Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
16 Nov 2015

Francia, distributori automatici di racconti alle fermate del bus

Scritto da: Marco Fossi

Il sindaco di Grenoble, in Francia, ha deciso di fornire le fermate dei mezzi pubblici di distributori automatici e gratuiti di racconti a disposizione dei cittadini in attesa. Un’idea semplice e geniale per promuovere la lettura.

Alcune buone idee potrebbero essere copiate senza troppa fatica. Tra queste, quella di fornire le fermate di tram, autobus e metro di distributori automatici di racconti. A Grenoble il sindaco, Eric Piolle, in collaborazione con la casa editrice Short Edition, ha fatto installare dei distributori automatici di storie, che vengono stampate su un lungo foglietto simile ad un grande scontrino. A seconda di quanto c’è da aspettare, si può scegliere la lunghezza della storia.

 

A Grenoble arrivano i distributori automatici di racconti

A Grenoble arrivano i distributori automatici di racconti

L’idea, geniale nella sua semplicità, mira a valorizzare la lettura e ci vorrebbe davvero poco perché qualche amministrazione locale lungimirante la copiasse anche da noi. Alle fermate dei mezzi di alcune città si è già tentato il book-sharing, per cui si lasciano i libri già letti e chi vuole li preleva, ma il successo è stato parziale, con una certa tendenza a prelevare molto e a depositare poco.

Ma indubbiamente incoraggiare la lettura sui mezzi pubblici è un’idea vincente: è un momento in cui non c’è molto da fare e si passa il tempo a guardare chi c’è davanti a noi o si sta con lo sguardo perduto sui cellulari. Qualcuno starà pure leggendo un e book, ma se sbircio cosa fanno i miei vicini di tram vedo più spesso chattate infinite su temi qualunque.

 

La socialità è fondamentale, ma non è obbligatorio parlare solo di gossip o di quanto caldo fa in questa stagione: si può cogliere l’occasione per tuffarsi in qualcosa di più avvincente. Tra le tante case editrici italiane, nessuna vuole tentare l’avventura?

 

 

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

La rabbia afroamericana e Trump vs. Twitter – Io Non Mi Rassegno #148

|

E ora parliamo di educazione sessuale senza tabù

|

Tutti insieme per ripensare l’educazione: nasce Scuola Costituente!

|

Quali sinergie per un domani sostenibile? Una diretta resistente su ambiente e futuro!

|

Cittadini stranieri aprono le porte di casa e invitano i vicini a gustare le cene dal mondo

|

Riusciremo a fare a meno della plastica? – A tu per tu#3

|

I cinque studenti dell’isola di Alicudi e la resilienza delle piccole scuole

|

Il futuro di eventi e festival musicali? Ripartiamo dalla sostenibilità!