5 Nov 2012

Prenderla con filosofia

Scritto da: Daniel Tarozzi

Bolzano - Quando ti svegli una mattina e sta per iniziare una giornata ricca di chilometri e appuntamenti e il […]

Bolzano - Quando ti svegli una mattina e sta per iniziare una giornata ricca di chilometri e appuntamenti e il camper non ti parte, ti dici: devo prenderla con filosofia. Cambi le candelette, gli lasci 200 euro (che non hai) e cercando di sorridere riparti. Quando il giorno dopo, mentre stai guidando in una strada buia del Trentino, la ruota ti si frantuma in 100 pezzi, ti dici: devo prenderla con filosofia, sono gli inconvenienti di questo tipo di viaggio. Ti accosti su un prato, il camper si insabbia. Tirarlo fuori, di notte, ti costa 40 euro. Riparti sorridendo. Quando il giorno dopo ancora, dopo 8 ore di interviste e prima di altre ore di lavoro, il camper – senza alcun motivo apparente – non parte di nuovo (e il motore è nuovo, e lo hai fatto controllare 3 volte negli ultimi due mesi), la filosofia comincia a vacillare…

gomma

Prendila con filosofia!


Dopo sforzi e angosce, parte a spinta. Arrivi finalmente di fronte ad un meccanico (chiuso. E’ domenica…)
La mattina dopo il camper parte senza problemi. Il meccanico, svogliato come molti della sua categoria, ti fa capire che non ha voglia di metterci le mani. Tu sai che non è la batteria e che nei prossimi giorni, probabilmente, non partirà di nuovo. Prendila con filosofia ti dici…
Sono gli imprevisti di un viaggio come questo. Lo stupido sorriso che hai sulle labbra, però, è sempre più tirato.
Per fortuna, tra le candelle e la gomma, tra il motorino di avviamento (sarà lui?) e i meccanici indolenti, hai incontrato Elisa Nicoli e la sua straordinaria forza vitale, Alessandro Borzaga di Passamano (il negozio in cui non si paga, o quasi) e infine, sul camper impunemente bolccato da un guasto misterioso, Gaia e Michael, poco più che ventenni, con uno splendido bambino in braccio e una incrollabile certezza sul futuro e il presente – ovviamente in transizione – che ti scalda il cuore. Sono loro, insieme al tuo compagno di viaggio Paolo, che riescono davvero a trasformare quel ghigno tirato in un sorriso.
Grazie.

Articoli simili
Il Fuoco, l’elemento sacro di consapevolezza per sé stessi e per il mondo
Il Fuoco, l’elemento sacro di consapevolezza per sé stessi e per il mondo

Ecco come cambiare noi stessi e la società attraverso l’aria, l’elemento della mente
Ecco come cambiare noi stessi e la società attraverso l’aria, l’elemento della mente

Eirene: danzare per riconnetterci al nostro lato più “selvatico”
Eirene: danzare per riconnetterci al nostro lato più “selvatico”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

#maipiùstragi, oggi c’è la grande manifestazione contro la ‘ndrangheta – #555

|

Hortus, l’orto urbano aeroponico che insegna a ridurre il consumo dell’acqua

|

Giocherenda: per un gruppo di migranti il gioco è diventato uno strumento di riscatto e inclusione

|

Da giornalista di moda a giardiniera: la nuova vita di Laura Bianchi

|

24 tappe in tutta Italia per promuovere il turismo responsabile: ecco il programma di IT.A.CÀ

|

L’agricoltura Permarigenerativa: quando la permacultura incontra le agricolture rigenerative – Meme #40

|

Modicaltra, i cittadini si mettono insieme per rigenerare la città e fermare il consumo di suolo

|

Quanto costa la nostra energia al pianeta? Tra fonti fossili e rinnovabili, ecco i rifiuti che produciamo