3 Gen 2017

Viaggio tra gli eremiti d’Italia #4 – Cos’è la verità?

Continua il viaggio di Alessandro Seidita e Joshua Wahlen per incontrare gli ultimi eremiti d'Italia. I due giovani registi, giunti in Calabria, incontrano Swami Atmananda, ex pugile che vive da oltre trent'anni senza denaro ed elettricità.

“La verità non è una teoria, non è un sistema filosofico speculativo, non è penetrazione intellettiva. La verità è l’esatta rispondenza con la realtà. Per l’uomo, la verità è l’incontrovertibile conoscenza della propria vera natura”.

 

Ex pugile, oggi eremita indocristiano, Swami Atmananda vive da oltre trent’anni senza denaro ed elettricità nell’Eremo dell’Armonia Primigenia, in Calabria.

 

 

Le storie degli eremiti incontrati durante questo viaggio, i conflitti e la vocazione di chi ha scelto di vivere in solitudine saranno raccontati nel documentario “Voci dal Silenzio”, che cercherà di sviluppare un discorso corale sull’esperienza ascetica. Per partecipare al progetto clicca qui.

 

 

Vuoi cambiare la situazione
del viaggiare in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Il messaggio degli eremiti italiani all’umanità in isolamento e alle generazioni future
Il messaggio degli eremiti italiani all’umanità in isolamento e alle generazioni future

Lasciare il lavoro per un sogno: il Sud America zaino in spalla
Lasciare il lavoro per un sogno: il Sud America zaino in spalla

Un mese speciale di Voci dal Silenzio, l’opera sugli eremiti d’Italia
Un mese speciale di Voci dal Silenzio, l’opera sugli eremiti d’Italia

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosmic Fest: cibo, salute e salvaguardia del pianeta

|

Il Mare Colore dei Libri, la Sicilia celebra la natura e la cultura

|

Altravia, da Torino a Savona un viaggio lento per scoprire terre inesplorate

|

énostra: l’impresa di comunità dalla parte dell’ambiente

|

Alleniamoci ad ascoltare gli altri per creare un mondo migliore

|

Il benessere? Secondo Lara Lucaccioni e Matteo Ficara è questione di energia

|

Sea-ty e le reti fantasma: “Liberiamo i fondali dalle attrezzature da pesca abbandonate”