1 Lug 2015

Io Faccio Così #79 – A Casa Di Bio: pizza itinerante per un'alimentazione sostenibile

Da un Bio Bar al progetto itinerante "A casa di Bio"; il racconto di come da difficoltà si siano aperte opportunità di lavoro e di crescita per l'intero territorio. La Bio Pizza itinerante porta alimenti ad eventi, fiere, convegni e feste per diffondere consapevolezza sull'importanza delle scelte alimentari.

Ristorazione biologica in versione itinerante per contribuire a rendere le persone consapevoli dell’importanza delle proprie scelte alimentari. Sono nati così i progetti “A casa di Bio” , ideati da Alessandro Beffa e Chiara Quiri che hanno saputo unire una forte motivazione etica ad un’innovativa idea imprenditoriale.

L’idea è quella di portare alimenti biologici e locali a fiere ed eventi legati all’ecologia ma, su richiesta, anche a convegni e feste private. Tutto è partito nel 2008 da un BioBar con prodotti biologici e solidali, per poi concentrarsi, a partire dal 2011, sulla pizza.

È nata cosi la BioPizza itinerante: una vera e propria pizzeria mobile con forno a legna. Apprezzata in tutto il mondo, la pizza diventa così anche uno strumento di cultura e un’occasione per riflettere sull’importanza di cosa scegliamo come nostro “carburante” e sull’impatto che il cibo ha sull’ambiente. La BioPizza si contraddistingue per l’impasto semintegrale a lunga lievitazione e per l’utilizzo di ingredienti biologici, a km 0 e di ottima qualità. In poche ore vengono sfornate centinaia di pizze, servite poi in piatti realizzati con materiali riciclabili.

Oltre alla pizza, vengono proposti primi vegetariani e vegani, bibite bio, birra artigianale a km0, erbazzone, panini e dolci senza zucchero e vegani.

img_20120409_183254_595

Ogni fine settimana da aprile ad ottobre “A casa di Bio” fa tappa all’Ecoparco di Vezzano, in provincia di Reggio Emilia: un luogo dove si promuovono stili di vita sostenibili, dove gruppi, scuole e cittadini possono immergersi nella natura, vivendola in prima persona. L’Ecoparco è anche una vetrina del territorio dove le buone iniziative, le aziende virtuose, la biodiversità del luogo, i prodotti locali vengono proposti e fatti conoscere.

Con l’obiettivo di diffondere consapevolezza sull’importanza delle scelte alimentari, “A casa di Bio” cura anche una Mostra sull’alimentazione ecologica e naturale . Il percorso della mostra invita a porre l’attenzione su ciò che portiamo a tavola, con particolare attenzione ad alcuni principi fondamentali (biologico, locale ed equo solidale) e offre la possibilità di scoprire i segreti per preparare in casa il pane con il lievito madre naturale, macinare e mescolare i cereali, fare la pasta in casa, coltivare le erbe e le spezie, lo yogurt, i germogli, il latte vegetale, l’aceto e tanto altro ancora. L’idea è quella di guidare le persone che prendono parte alla mostra alla scoperta di un modo diverso di vivere il rapporto con la cucina, con particolare attenzione ad alcuni principi fondamentali tra cui quello delle “3V” (vario, vegetale, vivo).

197960_156982527694390_7266801_n

“A casa di Bio” rappresenta anche uno degli innumerevoli esempi di come, di fronte ad una crisi, si possa reagire con intraprendenza, costruendo un’opportunità. “Nessuno viene nella mia pizzeria? Io porto la pizzeria dalla gente e la faccio bio, con gli ingredienti del posto”. Come ci racconta Alessandro Beffa, è così che – grazie anche ad un finanziamento di Mag 6  – è nata la loro ditta a conduzione familiare. Da allora, è stata tutta un’altra pizza!

Visualizza “A casa di Bio” sulla Mappa dell’Italia che Cambia! 

Il sito di “A casa di Bio” 

Articoli simili
Fare rete per mangiare sano e saltare la grande distribuzione: l'idea di Cambiavento

I cibi fermentati di Carlo Nesler: la rinascita di una pratica antica – Io faccio così #236

Home Farm, la casa di riposo diventa una fattoria urbana

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Microfinanza: l’economia a misura di persona riparte dalla Calabria

|

In Sudafrica per proteggere gli animali: la storia di Alberto e Francesco

|

“È stregoneria”, ovvero come il colonialismo europeo ha cancellato millenni di storia africana

|

Maghweb: raccontare il cambiamento è parte integrante dell’azione sociale

|

La nuova vita di Claudio e Lara, custodi di un antico castagneto sul Pratomagno

|

Parte la raccolta di firme per una legge contro il greenwashing delle lobbies del petrolio

|

I Medici per l’Ambiente: “Basta allevamenti intensivi, senza biologico non c’è futuro”