Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
7 Lug 2016

Siamo vissuti al di sopra delle nostre possibilità (e al di sotto dei nostri desideri)

Infuria il dibattito fra conservatori e progressisti su come e perché l’uomo ha cominciato a vivere al di sopra delle proprie possibilità. Ma si parla sempre e solo di risorse, di denaro, di ricchezza. In realtà, se cambiamo prospettiva, ci accorgiamo che abbiamo vissuto e stiamo continuando a vivere ben al di sotto delle nostre possibilità!

Siamo vissuti al di sopra delle nostre possibilità! Questo luogo comune, o slogan se si preferisce, è oggi molto diffuso nel nostro mondo perverso del cosiddetto consumismo. L’opinione pubblica, vero e proprio cancro dell’uomo contemporaneo, che per comodità divideremo in conservatori e progressisti, ragiona assumendo la “possibilità” esclusivamente come possibilità tecnica.

 

soldi-felicita

I conservatori (di destra e di sinistra) sostengono che non possiamo permetterci più questo stile di vita perché economicamente insostenibile, ma non fanno minimamente cenno alle questioni bioeconomiche. Il vivere al di sopra delle possibilità è inteso come vivere con dei privilegi economici e tecnici che dovremo abbandonare per questioni monetarie. Mentre si dovrebbe aggiungere che l’insostenibilità di questo modo di produzione industriale è dovuta non alle questioni monetarie, ma ambientali: stiamo consumando in un anno più energia di quanto la terra è capace di rigenerarne.

 

I progressisti (anch’essi trasversali agli schieramenti politici e refrattari alle questioni bioeconomiche) sostengono invece che la ricchezza è stata mal distribuita. Quindi alcuni hanno vissuto al di sopra delle possibilità collettive semplicemente perché hanno tolto ad altri il necessario per sopravvivere (ancora questione monetaria). Ma i cosiddetti progressisti non si rendono minimamente conto del fatto che se chi ha avuto meno avesse vissuto come chi ha avuto di più, probabilmente la permanenza della vita umana sulla terra avrebbe le ore contate.

 

Al di là dei fatiscenti slogan consumisti, la verità è una soltanto: in ogni caso, siamo vissuti molto al di sotto delle nostre possibilità umane. Cioè abbiamo rinunciato al desiderio, alle passioni, alla vita conviviale, al gioco, all’amore, in una parola abbiamo rinunciato a goderci la vita, insieme agli altri, in armonia con la terra e in pace con il mondo, preferendo invece consumare merci, corpi, anime, alberi e animali fino a consumare le nostre stesse vite rinsecchite e diventate anch’esse mercanzie in scadenza.

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Chi sta guadagnando dalla crisi? – Io Non Mi Rassegno #106

|

Facilitiamoci a distanza! Come prendersi cura di gruppi e comunità

|

“Pronto? Come stai?”. Ai tempi del coronavirus la solidarietà passa per il telefono

|

Fuori è chiuso, un racconto collettivo dei giorni dell’emergenza

|

Caffè sospeso online, uno spazio di condivisione per uscire dall’isolamento

|

Eppur si muove! Anche se restiamo a casa, non siamo fermi

|

Ridi, ama, vivi: Lara Lucaccioni e la coerenza cardiaca – Meme #32

|

Coronavirus, l’ambiente sorride: nel nord Italia cala lo smog

Copy link
Powered by Social Snap