13 Ott 2016

Io faccio così #138 – Agricoltura evolutiva: il segreto è lasciar fare alla natura

Lasciar fare alla natura per recuperare le varietà tradizionali e riscoprire i veri sapori. È questo il "segreto" dell'agricoltura evolutiva praticata da anni da Angelo Passalaqua, che abbiamo incontrato e intervistato nelle campagne pugliesi, nei pressi di Altamura.

Bari - Camminando assieme ad Angelo Passalacqua per il suo orto nelle campagne pugliesi vicino ad Altamura può capitare di avere conversazioni come questa:

  • A cosa servono quei cumuli di sassi?
  • Quelli sono le tane dei serpenti!
  • Dei serpenti? Perché?
  • Perché se i serpenti non hanno dove ripararsi i rapaci se li mangiano
  • E per quale motivo vuoi dei serpenti nel tuo orto?
  • Perché se non ci sono serpenti si altera l’ecosistema, i topi proliferano e addio orto!

Angelo ha circa sessant’anni e da quaranta si occupa di agricoltura. Quando gli chiedo come si può definire quello che fa si imbarazza un po’ e mi dice “alcuni mi definiscono filosofo contadino, anche se forse il termine più corretto è naturalista”. Qualunque sia la definizione giusta, quello che è sicuro è che il viso gli si illumina quando inizia a raccontare del suo orto e dei suoi esperimenti con le piante e gli ecosistemi.

Angelo pratica l’agricoltura evolutiva, un filone di ricerca e pratica agricola vicino alla permacultura sviluppatasi in Italia attorno alle ricerche di alcuni naturalisti e genetisti, fra cui Salvatore Ceccarelli e lo stesso Angelo Passalacqua.

Funziona all’incirca così: si prende un seme o una pianta e lo si pianta in un determinato terreno, dopodiché si osserva quello che succede cercando di fornire il minor intervento possibile dall’esterno. Se la pianta si ammala non si interviene, si annaffia poco o per niente, e così via. Cosa accade? Che alcuni semi si adatteranno alla perfezione al terreno e alle condizioni climatiche e idriche, altri invece non ce la faranno. Alcune piante si ammaleranno e guariranno, altre invece moriranno. Si andranno così selezionando naturalmente le piante e i semi più resistenti e adatti a quel determinato tipo di terreno. Che, guarda caso, sono quasi sempre le varietà tradizionali che la natura e i contadini avevano selezionato nei secoli.

IMG_1653

Angelo PassalacquaLa malattia delle piante è un aspetto fondamentale. Riseminando solamente i semi dalle piante che sono guarite si vanno selezionando sementa che hanno sviluppato gli anticorpi contro certi parassiti e quindi non si riammaleranno l’anno successivo (cosa che invece avviene puntualmente nell’agricoltura tradizionale, visto che si mira a salvare tutte le piante, annullando così il processo evolutivo).

Ovviamente, trattandosi di un’agricoltura ecosistemica, che prende molto dalle ricerche di Fukuoka e dalla permacultura, le piante si trovano mischiate in ordine sparso, seguendo le linee del terreno e le differenze di livelli create dalle radici piuttosto che le file ordinate e tutte delle stesse tipologie.

IMG_1581

Angelo cerca di intervenire il meno possibile, evitando di spostare persino i massi conficcati nel terreno: “Molti contadini eliminano i massi da terra ma è un errore. Attorno ai massi infatti si condensa l’umidità durante la notte e quindi le radici degli alberi li vanno a cercare. Se tu scavassi qua attorno – e indica un grosso sasso bianco che affiora da terra – troveresti che la radice di questo fico gli si è avvinghiata addosso”.

Il risultato di questo insieme di tecniche è che, selezionando le piante e i semi giusti si può coltivare anche d’estate senza irrigare con risultati che superano addirittura l’agricoltura tradizionale in termini di resa, senza bisogno di serre, concimi e quant’altro.

IMG_1590

Andrea Degl’Innocenti e Angelo Passalacqua“L’obiettivo dell’agricoltura, e di quella biologica in particolare, dovrebbe essere produrre buon cibo per tutti” ci dice Angelo prima di salutarci. “Adesso al massimo produce buon cibo, e neanche sempre. Ma l’uso (e l’abuso) di concimi ed energia la rendono molto costosa)”. L’agricoltura di Angelo invece non costa quasi niente e anche la manodopera è ridotta al minimo e concentrata nel periodo della semina e della raccolta.

Prima di salutarci Angelo ci regala della frutta e delle varietà particolari di melanzane e pomodori, spiegandoci con passione da dove vengono e come è opportuno cucinarle. La quantità di sapere contenuta in quest’uomo è impressionante e la passione con cui lo trasmette ti fa venire quella voglia improvvisa di mollare tutto e restare con lui ad apprendere la sua arte. Questo incontro ci ha arricchiti  nel profondo, o per meglio dire ci ha fatto evolvere!

Articoli simili
Andrea di Nebraie: “Sono tornato in val Borbera per far rinascere il territorio”
Andrea di Nebraie: “Sono tornato in val Borbera per far rinascere il territorio”

Quali agricolture per il futuro? Il caso di Agriponos, una delle prime startup italiane di acquaponica
Quali agricolture per il futuro? Il caso di Agriponos, una delle prime startup italiane di acquaponica

Giovani, sensibili e motivati: ecco a voi la nuova generazione di aspiranti contadini ecologici
Giovani, sensibili e motivati: ecco a voi la nuova generazione di aspiranti contadini ecologici

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

No, la Cina non ha voltato le spalle alla Russia – Io Non Mi Rassegno #590

|

Salute e sostenibilità, al Parlamento Europeo si gettano le basi per un modello a misura di persona e di ambiente

|

Ti mangio il cuore: la storia di una donna e della sua battaglia con la quarta mafia

|

In val di Vara uno storico mulino del settecento tornerà a macinare castagne e cereali

|

Scegliere: la piccola rivoluzione di chi decide come vuole costruire la propria vita

|

La storia di Roberta, da Genova alla val Borbera: “La mia nuova vita circondata dalla lavanda”

|

Dal kintsugi al boro sashiko, le arti giapponesi che insegnano a ricomporre gli oggetti rotti valorizzandoli

|

Decennale di Italia Che Cambia: le emozioni di una settimana speciale