Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
19 Dic 2016

Regali di Natale? La spesa intelligente si fa senza soldi!

Scritto da: Elena Risi

E se tornassimo a dare all'espressione “scambiarsi i regali” il suo significato più vero? Ecco alcuni spunti per i regali di Natale, in linea con i principi dell’economia del dono, evitando l’accumulo di oggetti e riducendo la produzione di rifiuti.

Il Natale è alle porte e la corsa all’ultimo regalo è già scattata. Da un primo monitoraggio, il Codacons ha però registrato una contrazione dei consumi rispetto all’anno scorso rilevando una flessione del 2% in confronto al 2015. Come prevedibile, in molti hanno commentato il dato con toni catastrofici, invitando a correre nei negozi per invertire “l’allarmante situazione”.

 

Ma se ancora non avete intrapreso la “maratona” dello shopping natalizio e volete vivere queste feste all’insegna della sostenibilità, ecco alcuni spunti e idee che potrebbero fare al caso vostro. Un avviso per i lettori: le regole di questi acquisti non sono convenzionali. Prima fra tutte, il portafogli resta in tasca.

 

Se i vostri amici o parenti sono amanti di vestiti e accessori griffati, vi ricordiamo che è da poco on-line una piattaforma di scambio dedicata proprio alle firme della moda: you to do tribù, una community virtuale in cui è possibile scambiare vestiti e accessori in modo semplice. Basta iscriversi e iniziare a rinnovare il guardaroba.

 

Christmas-Gift

Sono arrivati in famiglia nuovi cugini o nipoti? I regali per i bebè potete sceglierli ancora una volta on-line (perché impelagarsi nel traffico proprio in questi giorni?). Ispirandosi all’ormai noto gruppo Facebook di “Te lo regalo se vieni a prenderlo”, due neo-papà hanno inventato Baby-bop, una piattaforma interamente dedicata al mondo dei bambini per donare e avere vestiti e oggetti dismessi ma in buone condizioni.

 

Vi abbiamo raccontato di Alessandro Borzaga e il suo Passamano, il primo negozio per fare acquisti senza soldi a Bolzano, e del “Bazar del dono” a Lecce che ha preso vita grazie all’impegno dei ragazzi dell’Associazione di promozione sociale Il Formicaio.

 

Da nord a sud, ecco alcuni spunti per regalare seguendo i principi dell’economia del dono, evitando l’accumulo di oggetti e riducendo sensibilmente la produzione di rifiuti. Non è forse questo il vero spirito natalizio?

 

 

 

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

410 ppm, la CO2 segna un nuovo record! – Io Non Mi Rassegno #259

|

Marta, la chef che prepara piatti vegetariani e racconta la storia del suo territorio

|

Comunità, innovazione sociale, lavoro e mutualismo: al via il Festival Smart Cityness

|

Andrea Osti: “La mia piccola fattoria sociale rischia di essere distrutta”

|

Conoscere noi stessi attraverso un’immersione nella musica e nella Natura

|

E se smettessimo di fingere?

|

Cibo e agricoltura, una chiamata alle idee per la creazione di filiere sostenibili

|

“Lascio un lavoro che mi rende infelice e parto per il giro del mondo a piedi”