Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
5 Ago 2020

Esplosione a Beirut: tutto quello che sappiamo – Io Non Mi Rassegno #195

La violenta esplosione di un deposito di ammonio nella zona vicino al porto di Beirut, ieri pomeriggio, campeggia sulle prime pagine di tutti i giornali. Sulle cause c’è ancora il mistero: è stato un incidente? Quanto è realistica l’ipotesi di un attentato? E cosa c’entra Rafiq Hariri, controversa figura politica libanese uccisa in un attentato nel 2005? Commentiamo anche due nuovi studi che ci mostrano l’estrema complessità degli ecosistemi: uno riguarda alcuni spiacevoli effetti collaterali della strategia di conservazione del panda gigante, l’altro ha a che fare con l’effetto priming.

Articoli:

#Beirut #esplosione
la Repubblica – L’inferno di Beirut: almeno cento morti e pericolo tossine nell’aria. Cause da chiarire
Libero – Beirut, Dago-flash sul fungo ‘atomico’: “Saltato in aria deposito pieno di armi di Hezbollah, forse missili”
il Post – L’enorme esplosione a Beirut, in Libano
AdnKronos – Esplosioni Beirut, fonti Hezbollah: “E’ stato sabotaggio israeliano”

#Baghdad
Internazionale – Un po’ di chiarezza sulle violenze della polizia a Baghdad

#India
AltrEconomia – India: così il governo sta approfittando della pandemia per schiacciare il dissenso

#Argentina #default
il Post – L’Argentina ha trovato un accordo con i creditori esteri per ristrutturare il proprio debito da 66 miliardi di dollari

#ecosistemi #complessità
Greenreport – Il panda è salvo, ma la sua salvaguardia ha provocato la scomparsa di altri mammiferi
Rinnovabili.it – Le radici delle piante aumentano le emissioni di carbonio dal permafrost

#carbone
Rinnovabili.it – Crolla il carbone e stavolta il tonfo è globale

#sondaggi
Greenreport – Ipsos, fa più paura il clima che il Covid. Ma quanta confusione sull’inquinamento da plastica

#mascherine
Valigia Blu – Cosa dicono gli ultimi studi sulle mascherine

#riflessioni
Italia che Cambia – Come creare una società più equa e collaborativa nella ripresa post Covid-19?

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace


Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Il punto sul reddito di cittadinanza – Io Non Mi Rassegno #119

|

Quanta co2 indossiamo? Moda sostenibile alla Fashion Revolution Week

|

Genova e “Il ponte silenzioso”. Riflessioni di quasi due anni dopo

|

Banca Etica lancia i “cultura bond” per sostenere le imprese culturali in crisi

|

Tre amiche e un’idea nata “per caso” per valorizzare la Sicilia

|

“Ragazzi irresponsabili” e Italia che Cambia a Torino per il festival di Cinemambiente

|

Leila, la biblioteca degli oggetti apre alla condivisione dei saperi

|

Francesco Bernabei: dall’istruzione parentale alla finanza etica, storia di uno “sviluppatore del cambiamento”