11 Giu 2014

Il fenomeno delle Social Street: Luigi Nardacchione presenta l'esperienza di via Fondazza, prima "strada sociale" al mondo

Bologna - A Bologna abbiamo scambiato due chiacchiere con Luigi Nardacchione, fra i fondatori e attuale coordinatore della prima social street, […]

Bologna - A Bologna abbiamo scambiato due chiacchiere con Luigi Nardacchione, fra i fondatori e attuale coordinatore della prima social street, quella di via Fondazza a Bologna, che poi ha dato origine a un fenomeno che si è diffuso in tutto il mondo.
In attesa dell’intervista più approfondita che uscirà nelle prossime settimane, eccovi una pillola dell’incontro!

Articoli simili
Il verde come antidoto al grigiore urbano: sbocciano i fiori in Lungomare Canepa
Il verde come antidoto al grigiore urbano: sbocciano i fiori in Lungomare Canepa

Emerging Communities, un viaggio alla scoperta della Serbia in cambiamento
Emerging Communities, un viaggio alla scoperta della Serbia in cambiamento

Daniela: “Ho allestito un punto bookcrossing nel mio condominio perché credo nella condivisione della cultura”
Daniela: “Ho allestito un punto bookcrossing nel mio condominio perché credo nella condivisione della cultura”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

I programmi dei partiti ai raggi X – #585

|

Oggi “sciopero creativo” per il clima e per il futuro!

|

La Sicilia Che Cambia: vi raccontiamo cosa sta succedendo sull’isola!

|

Retake scende in campo per il World Cleanup Day: milioni di persone puliscono il territorio

|

Zō trasforma Catania in un centro internazionale della rivoluzione artistica e musicale

|

Andrea di Nebraie: “Sono tornato in val Borbera per far rinascere il territorio”

|

Impresa che cambia: scopriamo gli esempi virtuosi insieme ai loro protagonisti

|

Italia Che Cambia si presenta! Un viaggio lungo dieci anni per raccontare il cambiamento