Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
4 Apr 2016

Parte la seconda Carovana dei Migranti: prima tappa Mondeggi

Scritto da: Roberto Brandinu

E’ partita il 2 aprile da Torino per terminare il 18 a Palermo la Seconda Carovana Italiana per i Diritti dei Migranti per la Dignità e la Giustizia. La prima tappa della Carovana è stata a Mondeggi, la fattoria senza padroni.

Il 2 aprile 2016 la “Carovana Italiana per i diritti dei migranti, per la dignità e la giustizia” è partita da Torino e nel pomeriggio è arrivata a Mondeggi, nella fattoria senza padroni, enorme tenuta di proprietà della provincia di Firenze, completamente abbandonata prima dell’arrivo, due anni fa, di un gruppo di persone.

 

IMG_3731

 

Alcuni produttori biologici, altri professori, studenti, semplici cittadini locali e stranieri che, insieme, hanno deciso di ridare vita alla fattoria con un tipo di allevamento e agricoltura tradizionali, l’istituzione di una scuola contadina, la coltivazione degli ulivi per fornire olio gratuitamente agli abitanti. Così Mondeggi è diventato davvero bene comune, modello di uno sviluppo sano e sostenibile con la custodia e l’utilizzo della terra da parte della popolazione evitando invece la vendita di terre demaniali da parte dello Stato.

 

A sera, dopo la visita alla fattoria e il dialogo con i suoi abitanti, ci si è riuniti attorno ad un grande falò per raccontarsi e ascoltare le storie dei nostri testimoni e, con il tepore del fuoco a scaldare mani e cuori, ci si è ritrovati, dopo un solo giorno, a far già parte di una grande famiglia.

 

Il 3 aprile la Carovana si è nuovamente messa in viaggio, diretta verso Roma.

 

Continuate a seguirci! 

 

 

#IoNonMiRassegno 21/2/2020

|

Coinquilini solidali: vivere insieme per aiutarsi a vicenda

|

Feminism, torna la fiera dell’editoria delle donne!

|

Paulo Lima, “diventare azione” partendo dai giovani – Io faccio così #280

|

Una giornalista in classe: nelle scuole per portare il cambiamento

|

Muri Sicuri, la street art solidale per le zone terremotate

|

OpetBosna! Quando un gruppo di amici si mobilita per i profughi

|

Figli, la responsabilità quotidiana di restare insieme