20 Giu 2016

Prendiamoci un giro, perdiamoci in giro

Scritto da: Rachele Minarini

Racconti in e-bike alla scoperta del Parco delle foreste casentinesi con gli scrittori Paolo Ciampi, Marco Vichi, Paola Zannoner. In sella a ronzini con pedalata assistita di CasentinoEbike

Un Parco da leggere tutto d’un fiato!

Parte il 24 e 25 giugno 2016 la proposta di Casentinoebike che invita a percorrere il Casentino in compagnia di tre grandi scrittori toscani di viaggio: Paolo Ciampi, Marco Vichi e Paola Zannoner. La valle “chiusa” (da latino clausentinum) raccontata alla vigilia dell’apertura della nuova ciclopista dell’Arno e in un momento storico in cui l’interesse per la bicicletta nel nostro paese si fa sempre più diffuso, come dimostra la proposta di candidatura della squadra nazionale femminile di ciclismo afgana al Nobel per la Pace 2016, portata avanti dalla campagna Bike The Nobel della trasmissione di radiodue Caterpillar.

La bicicletta infatti non soltanto allieta nel corpo e nello spirito chi la usa ma è anche il mezzo di trasporto più diffuso, ecosostenibile e pacifico al mondo, e chi la utilizza e promuove fa, in maniera più o meno consapevole, una scelta benefica per tutti.

Il fatto che in Casentino, per la prima volta tramite Casentinoebike, sia stato proposto l’uso delle moderne biciclette a pedalata assistita dipende dalla morfologia del territorio e dalla volontà di Massimo Schiavo, l’ideatore, di rendere questa pratica allo stesso tempo individuale e collettiva, accessibile a tutti, rivolta a chi non ha (più) voglia di fare tanta strada da solo.
Abbinare al lento e ritmato andare in bici la presenza di tre scrittori appassionati di tali viaggi è un ulteriore modo per condividere e diffondere l’esperienza.
La loro creatività infatti li porterà a scrivere una prima raccolta di racconti, ispirata a questa due giorni, da distribuire a tutti gli appassionati del Casentino; sarà una raccolta “per invitare altri a fare altrettanto. Tre racconti a suggerire che un altro sguardo sul mondo è possibile”.

Alla base dell’idea di questa ibridazione fra cicloturismo e scrittura un confronto fra Massimo e l’amico Stefano De Martin di San Casciano, organizzatore di eventi culturali appassionato di contaminazioni.

Si tratta di una proposta di viaggio in cui si valorizzano l’incontro umano, le persone, le relazioni. Un modo di fare viaggio che ha un futuro, come individuato anche dalla Visione 2040 di Italia che Cambia.

Le persone interessate a vivere questa esperienza potranno partecipare insieme agli scrittori ad una o entrambe le giornate, accompagnarli nel viaggio alla scoperta del Casentino (le biciclette disponibili sono 12), ascoltare le loro storie, pranzare e cenare insieme. E la sera del 24 giugno alle 21 al Mulino di Bucchio un incontro aperto a tutti con Marco Vichi e Paola Zannoner per continuare a leggere il territorio attraverso racconti e letture.

Per informazioni e iscrizioni: www.casentinoebike.it; info@casentinoebike.it; 339 6467966.
Programma dettagliato del Tour

“Life is like riding a bicycle. To keep your balance you must keep moving”
“La vita è come la bicicletta. Se vuoi stare in equilibrio devi muoverti”
Einstein

Vuoi cambiare la situazione
del viaggiare in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Sea-ty e le reti fantasma: “Liberiamo i fondali dalle attrezzature da pesca abbandonate”

|

Nasce il Badante agricolo di comunità che aiuta le persone anziane nella cura dell’orto

|

L’apprendimento non va in vacanza: cronaca di un’estate da homeschooler

|

Caltanissetta ricorda i “carusi di Sicilia”, i piccoli schiavi delle miniere di zolfo

|

Paolo Rumiz: i viaggi e la riscoperta dei monti naviganti

|

Sensuability: per uscire vivi, gioiosi e gaudenti dalla morsa dei tabù – Amore Che Cambia #18

|

Alla facoltà di infermieristica gli studenti imparano la gentilezza