5 Mag 2017

Archeologia, tiro con l’arco e inclusione sociale

Scritto da: Daniela Bartolini

Il 7 maggio in Casentino il primo percorso di tiro con l’arco accessibile anche ai disabili.

Domenica 7 maggio si disputa a Stia la prima edizione del trofeo “Archeo Archery” Città di Stia, e la affascinante disciplina del tiro con l’arco incontra il concetto di trekking urbano. Con una importante particolarità: il percorso è interamente accessibile anche ai disabili, che spesso anche a livello agonistico proprio in questa disciplina riescono a primeggiare.

“Il percorso si presenta davvero bene”, dice Marco Parrini, presidente della società organizzatrice del meeting. “Ci sono piazzole molto suggestive, facilmente accessibili e vista la conformazione, non particolarmente difficili”. La definizione di Hunter & Field significa in pratica che gli arcieri tirano al bersaglio da distanze variabili e non conosciute, in questo caso assecondando i percorsi di trekking urbano voluti anche dall’Amministrazione Comunale. “Gli arcieri tireranno dentro il Castello di Palagio, nel Museo dell’arte della Lana, nella piazza Tanucci, nell’azienda Tessilnova e dentro il Teatro Comunale di Stia. Ci sarà da divertirsi e da vedere posti bellissimi, sottolineando lo sforzo degli organizzatori per garantire l’accessibilità a tutti che considero il particolare più rilevante di questa giornata”, assicura Nicolò Caleri, Sindaco di Pratovecchio Stia e fautore, con la sua Amministrazione, della realizzazione di percorsi di trekking urbano e della apposita segnaletica.

Il programma della giornata prevede alle ore 9 il raduno dei partecipanti al Palagio Fiorentino di Stia, dalle 9:30 l’inizio della gara e alle 14:30 circa la cerimonia conclusiva delle premiazioni. Un esempio di gara simile fu realizzato l’anno scorso nel centro storico di Poppi, e risultò molto affascinante per l’impatto visivo di frecce e bersagli nelle vie e piazze del centro. Ora la società altocasentinese ha deciso di aggiungere il particolare, molto importante, della completa accessibilità per chi è costretto a muoversi in sedia a rotelle.

L’evento si presenta peraltro anche come una potenziale attrazione turistica: Come conclude Marco Parrini, “La sera del sabato, per gli arcieri che pernottano e per tutti i presenti sarà organizzata una cena per passare una bella serata insieme parlando di arco e sport in un clima cordiale e di amicizia. E dopo questo primo esperimento vorremmo continuare a caratterizzarci per questa inclusività abbracciando un numero sempre maggiore di potenziali partecipanti”.

L’appuntamento è organizzato dalla Compagnia degli Arcieri di Palagio Fiorentino, con il Patrocinio del Comune di Pratovecchio Stia e del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna, nonché la collaborazione della Fondazione Giuseppe Lombard, dell’associazione turistica Pro Stia e di Tessilnova, azienda produttrice di abbigliamento in panno Casentino che opera in un’ala dell’antico lanificio.

Articoli simili
Sensuability: per uscire vivi, gioiosi e gaudenti dalla morsa dei tabù – Amore Che Cambia #18
Sensuability: per uscire vivi, gioiosi e gaudenti dalla morsa dei tabù – Amore Che Cambia #18

Climate Space: artisti, scienziati e attivisti disegnano insieme un futuro sostenibile
Climate Space: artisti, scienziati e attivisti disegnano insieme un futuro sostenibile

Il borgo di Sassello si trasforma in una “città dei bambini”, con un festival dedicato ai più piccoli
Il borgo di Sassello si trasforma in una “città dei bambini”, con un festival dedicato ai più piccoli

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

énostra: l’impresa di comunità dalla parte dell’ambiente

|

Alleniamoci ad ascoltare gli altri per creare un mondo migliore

|

Il benessere? Secondo Lara Lucaccioni e Matteo Ficara è questione di energia

|

Sea-ty e le reti fantasma: “Liberiamo i fondali dalle attrezzature da pesca abbandonate”

|

Nasce il Badante agricolo di comunità che aiuta le persone anziane nella cura dell’orto

|

L’apprendimento non va in vacanza: cronaca di un’estate da homeschooler

|

Caltanissetta ricorda i “carusi di Sicilia”, i piccoli schiavi delle miniere di zolfo