14 Lug 2016

Io faccio così #128 – Freedhome: il lavoro in carcere per un futuro possibile

Riunire in un unico marchio le produzioni alimentari e artigianali frutto del lavoro dei detenuti in carcere. Nasce da questa idea il marchio Freedhome - Creativi dentro. Obiettivo di tutte le realtà coinvolte è la riabilitazione del condannato tramite l'apprendimento di un mestiere.

Portare “dentro” lavoro, valore e professionalità per proporre “fuori” prodotti artigianali e alimentari di alta qualità. Una decina di cooperative operanti all’interno delle carceri, da Siracusa a Venezia, hanno deciso di unirsi dando così vita al brand Freedhome – Creativi dentro che aggrega un gruppo di imprese cooperative sociali italiane che lavorano all’interno di istituti di pena, convinte che l’economia carceraria sia la chiave di volta per ripensare in modo più efficace il sistema penitenziario italiano.

“Freedhome ha lo scopo di raggruppare tutte le produzioni carcerarie che hanno raggiunto alti livelli e che condividono valori etici”, spiega Saverio Malvulli, della cooperativa Campo dei Miracoli, tra le realtà appartenenti a Freedhome.

Dai prodotti alimentari a quelli artigianali i prodotti realizzati in carcere vengono sempre realizzati seguendo come obiettivo il massimo della qualità, non il massimo del profitto, per dare valore a un futuro possibile.

“Obiettivo di tutte le realtà coinvolte è la riabilitazione del condannato. Imparando un mestiere infatti il detenuto impara il rispetto di se stesso, impara a stare in squadra e quindi apprende il rispetto delle regole, recupera la affettività e l’opportunità di una vita diversa una volta uscito dal carcere”.

Con le realtà di Freedhome sono attualmente impegnati circa 50 reclusi oltre a una ventina di altri ex detenuti o in regime di semilibertà, tutti assunti con regolare contratto.

12108971_1645935199021418_4507796540605173340_n

“Il lavoro dà un senso al tempo. Ancor di più quando il tempo è speso dietro le sbarre. Perché un detenuto che lavora, sperimenta relazioni sane, impara, ricostruisce un ponte con il mondo che c’è fuori. Ma soprattutto, concretamente, quando esce ha meno probabilità di tornare a sbagliare”, si legge sul sito di Freedhome.

“Creare lavoro all’interno del carcere – aggiunge Imma della cooperativa Lazzarelle – è prioritario, per spezzare il tempo della detenzione, per favorire il reinserimento, abbattere la recidiva, riuscire a dare soldi all’esterno, trasformare i detenuti da peso a nuova risorsa sociale”.

Adesso Freedhome è, tra le altre cose, un negozio a Torino, in via Milano 2/c.

Articoli simili
Lavorare quando e dove si vuole: ecco Nuvala Fest, dedicato alla workation e al turismo di prossimità
Lavorare quando e dove si vuole: ecco Nuvala Fest, dedicato alla workation e al turismo di prossimità

La storia del Birrificio Messina, rifondato dai suoi lavoratori dopo la chiusura – Io Faccio Così #340
La storia del Birrificio Messina, rifondato dai suoi lavoratori dopo la chiusura – Io Faccio Così #340

Confcooperative, la giornata delle cooperative e alcune novità dal mondo che unisce comunità ed economia
Confcooperative, la giornata delle cooperative e alcune novità dal mondo che unisce comunità ed economia

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

No, la Cina non ha voltato le spalle alla Russia – Io Non Mi Rassegno #590

|

Salute e sostenibilità, al Parlamento Europeo si gettano le basi per un modello a misura di persona e di ambiente

|

Ti mangio il cuore: la storia di una donna e della sua battaglia con la quarta mafia

|

In val di Vara uno storico mulino del settecento tornerà a macinare castagne e cereali

|

Scegliere: la piccola rivoluzione di chi decide come vuole costruire la propria vita

|

La storia di Roberta, da Genova alla val Borbera: “La mia nuova vita circondata dalla lavanda”

|

Dal kintsugi al boro sashiko, le arti giapponesi che insegnano a ricomporre gli oggetti rotti valorizzandoli

|

Decennale di Italia Che Cambia: le emozioni di una settimana speciale