13 Giu 2016

Edizero: l'azienda sarda di Daniela Ducato tra le prime 10 eccellenze tecnologiche al mondo

Scritto da: Roberto Vietti

Edizero, l'azienda sarda che produce materiali ad alta tecnologia industriale realizzati esclusivamente con surplus ed eccedenze vegetali, animali e minerali continua il suo straordinario percorso arricchito dal riconoscimento ottenuto al Word Economic Forum (WEF) a Nuova Delhi: l'azienda avviata dall'impreditrice sarda Daniela Ducato è entrata nella top ten delle eccellenze tecnologiche mondiali.

Conoscerete di certo Daniela Ducato. Uno degli esempi più virtuosi e straordinari dell’Italia Che Cambia. Daniel Tarozzi, nel suo viaggio in camper, l’ha incontrata e all’interno del nostro giornale abbiamo avuto più volte piacere di raccontare la sua storia  che consigliamo di leggere a chi ancora non la conoscesse.

 

Certo, come spesso accade, le nostre eccellenze fanno più rumore all’estero che nel nostro paese, nel quale hanno tendenzialmente più difficoltà ad emergere. Se pensiamo che la sua attività nasce e si sviluppa in Sardegna, terra tipicamente considerata poco innovativa e arretrata, forse tutto ciò ci sorprende ancora di più. Un’isola, invece, ricca di menti eccelse e realtà incredibili come quella del Sardex, della quale hanno scritto anche sulle pagine del Financial Times.

 

Tornando a Daniela, vi comunichiamo che Edizero, la sua azienda produttrice di biomateriali realizzati esclusivamente con surplus ed eccedenze vegetali, animali e minerali è stata scelta tra le venti imprese apripista dell’ultimo decennio. Inoltre è entrata nella top ten delle eccellenze tecnologiche mondiali.

 

Daniela Ducato

Daniela Ducato


 

Il premio è stato consegnato a Delhi nel corso del World Economic Forum (WEF), il forum mondiale dell’economia e della parità di genere. Pensate che tale evento ha richiamato oltre duemila associazioni, imprese, organizzazioni da più di 108 paesi.

 

Il premio “Icon Innovative Trailblazers Of The Decade” è stato assegnato alle aziende che sono state in grado di realizzare piccole rivoluzioni nei diversi settori produttivi, meritevoli così di essere considerate apripista dell’ultimo decennio.

 

A tale importante riconoscimento si è aggiunto quello come “Leaders in the world Of Technology & Innovation” per alcuni prodotti della sua filiera come Edimare, isolante termico in lana con la più elevata inerzia termica al mondo e Edilatte, intonaci e altri materiali in grado di ridurre la nostra dipendenza da fonti fossili, eliminare i derivati petrolchimici e limitare l’uso di ingredienti consumatori di suolo, di cibo, di acqua e di paesaggio.

 

Ancora un grosso complimento a Daniela Ducato e alla sua realtà di Guspini in Sardegna. Non vediamo l’ora di comunicare il prossimo meritato riconoscimento, magari questa volta in terra italiana.

 

 

Articoli simili
Sostenibili, belle e genderless: con le sneakers ID EIGHT la rivoluzione si fa con i piedi
Sostenibili, belle e genderless: con le sneakers ID EIGHT la rivoluzione si fa con i piedi

La cooperativa di comunità DA: benessere collettivo al posto della massimizzazione del profitto
La cooperativa di comunità DA: benessere collettivo al posto della massimizzazione del profitto

Una multifactory in Perù? 30 giorni e 4000 chilometri di esplorazione e ricerca
Una multifactory in Perù? 30 giorni e 4000 chilometri di esplorazione e ricerca

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

I programmi dei partiti ai raggi X – #585

|

Oggi “sciopero creativo” per il clima e per il futuro!

|

La Sicilia Che Cambia: vi raccontiamo cosa sta succedendo sull’isola!

|

Retake scende in campo per il World Cleanup Day: milioni di persone puliscono il territorio

|

Zō trasforma Catania in un centro internazionale della rivoluzione artistica e musicale

|

Andrea di Nebraie: “Sono tornato in val Borbera per far rinascere il territorio”

|

Impresa che cambia: scopriamo gli esempi virtuosi insieme ai loro protagonisti

|

Italia Che Cambia si presenta! Un viaggio lungo dieci anni per raccontare il cambiamento