei diritti, che ha preso vita a marzo 2017 all’interno degli spazi sotto-utilizzati di una scuola della periferia sud-est della Capitale, l’IIS Enzo Ferrari di Cinecittà/Don Bosco, con l’intento di porsi come hub culturale e sociale contro la dispersione scolastica e per la riattivazione del territorio, attraverso la promozione della produzione artistica sulle mafie e i diritti.

Dalla sua nascita ad oggi, daSud ha mantenuto fede ai principi cui si è sempre ispirata.

Il primo è l’importanza della memoria, essenziale per tenere vivo il tessuto dell’antimafia e il ricordo delle vittime innocenti delle mafie. Un principio che daSud ha tradotto in un percorso iniziato nel 2005 con il progetto “Memorie estorte” di cui fanno parte: i libri Il sangue dei giusti (Città del Sole edizione, 2007) sulla storia delle vittime di ‘ndrangheta Ciccio Vinci e Rocco Gatto, Il caso Valarioti sulla storia di Giuseppe Valarioti ucciso nel 1980 (Round Robin editrice, 2010), Dimenticati. Vittime della ‘ndrangheta (Castelvecchi editore, 2010, Premio Indro Montanelli 2011) e che è proseguito con il dossier in due volumi Sdisonorate. Le mafie uccidono le donne e con la collana di graphic novel sulle vittime di mafie Progetto Libeccio, tre volte vincitrice del Premio Giancarlo Siani.

Il secondo è il coraggio della denuncia, che è strettamente collegato alla necessità di sviluppare un punto di vista critico sulla società. Vanno in questa direzione il focus sulle mafie a Roma con gli e-book Roma Tagliata Male e Mammamafia. Il welfare lo pagano le mafie che hanno anticipato l’inchiesta su Mafia Capitale; il focus su giovani, mafie e periferie con il dossier Under; le campagne Le mafie ci uniscono (lanciata in occasione dei 150 anni dell’Unità d’Italia), #Romacittàdimafie (seguita dal provocatorio Roma Mafie Tour nei luoghi di mafia della Capitale), #Fattidimafia sul sistema droga a Roma e #FilieraSporca contro il caporalato in agricoltura. E risponde a questa logica anche Restart, il festival delle creatività antimafia e dei diritti che daSud promuove da tre anni e che ha come suo evento conclusivo l’assegnazione del Premio Restart alle realtà e personalità del sociale e della cultura che si sono distinte per il loro impegno antimafia.

Il terzo è quello dell’antimafia delle opportunità e come prerequisito dell’agire pubblico. Vanno in questa direzione la campagna #1oradamore per l’introduzione dell’educazione sentimentale nelle scuole contro la violenza di genere, la proposta politica di destinare il 3% dei soldi sottratti alle mafie al finanziamento delle borse di studio, il protocollo Municipi Senza Mafie (la carta d’intenti con impegni verificabili su appalti, corruzione, azzardo e beni confiscati, firmata nel 2013 da tutti i presidenti dei Municipi di Roma) e la campagna +Terra=+Lavoro+Diritti sulla riappropriazione e valorizzazione delle terre pubbliche abbandonate e sulla creazione di nuova occupazione.

Infine c’è la cultura che, esercitata in tutte le sue forme, è un grande antidoto antimafia. Da qui, la valorizzazione del teatro e della musica come strumenti per la costruzione di percorsi antimafia, offrendo storie, contributi e spazi di esibizione a gruppi e compagnie che hanno riscoperto il territorio meridionale, le sue storie, i suoi dialetti, utilizzandoli come mezzi espressivi per la costruzione di una nuova identità meridionale senza le mafie. E numerose altre iniziative, tra cui: la Lunga Marcia della Memoria, evento annuale itinerante con tappa finale in Aspromonte, in Calabria; il restauro, nel 2008, a Gioiosa Ionica (RC) del murale dedicato a Rocco Gatto, definito il “Quarto Stato dell’anti-‘ndrangheta”; la realizzazione nel 2014 del primo murale antimafia di Roma alla Collina della Pace e dei disegni antimafia all’Ara Pacis; e, infine, nel 2015, la realizzazione di Mc Mafia, la prima mostra su mafia, camorra e ‘ndrangheta nella storia del fumetto.

La realtà è stata selezionata all’interno del progetto Pensa2040 a cura di CCO Onlus.

Ultimo aggiornamento del 02 Marzo 2021

Contatta la realtà

Indirizzo

Sito

Email

Facebook

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci