27 Mag 2016

L’Asilo nel Bosco in… Cina!

Scritto da: Paolo Cignini

Intenzionata ad aprire un asilo nel bosco, una società cinese ha deciso di avvalersi delle consulenze di persone che, nei vari paesi del mondo, hanno dato vita a questa esperienza educativa. Tra queste è stato invitato Danilo Casertano, tra i responsabili del progetto sperimentale in atto a Ostia antica, che abbiamo intervistato e ci ha raccontato la sua esperienza in Cina.

Le relazioni permettono spesso la nascita e lo sviluppo di un’esperienza che ci sembra solo apparentemente irrealizzabile. Esperienze e incontri che fanno il giro del mondo, per davvero.

 

Petra Jager, ben ventitré anni fa, ha fondato il primo asilo nel bosco in Germania. Mesi fa è stata contattata da una società cinese che fornisce servizi educativi per l’infanzia, intenzionata ad aprire un asilo nel bosco in Cina e decisa di avvalersi delle consulenze delle persone che, nei vari paesi del mondo, hanno dato vita a questa esperienze di outdoor education. Ed è stato così che la Jager ha segnalato tra le persone esperte sul tema quello di Danilo Casertano, tra i responsabili dell’Asilo nel Bosco di Ostia Antica.

12932925_1711587675797015_5625520176412300975_n

“Sono stato a Guangzhou per tre mesi chiamato da una società cinese che fornisce servizi educativi per l’infanzia che ha iniziato questo percorso di Forest in the Garden. L’incontro con la Cina è stato molto emozionante, adesso è un popolo che ha la prima generazione di figli nati ricchi; in quindici anni è cambiato tutto, anche l’emancipazione femminile su larga scala sta avvenendo adesso.

 

Non è stato semplicissimo portare dei cambiamenti in un sistema educativo che è molto ingessato, estremamente competitivo e rigido. L’aspetto meraviglioso è stato vedere le stesse reazioni nei bambini: lo stesso bambino che a cinque-sei anni quasi inciampa su se stesso e poi, dopo tre mesi, si arrampica sull’albero, vedere tante dinamiche simili nelle tappe verso il cambiamento mi ha fatto rivivere le dinamiche vissute con l’Asilo nel Bosco”.

 

L’ Asilo nel Bosco di Ostia antica, nato due anni fa, sta facendo scuola in Italia (e non solo!) affermandosi come un nuovo paradigma educativo di successo. Infatti, se da una parte il sistema scolastico tradizionale mostra oggi in maniera sempre più evidente i suoi limiti, dall’altra si stanno gradualmente diffondendo in Italia e nel mondo nuovi modelli educativi che mettono al centro la libertà e le inclinazioni individuali, la valorizzazione dei talenti, le relazioni umane, la semplicità ed il rapporto con la natura.

 

Continuando in questa direzione, come sarà la scuola nel 2040? Noi abbiamo provato ad immaginarlo con i partecipanti al tavolo di lavoro sul tema Educazione  di #Visione 2040  che si sono confrontati sulle criticità del sistema scolastico attuali e sulle opportunità offerte da strumenti e modelli educativi differenti. Ecco cosa è emerso…

 

Leggi il documento completo “Visione 2040 – Educazione” 

 

Visualizza la scheda dell’Asilo nel Bosco sulla Mappa dell’Italia che cambia 

 

Vuoi cambiare la situazione
dell'educazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
#Visione 2040 – Educazione alla felicità: ecco come la scuola può cambiare

Il Gigante che spiega la cementificazione ai bambini
Il Gigante che spiega la cementificazione ai bambini

Io faccio così #41 – Liberi di essere bambini: l’Asilo nel Bosco, storia di un giardino incantato

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Aumento delle bollette 2021: cosa c’è dietro ai rincari dei prezzi di gas ed energia?

|

Cosa possiamo aspettarci dalla COP26 sul clima?

|

Perché scendere in piazza per il clima? Anche il Piemonte sciopera con Fridays for Future

|

Fridays for Future e il Parco di Portofino: “Il Ministero non cancelli il nostro futuro”

|

Cambiamenti climatici: inizia un autunno molto caldo

|

Dall’arte alla psicologia, l’impegno di Paolo Valerio per il mondo transgender – Amore Che Cambia #25

|

I detenuti scrivono una lettera aperta ai cittadini: “Investite su di noi”