5 Feb 2016

Ricerca senza animali: dalla LAV una borsa di studio per l’Università di Pisa

Scritto da: Tamara Mastroiaco

Un contributo di 17mila euro è stato consegnato il 1 febbraio dalla LAV all’Università di Pisa per sviluppare un bioreattore in grado di testare la tossicità di sostanze chimiche inalate che potrebbe salvare molte vite animali. La valutazione della tossicità delle suddette sostanze, attualmente, prevede l’uso di animali, che sottoposti a inalazione forzata, subiscono abusi e torture per trovare pace solo nel momento della morte.

Una borsa di studio di 17mila euro è stata consegnata a Andrea Caiti, Direttore del Centro di Ricerca “E. Piaggio” dell’Università di Pisa e al gruppo di ricerca di Arti Ahluwalial, da Gianluca Felicetti, Presidente della Lega Antivivisezionista (LAV) e Michela Kuan, Responsabile del settore vivisezione dell’associazione. Il contributo elargito dalla LAV serve a finanziare un progetto pluriennale che prevede la creazione di un bioreattore capace di simulare “l’ambiente dinamico dell’alveolo”, combinando le azioni di inspirazione, espirazione, flusso sanguigno e deposizione biomimetica di aerosol;  il prototipo MALICE (Moving Air-Liquid Interface Chamber for areosol Exposure) prevede l’esposizione di areosol su colture di cellule epiteliali alveolari umane per testare la tossicità di sostanze chimiche inalate.

 

bor2

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Ad oggi, per valutare la tossicità di tali sostanze vengono ancora utilizzati gli animali nei laboratori. Il metodo attualmente usato è quello dell’inalazione forzata, paragonabile a una vera e propria tortura, che provoca dolore, agonia e morte negli animali sottoposti ai test. “I risultati, inoltre, sono inaffidabili, in quanto correlano la mortalità della cavia con la concentrazione della sostanza a cui è esposta, senza prendere in considerazione i meccanismi che portano a tale effetto. A tutto questo va aggiunta la necessità di estrapolare i dati e correlare il modello animale con la risposta umana. Sono, quindi, necessari test più diretti, semplici ed efficaci che non richiedono la sperimentazione animale, sia per ragioni etiche ed economiche, che per ragioni scientifiche” sottolinea la LAV.

 

bor1

 

L’associazione conclude dicendo: “Ricercatori, industria e cittadini devono avere consapevolezza dell’enorme spreco di denaro e della perdita di tempo legata alla sperimentazione animale: un processo fallimentare e mai validato scientificamente, che tortura e uccide milioni di animali lasciando i malati senza una cura e nella sofferenza”. Le terapie non possono arrivare da un settore che non vuole cambiare e a dimostrarlo, le recenti statistiche rese note da 13 grandi imprese del settore farmaceutico, che confermano il fallimento sull’uomo di terapie sperimentate sugli animali, in oltre il 95% dei casi, già nella prima fase clinica.

 

 

Articoli simili
Cosa fare se si incontra un uccellino in difficoltà? Un vademecum per il primo soccorso
Cosa fare se si incontra un uccellino in difficoltà? Un vademecum per il primo soccorso

Arriva l’assistente ai lupi, per una migliore coesistenza uomo-lupo
Arriva l’assistente ai lupi, per una migliore coesistenza uomo-lupo

La Collina dei Conigli: il centro di recupero di animali da laboratorio cerca nuovi volontari
La Collina dei Conigli: il centro di recupero di animali da laboratorio cerca nuovi volontari

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Fa molto caldo – #553

|

Wagner Group: cosa sappiamo della milizia privata che combatte fra le fila russe (e non solo)?

|

Francesca Cinquemani torna al sud per coltivare lavanda e rilanciare la sua terra

|

Queen of Sheba: una coppia di naturalisti sulle tracce di una rara orchidea australiana

|

Confcooperative, la giornata delle cooperative e alcune novità dal mondo che unisce comunità ed economia

|

Friend of the Earth, in missione per salvare dall’estinzione il lemure cantante del Madagascar

|

Homers: con il co-housing la rigenerazione urbana si fa comunità – Io Faccio Così #358

|

È nata Robin Food, la cooperativa di rider sostenibile che vuole rivoluzionare il mondo delle consegne