31 Gen 2016

Sea Shepherd approda a Venezia: tra i volontari di bordo anche un’italiana

Scritto da: Tamara Mastroiaco

Dal 1 al 7 febbraio la M/V Bob Barker, la nave di Sea Shepherd più temuta dai balenieri giapponesi, attraccherà a Venezia, dove sarà possibile visitarla, conoscere l’equipaggio e sostenere l’associazione prima della prossima missione. Tra gli off-shore, i volontari di bordo, anche un’italiana, Melissa Bortolin.

Salva nei preferiti

Ai bambini, seppur inconsapevoli dell’enorme valore etico e morale, piacerà comunque vederla attraccare a Venezia. I piccoli, infatti, potrebbero pensare: “Evviva, ecco la nave pirata! Speriamo ci sia a bordo il capitano Jack Sparrow!”. A coloro che non hanno mai sentito parlare di Sea Shepherd – impossibile a mio avviso – potrà incutere un certo timore, a causa del design volutamente aggressivo e la bandiera nera con il teschio, simbolo dell’associazione. Per molti, invece, sarà l’occasione per salire finalmente a bordo della M/V Bob Barker, la nave più temuta dai balenieri giapponesi, con l’opportunità di conoscere i volontari di Sea Shepherd, persone che rischiano la propria vita senza ricevere stipendi o rimborsi.

sea shepherd1

La Bob Barker è una nave di Sea Shepherd, l’organizzazione nata nel 1977 da un’idea di Paul Watson


Per questa ragione, ma soprattutto per il prezioso lavoro svolto dagli angeli degli oceani, Paul Watson, il fondatore dell’associazione, spesso, dice: “I volontari di Sea Shepherd non hanno prezzo”. I “pastori del mare” sono pronti a speronare le navi dei bracconieri per salvare interi branchi; ogni anno nelle acque nipponiche perdono la vita circa 20.000 animali, tra cui balene, foche, squali, delfini, merluzzi, ecc.

 

“Abbiamo bisogno del vostro aiuto per poter continuare a mantenerla in mare insieme alle altre navi della flotta” dice l’associazione. La cifra necessaria per consentire alla nave di procurarsi il necessario per le future missioni è di 12.000,00 euro, che serviranno a soddisfare le necessità delle operazioni e garantire i fini cui sono preposte. In dieci anni di campagne antartiche l’associazione ha salvato la vita di oltre 5000 balene, grazie alla determinazione, al coraggio, alla tenacia dei volontari provenienti da tutto il mondo.

 

Ci sono tre tipologie di volontari nell’associazione: gli off-shore, gli on-shore e i supporter. I primi sono i volontari di bordo selezionati solo se ritenuti idonei a prendere parte alle operazioni in mare. Salirà a bordo della M/V Bob Barker, come off-shore, anche una ragazza friulana, Melissa Bortolin, che approfittando della temporanea disoccupazione, avrà la possibilità di realizzare il proprio sogno. “Gli animali sono la mia passione da sempre, gli oceani sono la vita del pianeta, bisogna fare qualcosa per fermare lo scempio dei balenieri e comunque intervenire dove si registri qualsiasi tipo di illegalità nei confronti della terra, della natura” racconta Melissa.

sea shepherd2

Gli on-shore, invece, sono i volontari di terra, che, raccontando alle persone le missioni, gli obiettivi, le difficoltà e le gesta dell’associazione, raccolgono i fondi per l’acquisto di nuove navi o la manutenzione di quelle esistenti, oltre a sensibilizzare il pubblico sull’importanza della salvaguardia delle specie a rischio. I supporter, infine, sono coloro che grazie a piccoli e grandi donazioni rendono possibile l’esistenza di Sea Shepherd. Tra i supporter ci sono anche tanti nomi noti tra i quali i Red Hot Chili Peppers, gli Skunk Anansie, Pamela Anderson, Bob Barker, ecc. Se non possiamo far parte della squadra attivamente come volontari di bordo o di terra a causa delle nostre caratteristiche fisiche, caratteriali o psichiche, possiamo sempre supportarli economicamente nella loro grande sfida: salvare un patrimonio comune dell’umanità, gli oceani!

 

“Le nostre navi sono le vostre navi, i nostri equipaggi sono i vostri equipaggi, le nostre vittorie sono le vostre vittorie, e le vite che salviamo sono le vite che tutti noi salviamo insieme!” afferma, difatti, il Capitano Paul Watson.

 

 

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Salvaguardare i boschi: l’importante missione della VAB Campania nella lotta agli incendi
Salvaguardare i boschi: l’importante missione della VAB Campania nella lotta agli incendi

GUFI: “Le foreste non hanno bisogno di essere gestite dall’essere umano”
GUFI: “Le foreste non hanno bisogno di essere gestite dall’essere umano”

La pesca nello Stretto di Messina, tradizionale e sostenibile, diventa presidio Slow Food
La pesca nello Stretto di Messina, tradizionale e sostenibile, diventa presidio Slow Food

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Protesta di Oristano, processo su Teulada, carcere e morti sul lavoro – INMR Sardegna #39

|

Forest School Pianfei: un “asilo nel bosco” aperto al mondo

|

Caccia alle foche: l’UE pensa di riaprirla per le pressioni delle lobby

|

Salvaguardare i boschi: l’importante missione della VAB Campania nella lotta agli incendi

|

Salvatore Borsellino: “Non serve ricordare la strage di via D’Amelio solo una volta all’anno”

|

Kalabria Eco Fest ed Economia del Bene Comune: fare impresa etica in Calabria è possibile?

|

Inaugurata la bibliocabina con cassetta delle lettere, tra cultura e introspezione

|

Il video racconto da Selargius, tra chi ha lasciato tutto per presidiare e chi fra gli ulivi ha trovato comunità

string(9) "nazionale"