15 Nov 2013

Come sopravvivere alla finanza, Terranave ne parla con Daniel Tarozzi

Terranave è una trasmissione radiofonica settimanale condotta da Marzia Coronati che fa riferimento ad Amisnet, un’agenzia radiofonica indipendente che dal 1998 realizza […]

paura-soldiTerranave è una trasmissione radiofonica settimanale condotta da Marzia Coronati che fa riferimento ad Amisnet, un’agenzia radiofonica indipendente che dal 1998 realizza programmi di approfondimento distribuiti gratuitamente a una rete di radio comunitarie e locali italiane.
Terranave e Italia che Cambia hanno deciso di collaborare. Ogni venerdì vi proporremo in streaming sul nostro sito la nuova puntata della trasmissione. Le tematiche di Terranave sono molto affini alle nostre: si parla di decrescita, orti urbani, finanza etica e popolare; si raccontano le esperienze e le realtà virtuose che esistono nel nostro paese e di cui nessuno parla.

In questa prima puntata si parla di finanza etica e di prossimità come alternativa all’economia speculativa. L’idea della finanza come un semplice mercato dei soldi era alla base della nascita delle banche nel Medioevo e delle casse di mutuo soccorso sorte nell’800, oggi invece la finanza è, per lo più, fare soldi dai soldi, nel più breve tempo possibile. Ci sono però realtà che continuano a dare alla finanza il suo significato originario.
In questa puntata si parla anche di Mag. La Mag è una delle esperienze raccontate nel libro “Io faccio così”, di Daniel Tarozzi, che interviene in trasmissione per raccontare le sue impressioni del post-viaggio.
Nate per offrire accesso al credito per microattività, le Mag tentano di mettere una toppa a quello che non fanno le banche e gli intermediari finanziari. Queste cooperative, esistenti in diverse città italiane, operano in completa trasparenza, erogando prestiti in base a garanzie non patrimoniali ma personali e valutando il progetto da finanziare in base all’impatto ambientale, economico e sociale sul territorio.
La Mag di Roma in questi giorni compie otto anni di attività, quella di Reggio Emilia ne compie 25 e quella di Verona esiste dagli anni ’70. Sorte sulla spinta di una legge del 1886 sulle società di mutuo soccorso, con l’obiettivo di sostenere la costruzione di una nuova economia attraverso una finanza diversa, queste cooperative hanno finanziato centinaia di progetti, rivolti a persone fisiche o associazioni. Nonostante non sia stata mai richiesta una garanzia patrimoniale ai richiedenti, fino ad oggi la stragrande maggioranza dei prestiti sono andati a buon fine.
Per saperne di più:
Il sito del network Amisnet: amisnet.org
L’archivio delle puntate di Terranave: amisnet.org/programmi/terranave

Articoli simili
Banca Etica: ambiente e finanza etica grandi assenti nella campagna elettorale
Banca Etica: ambiente e finanza etica grandi assenti nella campagna elettorale

Banca Etica e il suo impegno a favore dei progetti di salvataggio e accoglienza dei migranti
Banca Etica e il suo impegno a favore dei progetti di salvataggio e accoglienza dei migranti

In che modo una banca può creare impatti sociali e ambientali positivi? Il caso di Banca Etica
In che modo una banca può creare impatti sociali e ambientali positivi? Il caso di Banca Etica

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

No, la Cina non ha voltato le spalle alla Russia – Io Non Mi Rassegno #590

|

Salute e sostenibilità, al Parlamento Europeo si gettano le basi per un modello a misura di persona e di ambiente

|

Ti mangio il cuore: la storia di una donna e della sua battaglia con la quarta mafia

|

In val di Vara uno storico mulino del settecento tornerà a macinare castagne e cereali

|

Scegliere: la piccola rivoluzione di chi decide come vuole costruire la propria vita

|

La storia di Roberta, da Genova alla val Borbera: “La mia nuova vita circondata dalla lavanda”

|

Dal kintsugi al boro sashiko, le arti giapponesi che insegnano a ricomporre gli oggetti rotti valorizzandoli

|

Decennale di Italia Che Cambia: le emozioni di una settimana speciale