16 Giu 2014

Io faccio così in Tour #5 – Sara Vegni, il ruolo di ActionAid nell’Abruzzo post terremoto

“L’Italia che cambia per me è la cittadinanza attiva, è rendersi conto che non si può più delegare ma si […]

“L’Italia che cambia per me è la cittadinanza attiva, è rendersi conto che non si può più delegare ma si devono riprendere in mano i destini delle comunità, di noi stessi per prima, rendersi conto che partecipare non è inutile e che chiunque da il proprio contributo è un tassello di questa Italia che cambia”.
 


Abbiamo intervistato Sara Vegni, referente territoriale di ActionAid per l’Abruzzo, che opera nella regione sin da subito dopo il devastante terremoto del 2009. Tantissime sono le attività portate avanti sul territorio abruzzese dall’associazione che, in particolare, negli ultimi tempi ha avviato il progetto “Italia del futuro” che intende puntare l’attenzione e le energie sulle scuole.
 
“Il terremoto ha aperto delle crepe nelle case ma anche nelle relazioni sociali, creandone di nuove”.
 
In questo momento l’associazione sta concludendo una prima sperimentazione di un progetto sull’analisi partecipata delle vulnerabilità e sociali. “La prevenzione in questo Paese è fondamentale, ma si fa troppo poco e spesso è relegata a specialisti. Viviamo in un territorio altamente sismico e a rischio di disastri e dissesti idrogeologici. Pensiamo quindi che la prevenzione debba essere un argomento che tocchi tutti. Per questo abbiamo provato a tradurlo in una metodologia internazionale di ActionAid, che si chiama ‘Analisi partecipata delle vulnerabilità’. Tantissimi gli strumenti: teatro, laboratori narrativi, passeggiate di quartieri, focus grup e questionari sulla percezione del rischio”.
 
“Le catastrofi succedono ma le comunità possono saper reagire e uscirne anche più forti. L’Aquila secondo noi ha dimostrato di essere una comunità resiliente, perché dal terremoto sono nate tantissime belle esperienze”.
 
Il sito di ActionAid 
Il sito del comitato 3e32 
 

Abruzzo - Per saperne di più leggi:

io-faccio-cosi-libro-70810Daniel Tarozzi

Io faccio così
Viaggio in camper alla scoperta dell’Italia che cambia

 
 
 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Articoli simili
“Abbiamo comprato una casa e la destineremo a dei rifugiati”
“Abbiamo comprato una casa e la destineremo a dei rifugiati”

Sant’Agabio: il quartiere resiliente che riscopre la bellezza del vicinato – Io faccio così #291
Sant’Agabio: il quartiere resiliente che riscopre la bellezza del vicinato – Io faccio così #291

Ti accompagno: i giovani aiutano gli anziani a riprendere fiducia dopo la pandemia
Ti accompagno: i giovani aiutano gli anziani a riprendere fiducia dopo la pandemia

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Microfinanza: l’economia a misura di persona riparte dalla Calabria

|

In Sudafrica per proteggere gli animali: la storia di Alberto e Francesco

|

“È stregoneria”, ovvero come il colonialismo europeo ha cancellato millenni di storia africana

|

Maghweb: raccontare il cambiamento è parte integrante dell’azione sociale

|

La nuova vita di Claudio e Lara, custodi di un antico castagneto sul Pratomagno

|

Parte la raccolta di firme per una legge contro il greenwashing delle lobbies del petrolio

|

I Medici per l’Ambiente: “Basta allevamenti intensivi, senza biologico non c’è futuro”