27 Mag 2016

L’Asilo nel Bosco in… Cina!

Scritto da: Paolo Cignini

Intenzionata ad aprire un asilo nel bosco, una società cinese ha deciso di avvalersi delle consulenze di persone che, nei vari paesi del mondo, hanno dato vita a questa esperienza educativa. Tra queste è stato invitato Danilo Casertano, tra i responsabili del progetto sperimentale in atto a Ostia antica, che abbiamo intervistato e ci ha raccontato la sua esperienza in Cina.

Le relazioni permettono spesso la nascita e lo sviluppo di un’esperienza che ci sembra solo apparentemente irrealizzabile. Esperienze e incontri che fanno il giro del mondo, per davvero.

 

Petra Jager, ben ventitré anni fa, ha fondato il primo asilo nel bosco in Germania. Mesi fa è stata contattata da una società cinese che fornisce servizi educativi per l’infanzia, intenzionata ad aprire un asilo nel bosco in Cina e decisa di avvalersi delle consulenze delle persone che, nei vari paesi del mondo, hanno dato vita a questa esperienze di outdoor education. Ed è stato così che la Jager ha segnalato tra le persone esperte sul tema quello di Danilo Casertano, tra i responsabili dell’Asilo nel Bosco di Ostia Antica.

12932925_1711587675797015_5625520176412300975_n

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

“Sono stato a Guangzhou per tre mesi chiamato da una società cinese che fornisce servizi educativi per l’infanzia che ha iniziato questo percorso di Forest in the Garden. L’incontro con la Cina è stato molto emozionante, adesso è un popolo che ha la prima generazione di figli nati ricchi; in quindici anni è cambiato tutto, anche l’emancipazione femminile su larga scala sta avvenendo adesso.

 

Non è stato semplicissimo portare dei cambiamenti in un sistema educativo che è molto ingessato, estremamente competitivo e rigido. L’aspetto meraviglioso è stato vedere le stesse reazioni nei bambini: lo stesso bambino che a cinque-sei anni quasi inciampa su se stesso e poi, dopo tre mesi, si arrampica sull’albero, vedere tante dinamiche simili nelle tappe verso il cambiamento mi ha fatto rivivere le dinamiche vissute con l’Asilo nel Bosco”.

 

L’ Asilo nel Bosco di Ostia antica, nato due anni fa, sta facendo scuola in Italia (e non solo!) affermandosi come un nuovo paradigma educativo di successo. Infatti, se da una parte il sistema scolastico tradizionale mostra oggi in maniera sempre più evidente i suoi limiti, dall’altra si stanno gradualmente diffondendo in Italia e nel mondo nuovi modelli educativi che mettono al centro la libertà e le inclinazioni individuali, la valorizzazione dei talenti, le relazioni umane, la semplicità ed il rapporto con la natura.

 

Continuando in questa direzione, come sarà la scuola nel 2040? Noi abbiamo provato ad immaginarlo con i partecipanti al tavolo di lavoro sul tema Educazione  di #Visione 2040  che si sono confrontati sulle criticità del sistema scolastico attuali e sulle opportunità offerte da strumenti e modelli educativi differenti. Ecco cosa è emerso…

 

Leggi il documento completo “Visione 2040 – Educazione” 

 

Visualizza la scheda dell’Asilo nel Bosco sulla Mappa dell’Italia che cambia 

 

Vuoi cambiare la situazione
dell'educazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Simone: “Ho scelto di diventare Kids Coach per aiutare ogni bambino a scoprire il proprio potenziale”
Simone: “Ho scelto di diventare Kids Coach per aiutare ogni bambino a scoprire il proprio potenziale”

Educazione naturale e bisogni: riflessioni su una scelta non convenzionale
Educazione naturale e bisogni: riflessioni su una scelta non convenzionale

Una “casetta” per l’apprendimento esperienziale in cui la maestra è la natura
Una “casetta” per l’apprendimento esperienziale in cui la maestra è la natura

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

La teoria dell’evoluzione va ripensata? – #556

|

“La Calabria ci riguarda”. #maipiùstragi, la prima manifestazione nazionale contro la ’ndrangheta a Milano

|

Dal Veneto alla val di Vara: la storia di Maria e del suo richiamo della vita contadina

|

Settevoci, la comunità rurale nata in un casale diroccato nella campagna siciliana

|

Lo spreco d’acqua e la dispersione delle reti idriche: abbiamo un problema

|

Al lavoro con la natura: racconto di un convegno itinerante fra arte, cultura e ambiente

|

Campo e sincronicità: come creare la propria vita con consapevolezza imparando a cogliere certi segnali

|

Hortus, l’orto urbano aeroponico che insegna a ridurre il consumo dell’acqua