Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
17 Mar 2017

Serve aiuto per portare avanti questo progetto agricolo!

Scritto da: Redazione

Rilanciamo un appello postato sulla piattaforma Piemonte Che Cambia da Andrea e Simone, due ragazzi piemontesi che hanno lanciato un progetto agricolo sul loro territorio. Le attività spaziano dall’orto terapia ai laboratori per le scuole, ma l’impegno è troppo grande per due sole persone. Avete voglia di aiutarli?

Stupinigi è un piccolo paese alle porte di Torino Sud, in un’area periurbana con alcuni campi e una bellissima reggia sabauda del ‘700, tra le principali mete turistiche del torinese. Circa 4 anni fa io (Andrea) e Simone, armati di una buona dose di idealismo, abbiamo preso in gestione un ettaro di terreno proprio dietro alle stalle della reggia con lo scopo di fare rinascere quei campi ormai abbandonati da anni.

stupinigi1Volevamo coltivare quei terreni tramite metodi sostenibili, creando degli spazi di condivisione e di miglioramento sociale. Intendevamo proporre attività di orto terapia per persone svantaggiate, fare laboratori per le scuole e cercare di aiutare persone in difficoltà tramite il lavoro agricolo.

 

Non volevamo fermarci al sociale, volevamo vendere ortaggi e frutta a km0 per sostenere le attività no-profit. Abbiamo fondato una cooperativa sociale per poter prendere in gestione l’area dall’Ente Parco pensando che associazioni di categoria, istituzioni e settore privato potessero darci una mano nella nostra idea. Le idee c’erano, gli spazi anche, inizialmente eravamo tanti, poco alla volta siamo rimasti in due e senza soldi per iniziare a far partire il nostro progetto. Ci abbiamo provato in due, ma le superfici erano troppo grandi e la burocrazia un buco nero, abbiamo provato con alcuni amici, ma tutto è scemato nel tempo. Ora pensiamo di chiudere a breve perché abbiamo perso un po’ di energia…

 

Scrivo sul portale del Piemonte che Cambia per provare fino all’ultimo a non mollare con questa idea nel caso ci fosse qualcuno/a interessato al progetto, o almeno alla gestione dell’area. Meglio farci qualsiasi cosa che lasciarla alle ortiche! Ci si può veramente fare di tutto, nel caso siate in cerca di terreni agricoli nella zona pensateci. Se foste interessati/e, per favore contattateci all’indirizzo e-mail: andrea_pronti@yahoo.com.

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

La rabbia afroamericana e Trump vs. Twitter – Io Non Mi Rassegno #148

|

E ora parliamo di educazione sessuale senza tabù

|

Tutti insieme per ripensare l’educazione: nasce Scuola Costituente!

|

Quali sinergie per un domani sostenibile? Una diretta resistente su ambiente e futuro!

|

Cittadini stranieri aprono le porte di casa e invitano i vicini a gustare le cene dal mondo

|

Riusciremo a fare a meno della plastica? – A tu per tu#3

|

I cinque studenti dell’isola di Alicudi e la resilienza delle piccole scuole

|

Il futuro di eventi e festival musicali? Ripartiamo dalla sostenibilità!