26 Gen 2017

Solidarietà per gli allevatori della Val Nerina

Scritto da: Daniela Bartolini

In partenza dal Comune di Pratovecchio Stia un primo carico di fieno e mangime per gli allevatori delle zone terremotate di Visso e dintorni.

Il terremoto che ha colpito il Centro Italia ha visto la pronta risposta del territorio provinciale che ha gettato già all’indomani del 24 agosto, il “XIV Ponte della Solidarietà”. Un’idea nata con l’intento di portare un primo aiuto alle popolazioni e creare insieme progetti realizzabili in risposta ai bisogni.
Il comune di Pratovecchio Stia è stato tra i primi a rispondere alla chiamata della Consulta Provinciale del Volontariato di Protezione Civile e, assieme a tanti altri comuni della provincia e all’Ente Provincia, si è adoperato a ricercare modelli di soccorso che non fossero solo eventi di solidarietà puntuale ma progetti e programmi coordinati con le Autorità’ di Protezione Civile e con le Istituzioni.

Venerdì 27 gennaio su richiesta del Sindaco di Visso (MC) partirà un carico di fieno e mangime per molti allevatori della montagna della Val Nerina, nella zona di Visso e dei comuni limitrofi. Non appena è pervenuta la richiesta, gli allevatori di Pratovecchio Stia assieme agli abitanti della frazione di Gaviserri, hanno reperito 30 rotoballe di foraggio e i fondi per il costo del trasporto.

Venerdì dunque, alle 4 del mattino, partirà la missione che vedrà impiegato, oltre il mezzo che partirà dall’Alto Casentino, anche mezzi specializzati della Consulta e del Gruppo Comunale di Protezione civile di Sansepolcro e Alta Val Tiberina. La missione sarà accompagnata dal Vicesindaco del comune di Pratovecchio Stia, Serena Stefani che ha anche la delega alla Protezione Civile; la vicesindaco è anche imprenditrice agricola e “esperto” per tutte le questioni che riguarderanno gli aiuti agli allevatori ed agli imprenditori agricoli per Il Ponte di Solidarietà.

Articoli simili
A Roma contributi alle famiglie per prevenire il randagismo

Trasporto di animali: Stop ai viaggi della morte

L’ENPA contro le Province Autonome: “Basta abbattere i lupi”
L’ENPA contro le Province Autonome: “Basta abbattere i lupi”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Milarepa, il collettivo che recupera i muretti a secco liguri

|

Vinokilo, il mercato circolare di abiti usati venduti al chilo

|

Piantare alberi salverà il mondo, ma attenzione a come lo fate

|

Lightdrop, la piattaforma che sostiene relazioni e territorio, cerca collaboratori

|

Ballottaggi: e ci ostiniamo a chiamarla maggioranza! – Aspettando Io Non Mi Rassegno #4

|

Famiglie Arcobaleno: Leonardo e Francesco, storia di due papà – Amore Che Cambia #28

|

Nasce il libro che racconta gli ecovillaggi italiani: uno strumento per cambiare vita