Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
7 Lug 2016

Siamo vissuti al di sopra delle nostre possibilità (e al di sotto dei nostri desideri)

Infuria il dibattito fra conservatori e progressisti su come e perché l’uomo ha cominciato a vivere al di sopra delle proprie possibilità. Ma si parla sempre e solo di risorse, di denaro, di ricchezza. In realtà, se cambiamo prospettiva, ci accorgiamo che abbiamo vissuto e stiamo continuando a vivere ben al di sotto delle nostre possibilità!

Siamo vissuti al di sopra delle nostre possibilità! Questo luogo comune, o slogan se si preferisce, è oggi molto diffuso nel nostro mondo perverso del cosiddetto consumismo. L’opinione pubblica, vero e proprio cancro dell’uomo contemporaneo, che per comodità divideremo in conservatori e progressisti, ragiona assumendo la “possibilità” esclusivamente come possibilità tecnica.

 

soldi-felicita

I conservatori (di destra e di sinistra) sostengono che non possiamo permetterci più questo stile di vita perché economicamente insostenibile, ma non fanno minimamente cenno alle questioni bioeconomiche. Il vivere al di sopra delle possibilità è inteso come vivere con dei privilegi economici e tecnici che dovremo abbandonare per questioni monetarie. Mentre si dovrebbe aggiungere che l’insostenibilità di questo modo di produzione industriale è dovuta non alle questioni monetarie, ma ambientali: stiamo consumando in un anno più energia di quanto la terra è capace di rigenerarne.

 

I progressisti (anch’essi trasversali agli schieramenti politici e refrattari alle questioni bioeconomiche) sostengono invece che la ricchezza è stata mal distribuita. Quindi alcuni hanno vissuto al di sopra delle possibilità collettive semplicemente perché hanno tolto ad altri il necessario per sopravvivere (ancora questione monetaria). Ma i cosiddetti progressisti non si rendono minimamente conto del fatto che se chi ha avuto meno avesse vissuto come chi ha avuto di più, probabilmente la permanenza della vita umana sulla terra avrebbe le ore contate.

 

Al di là dei fatiscenti slogan consumisti, la verità è una soltanto: in ogni caso, siamo vissuti molto al di sotto delle nostre possibilità umane. Cioè abbiamo rinunciato al desiderio, alle passioni, alla vita conviviale, al gioco, all’amore, in una parola abbiamo rinunciato a goderci la vita, insieme agli altri, in armonia con la terra e in pace con il mondo, preferendo invece consumare merci, corpi, anime, alberi e animali fino a consumare le nostre stesse vite rinsecchite e diventate anch’esse mercanzie in scadenza.

 

#IoNonMiRassegno 17/1/2020

|

Gli allenatori di Laureus: “Lo sport educa alla passione”

|

Tamera, l’ecovillaggio in Portogallo che sperimenta una Terra Nova

|

Assicurazione etica: la proposta di CAES rivolta agli under 35

|

La Scuola italiana di Arte del Processo e Democrazia Profonda

|

Borgopo’: “Così ho fatto rinascere la libreria che amavo da bambina”

|

La Vita al Centro, la scuola parentale immersa nel verde – Io faccio così #275

|

Womanboss Academy: quattro storie di fioritura

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l'editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.