21 Mar 2014

Mettersi in rete per una nuova medicina

La salute, la formazione medica, la relazione medico-paziente. La puntata di Terranave di questa settimana propone un viaggio nell’istituzione medica […]

500px-collaboration-handsLa salute, la formazione medica, la relazione medico-paziente. La puntata di Terranave di questa settimana propone un viaggio nell’istituzione medica alla scoperta dei suoi limiti, con uno sguardo attento alle alternative messe in campo o immaginate.
Rimettere dentro al processo di salute la dimensione politica e sociale. E’ questo l’obiettivo di un gruppo di studenti e studentesse di medicina che in questi anni si sono messi in rete. Uniti da un senso di inadeguatezza rispetto al mandato sociale di tutelare e proteggere la salute delle persone, questi giovani hanno iniziato un percorso di auto-formazione, che ha colmato le lacune lasciate dall’accademia e che oggi sta sfociando nella creazione di un’università popolare di medicina.

“Medici senza camice, pazienti senza pigiama” è un libro scritto a più mani da alcuni laureandi in medicina, a seguito di un cantiere di socioanalisi narrativa iniziato nel 2012. Nel libro si parla di salute globale, lo stesso argomento che sta a cuore alla Riisg, la Rete internazionale di salute globale, di cui anche i Medici senza camice fanno parte. La salute globale, spiega la Riisg, è una lente attraverso alla quale si guarda alla medicina in modo più completo, considerando i determinanti sociale della salute, la globalizzazione, le diseguaglianze in salute, i processi politici sociali.
“Se la malattia è valutata solo da un punto di vista biologico si perdono di vista gli aspetti psicologici e le cause sociali delle patologie”, concludono i protagonisti di questa rete.

Per saperne di più leggi:
 
io-faccio-cosi-libro-70810Daniel Tarozzi
Io faccio così
Viaggio in camper alla scoperta dell’Italia che cambia
 
 
medicinaFrédéric Saldmann
La Vostra Migliore Medicina siete Voi! – Libro
Un grande medico spiega come stare bene e curarsi senza farmaci

Vuoi cambiare la situazione di salute e alimentazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Articoli simili
Una vacanza detox al Centro Ecologico Autosufficienza per equilibrare il proprio essere
Una vacanza detox al Centro Ecologico Autosufficienza per equilibrare il proprio essere

Vaccini e farmaci: ecco la proposta di medici e ricercatori per fermare l’oligopolio delle case farmaceutiche
Vaccini e farmaci: ecco la proposta di medici e ricercatori per fermare l’oligopolio delle case farmaceutiche

Vaccini Covid, tutto quello che c’è da sapere
Vaccini Covid, tutto quello che c’è da sapere

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi