Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
9 Mar 2017

E i Ringraziamenti? Dove li vogliamo mettere? Qui!

Scritto da: Daniel Tarozzi

Da poco più di una settimana è terminato il tour inaugurale di Piemonte che Cambia. Vi abbiamo raccontato le varie tappe, ora è il momento di mettere i puntini sulle i. Le i di grazIe!

Quando si lavora ad un progetto innovativo e follemente ambizioso come quello di Piemonte che Cambia (o Italia che Cambia) si è talmente presi a fare le cose che spesso non si trova il tempo per fermarsi e dire… Grazie!

E allora è giunto il momento di farlo. (Non a caso mentre scrivo è notte inoltrata).

Piemonte che Cambia esiste per una serie di motivi e grazie ad una serie di persone. In primis, voglio ringraziare Roberto Vietti, che in una calda giornata milanese venne a raccontarmi il suo sogno di viaggio in bicicletta per il territorio Biellese e diede via alle danze.

Grazie ad Edoardo Ferla, suo compagno di viaggio, a i ragazzi e le ragazze di Transition Biella e a Cittadellarte (e in particolare Paolo Naldini) che ci sostenettero fin dall’inizio.

Grazie alla Fondazione CRB (che ci ha sostenuto nel territorio biellese) e a Compagna di San Paolo che ha reso possibile lo sviluppo del portale regionale e l’avvio di questo grande percorso in terra sabauda.

Grazie a Luca Asperius, che ha progettato e sviluppato la piattaforma web su cu ci state leggendo.

Grazie a Michele Maccarini, che ha realizzato la musica che accompagna la sigla iniziale dei video del Piemonte.

Grazie ad Alessandra Graffi, che ha contribuito a rendere possibile il viaggio di nove giorni in nove città piemontesi con un generoso contributo.

Grazie a Daniela Bartolini che ci ha accompagnato, seguito, guidato.

Grazie ad Emanuela Sabidussi per il prezioso lavoro di organizzazione e coordinamento.

Grazie alle associazioni e gli enti nelle varie città che ci hanno accolto nelle loro sedi per permettere di incontrare nuove persone e presentare il nostro progetto.

Grazie ai fondatori di Italia che Cambia, alle sue collaboratrici e ai suoi collaboratori.

Grazie ai nostri Agenti del Cambiamento che hanno sostenuto e continuano a sostenere il lancio del Piemonte Che Cambia.

Grazie ai vari referenti territoriali delle varie provincie piemontesi. Impossibile qui elencarli tutti. Finirei con il fare torto a qualcuno. Ma sono intorno a voi e se volete potrete incontrarli – on line e off line -.

Grazie infine a tutti i partner – associazioni, imprese, movimenti – che ci hanno accompagnato e ci accompagneranno in questa folle avventura.

Il viaggio ha avuto inizio. Cambiamolo questo Piemonte!

(ndr) Tutta la redazione di Italia Che Cambia ringrazia Daniel Tarozzi per aver ideato, progettato e quindi reso concreto un sogno comune.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Città o paesi, dove abiteremo in futuro? – Io Non Mi Rassegno #234

|

Paolo Pallavidino: “Vado a vivere sotto i ponti per affrontare le mie paure”

|

Il Visual Garden di Ilaria: “Cambio vita e lancio un progetto per valorizzare il centro storico di Genova”

|

La scuola italiana è in crisi, ma un aiuto può arrivare dall’homeschooling

|

Il turismo responsabile che in Campania sostiene l’impegno sociale

|

Un’altra politica esiste già. Incontro con Marco Boschini ed i Comuni Virtuosi – Dove eravamo rimasti #1

|

Un sogno di comunità per riportare in vita il borgo rurale di Oscata

|

La sfida di Marco: si licenzia e fa il fotografo freelance… anche per suo figlio