26 Apr 2017

Pantelleria: diecimila alberi per la rinascita dell'isola

Scritto da: Elena Risi

A quasi un anno di distanza dall'incendio che ha distrutto parte del patrimonio boschivo di Pantelleria, prende il via la campagna di crowdfunding per riforestare l'isola. L'obiettivo? Piantare diecimila alberi.

“Diecimila alberi per Pantelleria. Per non dimenticare l’incendio del 2016”. È questo il nome della campagna di crowdfounding per riforestare la perla siciliana del Mediterraneo. Tutti possiamo partecipare donando un albero con un contributo minimo di 35 euro, ma anche tutte le donazioni inferiori verranno raccolte per confluire in un fondo comune che porterà alla piantumazione di ulteriori alberi.

big_378

Il progetto è partito grazie al Comitato Parchi per Kyoto, con la collaborazione di Legambiente, Federparchi – Europar Italia e Kyoto Parc, pensato in seguito all’incendio doloso del 29 maggio 2016 che ha colpito la Montagna Grande e altre zone della parte centro-meridionale dell’isola, distruggendo ben 600 ettari di boschi e vegetazione autoctona, pari a quasi il 10% della superficie dell’isola. Pini marittimi, pini di Aleppo, lecci e arbusti autoctoni tipici della macchia mediterranea sono andati in fumo bruciando per quattro giorni prima che si riuscissero a domare le fiamme.

 

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

In seguito a questo disastro ambientale, il Presidente della Repubblica aveva firmato un decreto per istituire il 24° parco nazionale d’Italia, il primo di Sicilia, lanciando così un chiaro segnale di condanna verso l’atto criminale oltre che un messaggio di speranza per la ricostruzione.

big_430

Il progetto di riforestazione prevede interventi differenziati la cui pianificazione verrà gestita dal Dipartimento Scienze Agrarie e Forestali (SAF) dell’Università degli Studi di Palermo e che prevede sia la conservazione dei semi in vivaio sia di piantare specie autoctone ottenute dai semi raccolti a Pantelleria, privilegiando specie rare o minacciate, come il pino d’Aleppo.

 

Il progetto coinvolge gli abitanti del luogo e chiama a contribuire tutti i cittadini sensibilizzati che hanno a cuore il patrimonio naturalistico di questa meravigliosa regione e dell’intero paese.

 

 

Articoli simili
Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento
Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

Gli incendi di domani vanno spenti oggi: ecco perché è necessario puntare sulla prevenzione
Gli incendi di domani vanno spenti oggi: ecco perché è necessario puntare sulla prevenzione

SiciliAmbiente, il festival dedicato alla sostenibilità e ai diritti umani
SiciliAmbiente, il festival dedicato alla sostenibilità e ai diritti umani

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi