Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
22 Ago 2017

Perdersi (o ritrovarsi?) in un labirinto… di mais!

Scritto da: Daniela Bartolini

Un dedalo, una “mano d’artista” che lascia un’effimera impronta ecologica sul terreno. È il labirinto di mais biologico del Castello di Piovera, opera d’arte visitabile fino al 30 settembre. Prima che la trebbiatura abbia inizio…

Perdersi in un labirinto è sempre un’esperienza unica, con un evidente valore simbolico ma il labirinto “Mano d’Artista” che si trova nel parco del Castello di Piovera, lancia anche altre sfide. Quella di riscoprire e utilizzare tutti i nostri sensi, anche quelli che non stanno nelle cinque dita, quello di riflettere sull’arte ed anche e sopratutto sul territorio, il paesaggio, la natura.

3 km di labirinto, 589.000 chicchi di mais, su un campo di 5 ettari, con due percorsi di difficoltà differente adatti a tutti, quest’opera nasce con “quello che c’è”, con uno dei cereali che l’azienda agricola biologica del castello produce da sempre nei circa 300 ettari di terreno che si estendono verso le rive del fiume Tanaro.
Un’intervento diretto sul territorio naturale, nato da un’idea di Alessandro Calvi, figlio del conte Niccolò Calvi di Bergolo che dal 1967 risiede qui, e realizzato grazie anche all’associazione Culturale Castelpiovera e al lavoro dall’architetta Elisabetta Baldi.

Il labirinto è stato inaugurato il 14 luglio, un dedalo sempre uguale nel percorso ma mai identico perché destinato a mutare con il tempo al ritmo della natura, seguendo la naturale crescita delle piante, fino a quando arriverà il momento della trebbiatura con cui il labirinto scomparirà per rinnovarsi forse il prossimo anno.
Fino al 30 settembre il labirinto sarà visitabile dal venerdì alla domenica, dalle 15 alle 23.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Come affronteremo la crisi del debito? – Io Non Mi Rassegno #112

|

Capanna di Betlemme: un esempio di accoglienza e ospitalità nei giorni dell’emergenza

|

Emergenza Covid-19: riparti dalle tue risorse interiori

|

Matteo Ficara: “Con l’immaginazione può rinascere una specie felice!” – Meme #33

|

Cinemambiente a casa tua: i film per ripensare il nostro futuro

|

Felber: “Perché non si affronta la crisi ambientale come il coronavirus?”

|

Stop agli attendismi: d’inquinamento e di traffico si muore!

|

Un modello di produzione e distribuzione alimentare sostenibile e resiliente

Copy link
Powered by Social Snap