22 Giu 2017

Cascina Molino Torrine, alla continua ricerca delle erbe aromatiche

Scritto da: Roberto Vietti

Tutto è nato dalla passione del titolare Enzo Nicolello e dalla passione della moglie per le erbe profumate. Insieme hanno trasformato la cascina Molino Torrine in una collezione a cielo aperto di erbe aromatiche, erbe spontanee, ma anche di peperoncini, zucche ornamentali e di amaranti.

Salva nei preferiti

Biella - CAVAGLIA’ (BI) – E’ di nuovo ora di partire, direzione Cavaglià. Andiamo a trovare Enzo alla Cascina Molino Torrine, un posto meraviglioso che ci sorprende per bellezza e cura con la quale è tenuto. Sui terreni dell’azienda vengono coltivate erbe aromatiche e ortaggi insoliti. Non v’è alcun recinto e tutti possono accedervi e fare una passeggiata nel parco. Il cascinale era un vecchio mulino fino alla seconda guerra mondiale, rimasto abbandonato successivamente.

Da 15 anni Enzo l’ha ripreso in mano, data la sua passione per le erbe aromatiche. Passeggiando potrete notare diverse varietà di salvie, origani, lavande, timi e tanto altro. Una vera raccolta di biodiversità. Dato che spesso con altri suoi amici si fermava a mangiare nel cascinale dopo una giornata di lavoro, ha deciso di aprire l’agriturismo. Tramite l’agricoltura crede si possa rivalutare il territorio e l’ambiente che ci circonda.

Il cambiamento è nel promuovere la cultura, salvaguardando il territorio. Sostiene che la campagna può avere una fruizione turistica, senza necessariamente sfruttarla a livello agricolo e industriale. Sogna il territorio biellese come una piccola perla, ripulita e lucidata dai fasti del passato. Mangiamo insieme al suo staff nell’ombreggiata parte all’aperto dell’agriturismo. E’ una bella tavolata.

cascina molino torrine continua ricerca erbe aromatiche 1498141595

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Sanità e diritto alla cura: cronache da un’Ogliastra che vuole vivere, non sopravvivere
Sanità e diritto alla cura: cronache da un’Ogliastra che vuole vivere, non sopravvivere

Treat It Queer Foundation: l’arte per combattere l’invisibilità sanitaria
Treat It Queer Foundation: l’arte per combattere l’invisibilità sanitaria

Con Prodor alla scoperta del mondo dei fermenti vegani
Con Prodor alla scoperta del mondo dei fermenti vegani

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

La Grecia vieterà la pesca a strascico, primo paese in Europa – #920

|

L’assalto eolico è ingiustizia climatica: le conseguenze sul patrimonio culturale sardo

|

Franco D’Eusanio e i vini di Chiusa Grande: “È un equilibrio naturale, noi non interveniamo”

|

L’arte collettiva del sognare: il social dreaming arriva in Liguria

|

Quanto inquinano gli aerei? Ecco cosa dicono i dati e le leggi

|

No border books, un kit di benvenuto per i piccoli migranti che approdano a Lampedusa

|

Intelligenza artificiale in azienda: ci sostituirà o ci renderà il lavoro più facile?

|

HandiCREA e il sogno di Graziella Anesi di un turismo accessibile e inclusivo

string(8) "piemonte"