14 Mar 2017

Made in Carcere cerca ambasciatori!

Scritto da: Redazione

Pubblichiamo l'appello di Made in Carcere, la cooperativa sociale che offre lavoro a donne detenute, che realizzano accessori di moda utilizzando materie prime di scarto. Il progetto cerca ambasciatori che propongano i prodotti in giro per l'Italia.

Cerchiamo un ambasciatore con ottime doti comunicative, esperienza previa nella vendita B2B ma anche una forte propensione per i temi sociali, quali impatto ambientale e inclusione sociale, per diffondere i nostri manufatti su tutto il territorio nazionale a seconda dei diversi target (es. negozi di abbigliamento, ristoranti, alberghi etc.) e delle diverse aree geografiche.

made1

Cerchiamo una persona volenterosa, che abbia la grinta e la determinazione di crearsi nel tempo un proprio network di rapporti e la voglia di legarsi a un’impresa sociale e ad un marchio specifico, che imposti la trattativa su leve legate alla qualità e all’impatto sociale non solo al prezzo.

 

Tipo di compenso: Percentuali e modalità da trattare in base alla tipologia di cliente.

 

Attività da svolgere: Dovrà avere la volontà di fare ricerca di nuovi clienti e scandaglio di nuove opportunità. Sono dunque determinanti dinamismo e propensione fortissima all’attività di social business, ma anche capacità di gestione di un portafoglio clienti e di relazionarsi a buon livello con loro.

 

Luogo di pertinenza: cerchiamo a diffusione dei manufatti Made in Carcere su tutto il territorio nazionale a seconda della zona di residenza dell’interessato.

 

Prodotti da promuovere: I nostri prodotti sono pieni di passione, originalità,speranza e dignità perché sono:

 

• realizzati attraverso il recupero e riuso di materiali di scarto, campionari offerti da aziende sensibili all’iniziativa e all’impatto ambientale o anche stock di rimanenze di magazzino;

• confezionati da Donne detenute che, oltre a imparare un mestiere, acquisiscono competenze e consapevolezza. Ricostruendo un personale
percorso di riavvicinamento alla società tramite riconoscimento della dignità lavorativa e dell’impatto sociale delle loro azioni (crescita dei figli, mantenimento delle famiglie all’esterno, trasmissione di valori);

• originali e sempre diversi l’uno dall’altro, sono unisex, adatti a qualsiasi stagione e personalizzabili su richiesta.

 

Il risultato è un manufatto “utile e futile” dallo stile giovanile e originale, ironico e accattivante, per un pubblico d’avanguardia attento all’eleganza e al sociale, capace di leggere il futuro in modo innovativo, e che – come noi – crede fermamente nell’idea che “non occorre produrre altro, è possibile rigenerare ciò che già c’è”.

 

I nostri manufatti possono essere suddivisi in diversi target con rispettivo catalogo e l’agente può scegliere se promuovere solo un target o più di uno tra:

 

• Gadget etici personalizzabili (per eventi, convegni e raccolta fondi, …);
• Fashion (borse, borsette e trousse, ma anche sciarpe e papillon, …);
• Home (free time sofà);
• Food (grembiuli, presine, tovagliette portapane, …);
• Ufficio e custodie tech (porta computer, cartelle portadocumenti, porta bagde, …);
• Viaggi e tempo libero (buste pieghevoli in tessuto tecno, portadocumenti, porta cellulare, porta che vuoi, …);
• Bomboniere (matrimoni, battesimi, lauree e comunioni, …).

 

Articoli simili
Dai campi di calcio a quelli di pomodoro, ecco i nuovi modelli di integrazione sociale –  Un viaggio lungo dieci anni #9
Dai campi di calcio a quelli di pomodoro, ecco i nuovi modelli di integrazione sociale – Un viaggio lungo dieci anni #9

Il Banco Alimentare, “dignità al cibo, dignità alla persona”
Il Banco Alimentare, “dignità al cibo, dignità alla persona”

La Festa dei Vicini, quando la comunità parte dal vicinato!
La Festa dei Vicini, quando la comunità parte dal vicinato!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Rimonta Bolsonaro, sarà testa a testa con Lula al ballottaggio – #591

|

Da Albenga a Capo Nord in bici: ecco il viaggio di Emanuele Mei

|

We Africans United, il progetto di giovani narratori che vogliono ribaltare l’immaginario sull’Africa

|

Sognitudo, in Puglia avanza il cambiamento all’insegna di sostenibilità e consapevolezza

|

Marika, Andrea e il campera4zampe: “Vivere in camper si può, anche con sei animali”

|

Mediblei, la prima cooperativa di comunità per scoprire l’area iblea

|

Salute e sostenibilità, al Parlamento Europeo si gettano le basi per un modello a misura di persona e di ambiente

|

Ti mangio il cuore: la storia di una donna e della sua battaglia con la quarta mafia