Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
14 Mar 2017

Il programma del Filmmaker Day di Torino

Scritto da: Roberto Vietti

La maratona cinematografica dei 28 film selezionati presso il Teatro Giulia di Barolo il 17 marzo dalle 13.30 alle 00.00. Italia Che Cambia sarà presente in giuria, con una menzione specifica per il film più vicino ai valori e gli ideali del progetto editoriale.

TORINO – Venerdì 17 marzo, dalle 13.30 alle 00.00, presso il Teatro Giulia di Barolo a Torino (piazza Santa Giulia, 2 bis), avrà luogo la prima edizione del Filmmaker Day, una maratona di proiezioni nazionali e internazionali, proposta dall’A.C.S.D. ArtInMovimento e ideata dal regista indipendente Mauro Russo Rouge con lo scopo di “far sentire l’urlo talvolta disperato del cinema indipendente”.

Dei 707 film arrivati, la commissione selezionatrice ne ha scelti 28, precisamente 2 lungometraggi, 22 cortometraggi e 4 documentari italiani.

I film in concorso verranno visionati e giudicati da addetti ai lavori presenti in sala e il vincitore parteciperà di diritto alla kermesse della quarta edizione di OIFF TURIN CINEFEST, il 4 maggio a Torino presso il Cinema Classico di Piazza Vittorio Veneto, 5.

Ci saranno inoltre due menzioni speciali, decretate rispettivamente dai riferimenti delle due testate media-partner: ArtInMovimento Magazine e Italia che Cambia.

La proiezione dei 28 film selezionati prevede il seguente ordine: “No, no, no” di Alberto Del Castillo, (Spagna, 9’), “Mr.A” di Siamak Ahmadi (Iran, 5’), “Gionatan con la G” di Gianluca Santoni (Italia, 15’), “Il rumore della vittoria” di Antonio Guzzardi (Italia, 1h 7’), “As my heart beats” di Christine Aubry (Francia, 18’), “Cuerdas” di Pedro Solis Garcia (Spagna, 11’), “Cigno” (“Swan”) di Giovanni Rossi (Italia, 25’), “Nimbostratus” di Samuel Ackermann (Germania 19’), “Along the river” di Daniele Nicolosi (Italia, 28’), “Journey to the Mother” di Mikhail Kosyrev Nesterov (RussiaFrancia,1h 35’), “That which you don’t see” di Dario Samuele Leone (Italia, 10’), “What weee are – The snake charmer” di Alessio De Marchi (Italia, 3’), “What wee are – The flight of the bumbleweee” di Alessio De Marchi (Italia, 4’), “Weeeducational” di Alessio De Marchi (Italia, 3’), “What wee are – Weeedroponics” di Alessio De Marchi (Italia, 5’), “What weee are” di Alessio De Marchi (Italia, 2’), “Shotgun” di Paddy Jessop (Australia, 1h 30’), “48 Hairpin Bends by night” di Paolo Casalis (Italia, 53’), “Reflection” di Andry Verga (Italia, 6’), “Lutra” di Davide Merello (Italia, 4’), “Still” di Galahad Benussi (Italia, 10’), “A warm gun” (“Une pression du doigt”) di Bruno Delouzilliere (Francia, 3’), “Far East” di Manuele Mandolesi (Italia, 26’), “Disorder” di Yoo Han Jin (Korea, 33’), “Citipati” di Andreas Feix (Germania, 7’), “Rush” di Thomas Bernon (Francia, 16’), “Apres le vin” (“After the wine”) di David Garnacho (Francia, 17’) e “Everyday” di Philippe Orreindy (Francia, 14’).       

“Finalmente ci siamo. È tutto pronto. Siamo molto emozionati. Ci sentiamo, parafrasando “Billy Elliot”, elettricità, quella che sentono coloro che stanno realizzando quanto profondamente desiderano. Sarà una giornata di grande qualità con molti autori presenti in sala, una giornata all’insegna dell’arte”, precisa Mauro Russo Rouge, il direttore artistico della kermesse.

“Dopo tutto il lavoro svolto, speriamo che il pubblico torinese risponda in modo consistente al richiamo del primo Filmmaker Day e della settima arte in generale”, afferma Annunziato Gentiluomo, presidente dell’Associazione ArtInMovimento.

Si ricorda che l’evento è gratuito e che parallelamente al Filmmaker Day ci saranno una mostra fotografica curata da Serena Debianchi e un happening curato dall’incisore-artista Samuele Maritan. Presenterà l’evento lo stesso Annunziato Gentiluomo.

Per informazioni, si può visitare il sito www.filmmakerday.com o inviare un e-mail a info@filmmakerday.com.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Il Papa e le coppie omosessuali – Io Non Mi Rassegno #237

|

SPIGA: il forno sociale per la rigenerazione artigiana della periferia

|

I Deplasticati: il gruppo sanremese che libera la città e le spiagge dai rifiuti

|

Il Parlamento europeo condanna i tirocini gratuiti. Una risoluzione storica per gli stagisti

|

La Specie Felice: pensare e praticare la felicità per costruire un futuro di benessere condiviso

|

Orizzontale: gli architetti che rigenerano lo spazio pubblico e creano comunità – Io faccio così #304

|

Vaia, la startup che pianta nuovi alberi nei boschi delle Dolomiti distrutti dalla tempesta

|

Imparare per il futuro: il nostro racconto del viaggio Erasmus verso la sostenibilità