11 Giu 2014

Il fenomeno delle Social Street: Luigi Nardacchione presenta l'esperienza di via Fondazza, prima "strada sociale" al mondo

A Bologna abbiamo scambiato due chiacchiere con Luigi Nardacchione, fra i fondatori e attuale coordinatore della prima social street, quella di […]

A Bologna abbiamo scambiato due chiacchiere con Luigi Nardacchione, fra i fondatori e attuale coordinatore della prima social street, quella di via Fondazza a Bologna, che poi ha dato origine a un fenomeno che si è diffuso in tutto il mondo.
In attesa dell’intervista più approfondita che uscirà nelle prossime settimane, eccovi una pillola dell’incontro!

Articoli simili
Pronti alla vera contaminazione?
Pronti alla vera contaminazione?

Parco Sole di Notte, un luogo di divertimento e socialità per bambini e ragazzi con malattie
Parco Sole di Notte, un luogo di divertimento e socialità per bambini e ragazzi con malattie

Storie di vita in carcere: se per molti fosse l’unica casa?
Storie di vita in carcere: se per molti fosse l’unica casa?

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Scuola, salute, green pass, crisi ambientale: ecco le soluzioni possibili

|

Green pass obbligatorio: l’Italia è in fermento – Aspettando Io Non Mi Rassegno #3

|

Oggi si celebrano le contadine, le donne che stanno rilanciando l’agricoltura

|

Da Giulia che pianta alberi a Rosa Maria, alfiera delle minoranze: arrivano i giovani changemakers

|

Ci trasferiamo in un paese del Sud Italia? Qualcosa sta avvenendo a Civita, in Calabria

|

Università in cammino: la scuola senza voti che torna alle origini dell’insegnamento

|

Terre del Magra, la cooperativa di comunità che valorizza il territorio e supporta gli abitanti