25 Gen 2016

Da senzatetto a contadini biologici: l'esempio di Miami

Scritto da: Marco Fossi

Ex clochard coltivano frutta e verdura biologica, li vendono e gestiscono un ristorante biologico. Grazie ad un'iniziativa della Camera di commercio di Miami molti senzatetto americani hanno ritrovato una casa ed un lavoro dignitoso. Una buona idea che potrebbe essere replicata in Italia.

Salva nei preferiti

Ma chi ha detto che le camere di commercio sono inutili? Quelle americane, ovviamente. La Camera di Commercio di Miami da vent’anni aiuta i senzatetto a rifarsi una vita, anche alloggiandoli presso una ex base militare trasformata due decenni fa in azienda agricola. Qui i clochard coltivano frutta e verdura biologica, li vendono e gestiscono un ristorante biologico con specialità vegetariane molto apprezzato.

 

Farmer-market-peppers

In vent’anni, più di diecimila persone hanno usufruito di questo aiuto, dimostrando che la solidarietà può aiutare a reinserire nella società attiva tante persone che versano in uno stato di difficoltà.

Una buona idea che potrebbe essere copiata anche in Italia: siamo pieni di Camere di commercio – forse anche troppe, visto che una riforma vuole diminuirne il numero – e anche le basi militari in disuso non ci mancano. Ci vuole solo un po’ di buona volontà, di iniziativa e spirito di intraprendenza. Doti che agli italiani non dovrebbero mancare…
E se qualcuno ha già intrapreso iniziative analoghe, fatecelo sapere nei commenti!

 

 

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Fermarsi per cambiare vita: dal Gennargentu la storia del Selvaggio Verde di Gianluigi Bonicelli
Fermarsi per cambiare vita: dal Gennargentu la storia del Selvaggio Verde di Gianluigi Bonicelli

Andrea Cabassi: “Prima non decidevo nulla della mia vita, ora mi sono riappropriato del mio tempo”
Andrea Cabassi: “Prima non decidevo nulla della mia vita, ora mi sono riappropriato del mio tempo”

Sabrina Steriti: da cuoca vegana a nomade digitale, l’arte di reinventarsi continuamente
Sabrina Steriti: da cuoca vegana a nomade digitale, l’arte di reinventarsi continuamente

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Processo Italcementi: la collina dei veleni – INMR Sardegna #26

|

A Chioggia c’è un albergo sociale gestito da persone fragili

|

Festa del libro, a Zafferana Etnea scuole e collettività insieme per promuovere la lettura

|

Navi da crociera: ecco cosa è emerso dall’inchiesta sul loro impatto

|

Come si fa una comunità energetica (per davvero): ne parliamo con Gianluca Ruggieri – Meme! #47

|

Kento, il rapper militante che usa l’hip hop per “far uscire” i giovani dal carcere

|

Alex Zanotelli: “Disobbedienza civile per difendere la legge 185 sull’export di armi”

|

Alice Pomiato, alias aliceful: “La partecipazione sociale è la cosa più sostenibile che ci sia”

string(9) "nazionale"