1 Giu 2015

Educazione Affettiva: un documentario per raccontare la scuola

Scritto da: Daniela Bartolini

Giovedì 4 giugno alle ore 17,00 e alle ore 21,00 presso il Cinema Italia di Soci, il documentario che racconta la scuola dal punto di vista dei bambini.

Nata dall’idea di un gruppo di insegnanti e genitori della scuola primaria di Poppi, arriva in Casentino “Educazione Affettiva”, il documentario sulla scuola primaria della Scuola-Città Pestalozzi di Firenze.

Una doppia proiezione giovedì 4 giugno, alle ore 17,00 e alle ore 21,00 presso il Cinema Italia di Soci alla presenza di Clemente Bicocchi, coregista, insieme a Federico Bondi, del film.

La Scuola-Città Pestalozzi è una scuola fondata nel 1945 come scuola di Differenziazione Didattica, una scuola sperimentale a tempo pieno, che accoglie bambini dai 6 ai 14 anni.
Oggi è una scuola statale sperimentale, con scuola primaria e secondaria di primo grado, che applica una sperimentazione metodologica e didattica coinvolgendo alunni ed insegnanti nella creazione di progetti, laboratori, proposte di rinnovamento dei curriculi formativi, con un’attenzione particolare alle relazioni e alla vita comunitaria di insegnanti, alunni, genitori, personale che collabora con la scuola. 

Il documentario parte dagli ultimi giorni di scuola di una classe dell’ultimo anno della scuola primaria, per ricostruire il percorso, le tappe fondamentali di una crescita fatta di esperienze condivise. La didattica quotidiana, le gite, i laboratori, i sentimenti. L’educazione alla relazione, all’ascolto, agli affetti sono il filo conduttore di questo viaggio che ridà un senso e ci fa porre domande sul significato profondo dell’educazione, del crescere insieme, dell’apprendere.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

L’amicizia, il futuro, la paura, l’amore, la sessualità, il rapporto con gli adulti sono i temi con cui si confrontano questi bambini, su cui hanno la possibilità di esprimersi, usando gli strumenti che una scuola aperta fornisce: ascolto, empatia, educazione affettiva, esperienza di vita insieme, espressione di sé.

Un viaggio ad altezza di bambino, che guarda alla scuola dal loro punto di vista.
Un’occasione per riflettere insieme, adulti e bambini, su quali siano gli strumenti importanti per conoscere se stessi ed il mondo, per potersi esprimere ed agire in esso.

«Penso troppo al futuro, e perciò, essendo una bambina di V elementare, il mio futuro sono le medie e il liceo. Mio babbo mi dice sempre di pensare al presente, ma io non ci riesco e non so neanche perché. In questi giorni sento dire cose che mi preoccupano, come “bocciature”… Perché a me? Perché a me? Non voglio andare nel futuro! » (da un tema in classe di Giulia)

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Colombia, polizia fuori controllo – Io Non Mi Rassegno #364

|

Caso o destino? Storia di un ritorno nella Calabria Che Cambia

|

La battaglia di Claudia per salvare le acque curative dalle speculazioni

|

Eticoscienza, per un’etologia applicata alle nuove sfide ambientali

|

Plogging: un gruppo di amiche contagia l’intera città

|

Cose che dovreste sapere (e nessuno vi dice) sul trasferirsi in campagna

|

Riutilizzo sociale dei beni confiscati alla mafia: l’Italia fa scuola

|

Stella Pulpo: Memorie di una vagina, ieri, oggi e domani – Amore Che Cambia #5