Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
22 Mar 2016

Il Festival delle Culture “A Buenos Aires una volta”

Scritto da: Daniela Bartolini

Il prossimo evento del Festival delle Culture promosso dalla Commissione Pari Opportunità del Comune di Bibbiena, ci porta nei colori e nei suoni dell’Argentina per uno spettacolo di intrattenimento e riflessione.

Un’associazione è fatta sopratutto di relazioni, di intrecci, di sinergie, di incontri che diventano occasioni per sviluppare insieme idee e talenti.
Anche lo spettacolo che andrà in scena domenica 27 marzo alle 21 a Romena, nasce così, dall’incontro di due soci de La Via dell’Albero uniti da interessi comuni, dal piacere di stare e creare insieme.

Carolina Oro e Giancarlo Corciulo sono infatti gli ideatori e registi di “A Buenos Aires una volta”, una commedia musicale, con una grande componente di intrattenimento, di musica e danza, ma anche un’opera per riflettere che nasce anche da un altro incontro, quello con i maestri Lorenzo Stella e Valentina Angelozzi di Tango Arezzo.
Da questo mix di ballerini e musicisti professionisti (in scena anche l’ensemble multietnico Quilombo Total), di musicisti e attori amatoriali nasce dunque l’idea di un racconto intorno all’affascinante mondo del tango. Tango inteso non solo come danza ma come cultura, intorno alla quale danzano le parole dei grandi poeti argentini, le storie di un “nostalgico saudoso”, il caos multietnico del porto di Buenos Aires.

Buenos Aires è il porto di arrivo di molte persone e culture, esempio reale di integrazione sociale, pur con i suoi problemi di diseguaglianza, disparità, caos. Le tante “anime singolari” di Borges qui si intrecciano.

“Le strade di Buenos Aires
sono già le mie viscere.
Non le avide strade
scomode di folla e di trambusto,
ma le strade svogliate del quartiere,
quasi invisibili per l’abitudine
intenerite da penombra e da tramonto
e quelle più fuori
prive di alberi pietosi
dove austere casette si avventurano appena,
oppresse da immortali distanze,
a perdersi nella profonda visione
di cielo e pianura.
Sono per il solitario una promessa
perché migliaia di anime singolari le popolano,
uniche davanti a Dio e nel tempo
e senza dubbio preziose.
Verso l’Ovest, il Nord e il Sud
si sono dispiegate – e sono anche la patria –
spero che nei versi che traccio
ci siano quelle bandiere. “

Jean Louis Borges, Le strade

In “A Buenos Aires una volta” ognuno porta in scena la sua diversità: Carolina la sua anima argentina, Simon che viene dal Marocco la lingua e la musica araba, e la parte italiana di questa compagnia fatta di appassionati di musica e letteratura dal mondo, il proprio sguardo leggero su come avvicinarsi all’altro e creare integrazione.

Scopri tutti gli eventi del Festival delle Culture.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Surgisphere e gli studi sull’Idrossiclorochina – Io Non Mi Rassegno #152

|

Allevatori che ballano coi lupi (e coi cani da guardiania)

|

Il progetto R2020: intervista a Sara Cunial

|

“Cambio vita e coltivo canapa industriale”: Francesco Procacci e il suo ritorno alla terra

|

Altipiano: le maestre del bosco che in cinque mesi hanno ribaltato la loro scuola – Scuola che Cambia #2

|

Che cos’è e come funziona la nutripuntura

|

Adotta il tuo Orto, scegli quali verdure seminare e aspettale a casa!

|

Imprese: come stringere partnership vincenti ed evitare clamorosi errori