6 Apr 2017

Ecomuseo: con “ValoreMuseo” un nuovo progetto di comunicazione e formazione

Scritto da: Daniela Bartolini

L'Ecomuseo del Casentino vincitore del bando per l’innovazione dei musei e la formazione di Fondazione CR Firenze. Un'opportunità di formazione per giovani laureati under 35 e per le antenne ecomuseali di comunicare in modo sempre più efficace.

La Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze ha comunicato i nomi dei vincitori del bando per l’innovazione dei musei e la formazione dei giovani denominato ValoreMuseo. È il primo Bando emanato dalla Fondazione CR Firenze nell’ambito del settore “Innovazione Culturale”. L’edizione 2017 di ValoreMuseo, dedicata al tema del marketing e dell’analisi dei pubblici, si è rivolta ai musei con sede nel territorio di Firenze e città metropolitana, province di Grosseto e Arezzo, ed ai laureati under 35 domiciliati in Toscana. Al bando hanno partecipato 497 giovani e 41 musei.
Tra i 12 musei vincitori ci sono la Galleria degli Uffizi e il Museo del Bargello, il museo Galileo e lo Stibbert, Casa Masaccio a S. Giovanni e il museo di Storia Naturale di Grosseto. E c’è appunto anche l’Ecomuseo del Casentino, servizio dell’Unione dei Comuni Montani.

ecomuseo casentino vincitore bando valore museo 1491473277

Secondo il bando della Fondazione CR Firenze, i vincitori hanno diritto a un’esperienza di lavoro retribuita per giovani presso uno dei musei per 6 mesi, una risorsa in residenza destinata allo sviluppo del progetto di marketing e due premialità finali: uno study tour all’estero e un contributo economico di € 10.000 per realizzare un progetto di comunicazione (per i 2 musei che produrranno i migliori progetti).

L’Ecomuseo del Casentino, articolato in 16 antenne, coinvolge 13 associazioni oltre a soggetti privati ed un alto numero di volontari. La dimensione partecipativa ed il rapporto con le comunità locali sono punti fermi della sua “mission”.
“Per il bando di CR Firenze”, dice Eleonora Ducci, Sindaco di Talla e assessore dell’Unione con delega a questo servizio, “L’Ecomuseo del Casentino in collaborazione con l’Università di Firenze ha messo a punto una valutazione delle proprie azioni in termini di creazione di benessere per la comunità locale, applicando, in via sperimentale, un modello di analisi basato sul coinvolgimento di diversi portatori d’interesse: gestori delle antenne, volontari, cittadini, amministratori. I risultati della prima fase dell’indagine riportano una percezione molto positiva da parte dei soggetti coinvolti, e saranno oggetto di approfondimenti e sviluppi successivi”. Tra i macro-argomenti ed i bisogni intorno ai quali si prevede di lavorare nel prossimo futuro ci sono la comunicazione, la formazione, lo sviluppo locale.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

ecomuseo casentino vincitore bando valore museo 1491473318

“Il ricambio generazionale dei volontari/gestori dell’Ecomuseo, l’implementazione del turismo sostenibile e l‘incentivazione di micro-economie locali legate alla valorizzazione del patrimonio locale, rappresentano, infine, altri obiettivi intorno ai quali stiamo lavorando”, conclude la Ducci.

“ValoreMuseo” è dunque un altro importante traguardo centrato dall’Ecomuseo del Casentino, e può rappresentare, un’occasione preziosa per dare maggior vigore ed efficacia al percorso intrapreso tanti anni fa.

Articoli simili
Come imparare a comunicare ci può rendere liberi, sani e consapevoli
Come imparare a comunicare ci può rendere liberi, sani e consapevoli

Informazione costruttiva? La facciamo ogni giorno raccontando il cambiamento!
Informazione costruttiva? La facciamo ogni giorno raccontando il cambiamento!

Per cambiare il mondo ripartiamo dall’informazione (costruttiva)
Per cambiare il mondo ripartiamo dall’informazione (costruttiva)

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Che cos’è la deterrenza informatica? – Io Non Mi Rassegno #389

|

L’Oasi di Camilla, dove gli animali possono trovare nuova vita

|

La rete di comuni che combatte lo spreco istituendo un nuovo Centro del Riuso

|

Leonardo, il diciottenne che si batte contro il bullismo e le disabilità

|

Rifugio Re_Esistente: l’appennino che resiste e rinasce

|

Il silenzio assordante delle scuole di danza durante la pandemia

|

Arrivano i “Custodi del Suolo” che si prendono cura della terra

|

Uno studio svela quante persone muoiono a causa dei cambiamenti climatici