Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
27 Ago 2015

La ciclopista dell’Arno e dell’Archiano

Scritto da: Daniela Bartolini

Al via a settembre i lavori per la ciclopista dell’Arno in Casentino e dell’Archiano tra Soci e Bibbiena Stazione.

Arrivano all’avvio dei lavori quasi contemporaneamente questi due progetti di realizzazione di piste ciclabili fluviali. Percorsi e gestioni separate che però sin dall’inizio sono state pensate per essere connesse l’una all’altra.

La ciclopista dell’Arno è un progetto regionale che prevede il collegamento tra Stia e Marina di Pisa lungo il fiume toscano, creando la più grande via ciclabile della Toscana. Progetto di cui l’Unione dei Comuni Montani del Casentino è soggetto capofila per il tratto da Stia a Ponte Buriano.
La ciclopista dell’Archiano si integra con il progetto regionale che già prevedeva il collegamento con percorsi turistici e ciclabili in programma nei singoli comuni, e con un progetto ampio di pista ciclo-pedonale che unisca Camaldoli a Bibbiena.

Vuoi cambiare la situazione
dell'educazione in italia?

ATTIVATI

Per il progetto ciclopista dell’Arno inizia adesso la fase esecutiva, i lavori della prima parte di percorso dovranno essere conclusi entro l’anno e interessano il tratto tra la località Le Macee nel Comune di Ortignano Raggiolo e Rassina. 9 Km e mezzo di itinerario che si collega alla pista già realizzata da Le Macee a S.Piero in Frassino e che troverà il suo naturale collegamento con la pista dell’Archiano da Bibbiena. Il tracciato infatti si collegherà lungo l’Arno, passando da Bibbiena Stazione e dal Corsalone, alla stazione ferroviaria di Rassina, utilizzando gran parte di viabilità esistenti e tratti di ferrovia ormai dismessi. Un’opera da 578 mila euro, ammessa a contributo della Regione per il 60% e finanziata dagli Enti locali per il restante 40%. Oltre alla realizzazione della ciclopista, il progetto complessivo prevede accordi ed interventi nell’ottica di un percorso di sviluppo di un turismo sostenibile in Casentino, come previsto nel protocollo d’intesa sottoscritto tra Regione e Comuni del Casentino, Unione dei Comuni Montani e Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, il 6 maggio a Raggiolo e di cui abbiamo parlato in un precedente articolo.

Il 1 settembre inizieranno invece i lavori nel Comune di Bibbiena, dal Ponte sull’Archiano in via dell’Orto a Soci fino al ponte di Bibbiena Stazione, dove la ciclopista si connetterà alla fermata del trasporto pubblico locale del treno Arezzo-Stia e alla ciclopista dell’Arno. 5 km già molto frequentati dalla popolazione, il cui manto stradale sarà reso adeguato e dotato di di segnaletica e specifica cartellonistica didattica. Sarà un percorso di interesse storico culturale ed ambientale, oltre che di benessere, pensato per un’utenza sia locale che turistica. La pista passerà infatti anche dalla Raccolta Rurale “Casa Rossi”, una delle antenne dell’Ecomuseo del Casentino e presso l’abitato di Camprena sarà realizzata un’area di sosta attrezzata.
Il progetto ha ottenuto un contributo di 122.366,10 euro a fronte di una richiesta complessiva per il primo stralcio funzionale di  310.000,00 euro (la restante parte è interamente a carico del bilancio del Comune di Bibbiena pari a circa  188.000,00 euro) nell’ambito del Programma Regionale per lo Sviluppo Economico 2012/2015.

Iniziano così le fasi operative di uno dei progetti più attesi dalla popolazione casentinese e dal grande potenziale per lo sviluppo del turismo sostenibile del territorio.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Si consuma meno carne, ma gli allevamenti sono sempre più grandi – Io Non Mi Rassegno #151

|

Altipiano: le maestre del bosco che in cinque mesi hanno ribaltato la loro scuola – Scuola che Cambia #2

|

Che cos’è e come funziona la nutripuntura

|

Adotta il tuo Orto, scegli quali verdure seminare e aspettale a casa!

|

Imprese: come stringere partnership vincenti ed evitare clamorosi errori

|

I segni del corpo della Terra

|

Nasce un Sentiero dei Parchi per valorizzare le aree protette d’Italia

|

Persone, famiglie e comunità: l’innovazione di CIFA per i suoi 40 anni