Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
5 Dic 2016

Apre a Napoli il supermercato senza soldi

Scritto da: Elena Risi

Un vero e proprio supermercato dove le persone in difficoltà economica possono fare la spesa pagando gli acquisti con ore di volontariato da praticare presso i servizi sociali. Apre a Napoli “Arca, l’Emporio della Solidarietà”.

“Arca, l’emporio della solidarietà” non è il solito punto di raccolta per indigenti ma un vero e proprio supermercato dove le persone più povere possono recarsi per fare la spesa. Qui però non servono soldi ma una particolare tessera punti che, passata alla cassa, “converte” gli acquisti dei beneficiari in ore di volontariato che dovranno essere praticate presso i servizi sociali.

 

Il progetto, unico in Campania, non riceve fondi pubblici ed è stato avviato nella zona flegrea di Napoli tra Bacoli e Monte di Procida su iniziativa di un’associazione locale “la Casetta Onlus”  e la “Fondazione Progetto Arca”  di Milano, oltre ad aver ricevuto supporto dalla generosità dei tanti esercizi commerciali della zona.

 

21

I servizi sociali dei due comuni flegrei hanno designato 40 famiglie della zona che si trovano in condizioni di indigenza e potranno beneficiare del progetto. Quando le ore di volontariato verranno assegnate, potranno essere prestate secondo le proprie disponibilità o predisposizioni, e verranno precedute da un corso di formazione durante il quale si imparerà a relazionarsi con gli altri e con le relative situazioni di disagio.

 

Il progetto “Arca, emporio della solidarietà” assume un significato fondamentale di fronte ai numeri recentemente diffusi sulla povertà in Italia. Nel nostro paese oltre un milione e mezzo di famiglie vivono in povertà assoluta, per un totale di 4,5 milioni di persone, il numero più alto dal 2005 ad oggi. Come spesso accade, le situazioni di disagio sono concentrate nel Mezzogiorno dove si trova il 45,3% di poveri del totale nazionale.

 

Lo straordinario valore aggiunto di questa iniziativa non sta soltanto nel servizio di sostegno alle famiglie indigenti, ma anche nel concetto innovativo di solidarietà circolare.

 

 

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

L’Oklahoma torna ai nativi americani? – Io Non Mi Rassegno #180

|

Cosa sta succedendo sulle autostrade della Liguria

|

Storie di piccoli produttori resistenti ai tempi del Covid-19

|

L’Italia contadina si ribella alle monocolture delle multinazionali

|

Capitale Sociale, nasce una scuola per imparare a riprogettare il futuro

|

Pronti alla vera contaminazione?

|

Una vecchia edicola diviene portineria di comunità

|

Il riciclo della plastica segna il riscatto di una comunità in Etiopia