23 Set 2014

Benessere e sostenibilità: arriva in Umbria “Fa' la cosa giusta!”

Scritto da: Redazione

Prima di tutto i numeri: 10 aree espositive, oltre 150 stand e più di 200 eventi gratuiti tra appuntamenti culturali, […]

Prima di tutto i numeri: 10 aree espositive, oltre 150 stand e più di 200 eventi gratuiti tra appuntamenti culturali, seminari, dimostrazioni e laboratori. E poi un programma di iniziative elaborato appositamente per le scuole, e al centro la mostra mercato green con le aziende sostenibili del centro Italia (e non solo).

 

Dal 3 al 5 ottobre approda ad Umbriafiere di Bastia Umbra (PG) la prima edizione in centro Italia di Fa’ la cosa giusta, fiera del consumo consapevole e degli stili di vita sostenibili: in un unico spazio, culturale e commerciale, il meglio dei prodotti e servizi innovativi per uno stile di vita sostenibile.

 

10670000_692070460876458_1765044030912603852_n

 

Confronti, dibattiti, educazione e didattica, presentazioni, mostre, convegni, cooking show, laboratori pratici, benessere del corpo e della mente, qualità della vita, un programma riservato alle famiglie e alle scuole per una tre giorni non stop sui diversi aspetti e le diverse anime della sostenibilità, da quella ambientale a quella economica, da quella sociale a quella personale. Al centro degli eventi la mostra mercato con 10 aree espositive (Abitare sostenibile, Buono da mangiare, Mobilità nuova, Ethical fashion, Cosmesi naturale e biologica Viaggiare, Editoria, Servizi etici, Il mondo dei piccoli, Cittadinanza e partecipazione) in cui il pubblico dei visitatori potrà trovare il meglio dei prodotti e servizi per una vita all’insegna del benessere e della sostenibilità.

 

Design per l’arredamento da interno e da esterno, mobili e oggettistica con elementi sostenibili, soluzioni tecniche per il risparmio energetico di casa, ufficio e per le aziende, prodotti naturali per la cura e il benessere del corpo e della mente, il meglio del fashion etico per uomo e per donna, ma anche prodotti naturali per la cura dei più piccoli, così come giochi e accessori per l’infanzia. Ancora, produzioni alimentari biologiche, a km zero e di qualità, eccellenze del vino e della birra, servizi vantaggiosi dal punto di vista sociale e ambientale per famiglie e aziende, nuove offerte e strumenti per programmare le proprie vacanze in luoghi naturali e autentici, gruppi di acquisto di auto e mezzi elettrici e molto, molto altro. E per gli amanti del buon cibo “di strada” ci sarà anche l’area Street, bio & vegan food.

 

L’evento, organizzato dalla giovane società umbra Fair Lab in collaborazione con Umbriafiere, con il patrocinio dalla Regione Umbria e del Comune di Bastia, e promosso coinvolgendo molte importanti realtà della società civile umbra, ha l’obiettivo di diffondere buone pratiche di consumo e produzione. Un percorso nato dall’incontro con Terre di mezzo Editore (casa editrice che organizza da 11 anni a Milano l’edizione nazionale di Fa’ la cosa giusta!), che è stato condiviso con le istituzioni regionali e locali, le più importanti organizzazioni economiche umbre e le diverse anime della società civile regionale (nel comitato promotore dell’iniziativa figurano infatti Acli, Arci, Cittadinanzattiva, Cgil, Cisl, Uil, Legambiente, Libera e Forum del Terzo settore)
Fa’ la cosa giusta! Umbria è la principale vetrina per le aziende italiane – con un’attenzione particolare alle realtà del Centro (Umbria, Marche, Lazio, Abruzzo, Toscana ed Emilia Romagna) – che producono, trasformano e vendono prodotti o servizi e che si riconoscono nei principi della sostenibilità economica, ambientale e sociale.

 

Il sito di Fa la cosa giusta! Umbria 

 

 

Articoli simili
“Miti a bassa intensità”: il ruolo del mito nella società moderna
“Miti a bassa intensità”: il ruolo del mito nella società moderna

The Great Reset, il futuro prossimo. Come la crisi del Covid potrebbe cambiare il mondo
The Great Reset, il futuro prossimo. Come la crisi del Covid potrebbe cambiare il mondo

I soldi danno la felicità
I soldi danno la felicità

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

énostra: l’impresa di comunità dalla parte dell’ambiente

|

Alleniamoci ad ascoltare gli altri per creare un mondo migliore

|

Il benessere? Secondo Lara Lucaccioni e Matteo Ficara è questione di energia

|

Sea-ty e le reti fantasma: “Liberiamo i fondali dalle attrezzature da pesca abbandonate”

|

Nasce il Badante agricolo di comunità che aiuta le persone anziane nella cura dell’orto

|

L’apprendimento non va in vacanza: cronaca di un’estate da homeschooler

|

Caltanissetta ricorda i “carusi di Sicilia”, i piccoli schiavi delle miniere di zolfo