28 Apr 2016

Una casa per la Fondazione Alice

Scritto da: Daniela Bartolini

Saranno inaugurati sabato 30 aprile a Campolombardo i nuovi locali della Fondazione Alice, frutto di un lungo percorso e grazie al sostegno di molti.

Fondazione Alice Onlus, una casa dove stare…

La sua casa la fondazione l’ha trovata a Campolombardo nel comune di Pratovecchio Stia. Una vecchia casa da risistemare con il sogno di farne un rifugio per delle famiglie e i loro figli. E nel cui terreno installare case prefabbricate per aumentare l’accoglienza e offrire servizi importanti come una una palestra, una piccola piscina con accesso alle carrozzine, degli spazi per mangiare all’aria aperta.

La casa di Alice è circondata da ettari di terra da coltivare e in cui creare spazi dove “lavorare, aiutare, rendersi e sentirsi utile, piantare e raccogliere, partecipare”. Perchè il desiderio era che qui potessero vivere insieme ragazzi disabili, aiutati ed assistiti, condividendo la vita quotidiana e il lavoro.
Un progetto grande per cui la fondazione e i suoi amici hanno speso e spendono molte energie e per il cui sostegno hanno attivato molte iniziative: dagli spettacoli e concerti di raccolta fondi ai “matrimoni solidali” per cui si offrono servizi fotografici. Chiunque può aiutare la realizzazione di questo sogno, con donazioni e offrendo ore di lavoro.

Sabato 30 aprile alle ore 11 a Campolombardo, saranno inaugurati i nuovi locali della casa , frutto di un percorso che ha coinvolto molti partner tra cui Ikea per il Sociale che ha offerto l’arredamento delle stanze che saranno utilizzate per le attività sociali e ludiche dei giovani ospiti.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Si avvicina così sempre più l’obiettivo finale: “offrire ad ogni famiglia con un figlio disabile un luogo dove poter stare, un giorno, una settimana, un mese, in un luogo tranquillo, immersi nel verde a passeggiare, guardare, riposare”. Con la speranza che, nelle parole del presidente della fondazione, “tra le persone che passeranno di qui nei prossimi venti anni, ce ne siano quattro o cinque che si innamorino, e con loro mettere su famiglia. Costruire un posto dove, un giorno, potranno stare insieme, e vivere, anche quando noi genitori non potremo più assisterli. In autonomia, liberamente, dignitosamente. Trasmettere a chi lo desidera tutta la nostra esperienza, aiutare dove noi abbiamo faticato, dare informazioni, nomi, documenti, speranza, quanto potrebbe servire per aiutare a portare da un’altra parte ciò che abbiamo contribuito a portare sino a qui. Infine, ma non certo per ultimo, fare tutto questo gratuitamente”.

Vuoi cambiare la situazione di salute e alimentazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Caffè Alzheimer, un ciclo di incontri per l’ascolto e il sostegno reciproco

Maternità in Italia: è tempo di cambiare

Centrale a carbone di Vado Ligure: aumento di mortalità del 49%

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Le contraddizioni della transizione ecologica nella voce degli indigeni – #418

|

Migliaia di partecipanti e un manifesto del turismo responsabile: ecco IT.A.CÀ 2021

|

Avete passato un buon Black Friday? Ecco a cosa è servita la vostra “felicità”

|

SUQ, il bazar dei popoli dove l’arte si intreccia con le culture del mondo – #10

|

Mondeggi, la fattoria senza padroni, chiama a raccolta il mondo della permacultura per riprogettarsi

|

Il diritto dei bambini all’aria pulita: le strade scolastiche come antidoto a traffico e inquinamento

|

Fuga dalla città. Una seconda vita sulle colline piacentine

|

Assamil: una delle comunità più giovani d’Italia cresce e cerca una nuova casa