24 Feb 2015

Malattie ambientali: l'isolamento di Luisa e gli ultimi passi della ricerca

Scritto da: Redazione

Elettrosensibilità e sensibilità chimica multipla. In Italia, secondo l’associazione Amica, sono circa cinquantamila le persone che soffrono di queste patologie. […]

400702Elettrosensibilità e sensibilità chimica multipla. In Italia, secondo l’associazione Amica, sono circa cinquantamila le persone che soffrono di queste patologie. Terranave, la trasmissione radiofonica a cura di Amisnet, questa settimana racconta la storia di Luisa.

 

Tutto è iniziato dieci anni fa, quando Luisa ha iniziato a soffrire di problemi all’apparato digerente, spossatezza e forte dimagrimento. Accertamenti di ogni genere non avevano fatto emergere la patologia di cui era affetta, sin quando Luisa non ha notato che la sua condizione si aggravava a seguito di una chiamata al telefonino o di una passeggiata in luoghi con una massiccia presenza di campi elettromagnetici.

 

 
 

È stato a Roma che Luisa è riuscita a decifrare la sua patologia: elettrosensibilità, a cui si è aggiunta una sensibilità chimica multipla. L’unica soluzione è stata quella di allontanarsi dalla città, dove conduceva una vita ricca di rapporti sociali e attività, per trasferirsi in un luogo pulito da campi elettromagnetici e sostanze chimiche. Delle malattie ambientali si conosce ancora poco, soprattutto in Italia, ma l’associazione capitolina Amica sta cercando ormai da anni di divulgare conoscenza e informare sulle ricerche scientifiche esistenti.

 

Per saperne di più:

Il sito del network Amisnet: amisnet.org
L’archivio delle puntate di Terranave: www.italiachecambia.org/categoria/terranave/

 

 

Vuoi cambiare la situazione di salute e alimentazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
In Alto Piemonte l’enoturismo promuove il territorio tramite tecnologia blockchain
In Alto Piemonte l’enoturismo promuove il territorio tramite tecnologia blockchain

Occhio all’etichetta: 6 volte su 10 non aiuta a fare bene la differenziata
Occhio all’etichetta: 6 volte su 10 non aiuta a fare bene la differenziata

Il professore-youtuber Elia Bombardelli: “A scuola sfruttiamo i punti di forza del digitale”
Il professore-youtuber Elia Bombardelli: “A scuola sfruttiamo i punti di forza del digitale”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Pet and Breakfast: il luogo per un soggiorno green con i nostri amici animali

|

#pagenotfound, la campagna “salvanegozi” che vuole tenere in vita i piccoli produttori

|

Nell’antico borgo di Oscata si impara a fare ceste e cera d’api

|

Orto Condiviso Vesuviano, dove si crea comunità e si recuperano antiche colture

|

Dedichiamo più tempo all’immaginazione: possiamo cambiare la nostra vita!

|

AIED: consultori, contraccezione ed educazione sessuale ieri, oggi e domani – Amore Che Cambia #17

|

“Vi racconto la mia esperienza di wwoofing nei campi di lavanda”