Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
22 Giu 2017

#24 – Cascina Molino Torrine, alla continua ricerca delle erbe aromatiche

Scritto da: Roberto Vietti

Tutto è nato dalla passione del titolare Enzo Nicolello e dalla passione della moglie per le erbe profumate. Insieme hanno trasformato la cascina Molino Torrine in una collezione a cielo aperto di erbe aromatiche, erbe spontanee, ma anche di peperoncini, zucche ornamentali e di amaranti.

CAVAGLIA’ (BI) – E’ di nuovo ora di partire, direzione Cavaglià. Andiamo a trovare Enzo alla Cascina Molino Torrine, un posto meraviglioso che ci sorprende per bellezza e cura con la quale è tenuto. Sui terreni dell’azienda vengono coltivate erbe aromatiche e ortaggi insoliti. Non v’è alcun recinto e tutti possono accedervi e fare una passeggiata nel parco. Il cascinale era un vecchio mulino fino alla seconda guerra mondiale, rimasto abbandonato successivamente.

Da 15 anni Enzo l’ha ripreso in mano, data la sua passione per le erbe aromatiche. Passeggiando potrete notare diverse varietà di salvie, origani, lavande, timi e tanto altro. Una vera raccolta di biodiversità. Dato che spesso con altri suoi amici si fermava a mangiare nel cascinale dopo una giornata di lavoro, ha deciso di aprire l’agriturismo. Tramite l’agricoltura crede si possa rivalutare il territorio e l’ambiente che ci circonda.

Il cambiamento è nel promuovere la cultura, salvaguardando il territorio. Sostiene che la campagna può avere una fruizione turistica, senza necessariamente sfruttarla a livello agricolo e industriale. Sogna il territorio biellese come una piccola perla, ripulita e lucidata dai fasti del passato. Mangiamo insieme al suo staff nell’ombreggiata parte all’aperto dell’agriturismo. E’ una bella tavolata.

LEGGI L’INTERO ARTICOLO DAL DIARIO DEL “BIELLESE CHE CAMBIA”

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Il Papa e le coppie omosessuali – Io Non Mi Rassegno #237

|

SPIGA: il forno sociale per la rigenerazione artigiana della periferia

|

I Deplasticati: il gruppo sanremese che libera la città e le spiagge dai rifiuti

|

Il Parlamento europeo condanna i tirocini gratuiti. Una risoluzione storica per gli stagisti

|

La Specie Felice: pensare e praticare la felicità per costruire un futuro di benessere condiviso

|

Orizzontale: gli architetti che rigenerano lo spazio pubblico e creano comunità – Io faccio così #304

|

Vaia, la startup che pianta nuovi alberi nei boschi delle Dolomiti distrutti dalla tempesta

|

Imparare per il futuro: il nostro racconto del viaggio Erasmus verso la sostenibilità