17 Dic 2019

Il mondo in piazza (bis) – Io Non Mi Rassegno #38

Facciamo un riepilogo di come stanno andando le proteste nei vari paesi del mondo, di cui abbiamo già parlato durante le puntate precedenti. Resta alta la tensione in Iran e Iraq, dove sale anche il numero dei morti. A Hong Kong le manifestazioni non si placano nonostante la stretta di arresti della polizia. In America Latina il presidente Boliviano Morales è rifugiato in Argentina, mentre in Cile si vota per proporre una nuova costituzione.

Podcast:

Articoli:

#Iran
Ansa – Iran: Amnesty, almeno 304 morti nella repressione delle proteste 

#Iraq
il manifesto – L’Iraq dei giovani ha fame. Di rivoluzione
AltrEconomia – Arresti e sparizioni degli attivisti in Iraq. Le proteste pacifiche nel sangue

#Libano
Internazionale – In Libano si continua a lottare in nome della dignità

#Siria
la Repubblica – Siria, la crisi libanese, l’inflazione e la scarsa liquidità affossano l’economia del Paese in guerra

#Hong Kong
Osservatorio Diritti – Hong Kong: le proteste hanno gli anni contati
BBC News – The Hong Kong protests explained in 100 and 500 words
TGCOM 24 – Hong Kong, da inizio proteste arrestate 6.105 persone di cui 2.430 studenti

#Cile
Ansa – Cile: 2 mln chiedono nuova costituzione
Open – A volte ritornano: 46 anni dopo a Santiago del Cile ci sono ancora la piazza, gli Inti-Illimani e quell’inno…

#clima
Internazionale – La crisi climatica minaccia l’agricoltura italiana

#artico
Valori – Il colosso dei mari va controcorrente: «giù le mani dall’Artico» 

#finanza
Valori – Quel cortocircuito pericoloso tra money market e banche centrali 

La sola rassegna stampa che non segue l’agenda setting! 

Questa rassegna stampa dal lunedì al venerdì vi tiene informati su quello che succede nel mondo, scegliendo liberamente di non seguire le logiche dell’informazione mainstream. 

È gratuita e disponibile per tutti grazie al contributo di chi crede nel nostro giornale. Fallo anche tu, diventa un attivista digitale e aiutaci a costruire ogni giorno un’informazione diversa, senza filtri, autentica. 

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace


Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Il Cile è pronto a rivoluzionare la costituzione! – Io Non Mi Rassegno #371

|

Ossa forti e in buona salute per tutta la vita

|

Fondo Forestale Italiano: compriamo boschi per salvarli dall’abbattimento

|

La ‘ndrangheta non è un alibi, la Calabria può cambiare

|

Jonida Xherri e la sua arte partecipata che unisce i popoli

|

Il ciclo mestruale e il ciclo della vita. Un miracolo che si ripete ogni mese – Amore Che Cambia #5

|

Ammàno: “Torno in Calabria per fare il contadino”

|

Lo sviluppo delle aziende nella transizione ecosostenibile