7 Set 2017

Pievi e Castelli… d’Autunno!

Scritto da: Daniela Bartolini

Pievi&Castelli in Musica, il festival itinerante nei luoghi storici e più suggestivi del Casentino, festeggia la 30esima edizione con edizione speciale che inaugura la nuova stagione. Otto appuntamenti dal 22 settembre al 7 ottobre con ospiti come Giorgio Canali, Edda, Nada e artisti “made in Casentino”.

Un’edizione speciale, una versione autunnale di Pievi&Castelli in musica, è questa la novità per la 30esima edizione di uno dei festival più longevi del Casentino.

Il programma inizia venerdì 22 Settembre presso l’Auditorium Berrettarossa di Soci con il concerto di Giorgio Canali, chitarrista, cantautore, produttore discografico, che prima di avviare la sua carriera solista con i Rossofuoco, è stato chitarrista dei CCCP e dei C.S.I e P.G.R., poi.
Canali porterà in scena “Sei pezzi facili” un gioco serio tra musica e parole, una sorta di breve racconto autobiografico, tra canzoni e storytelling, autobiografia e memoria collettiva. (Ore 21-Ingresso 10€)

Sabato 23 Settembre nella Pieve di Montemignaio alle ore 21 andrà in scena La Carta di Lampedusa, uno spettacolo co-prodotto dalla compagnia teatrale Nata e Diesis Teatrango, che racconta, attraverso canti, racconti e testimonianze, i popoli migranti attraverso uno sguardo che parte dalla nostra storia passata per arrivare all’attualità. Dal viaggio, dallo spostarsi come necessità universale, al viaggio di “speranza” di chi si muove a causa di guerre, fame, persecuzioni, ricerca di condizioni economiche migliori.

La band emergente dei Room si esibirà domenica 24 alle 17, alle Logge del grano di Strada in Casentino. Francesco Goretti alla batteria, Luca Panoni alla voce e alla chitarra, Leonardo Tellini alle tastiere e Nicola Vangelisti alla chitarra e al basso, quattro ragazzi casentinesi cresciuti assieme, che hanno poi preso strade diverse per ritrovarsi oggi a suonare e comporre insieme.

Venerdì 29 Settembre nella magica cornice del Castello dei Conti Guidi di Poppi, sarà la volta di Edda, all’anagrafe Stefano Rampoldi, altro rappresentante storico del panorama musicale alternativo italiano, negli anni novanta cantante dei Ritmo Tribale, dal 2008 tornato sul palco con un progetto solista. Il suo quarto disco solista, Graziosa Utopia, è uscito quest’anno. (ore 21-Ingresso 10€ )

Made in Casentino, il 30 settembre alle 21 a Pieve a Socana, è invece un viaggio musicale attraverso tre generazioni di cantautori casentinesi: Benedetta Giorgi, musiche e testi originali interpretati con passione e sentimento; Michele Gabiccini dai Terra Passumena fino al ruolo di solista, una lettura ruvida della realtà con toni ironici e poetici; Piero Lanini fin dal 1975 autore ed interprete polemico e dissacratore delle situazioni ma amante delle cose della vita e dell’amore.

Se vi assiste la memoria-Parole e musiche in ricordo di Licio Nencetti, comandante della brigata partigiana “La Teppa”. Con “Quei ragazzi”: Matteo Bruni e Marco Rosai: voce, reading; Emanuele Tizzanini: chitarra e voce; Andrea Bondi: piano, chitarra, voce, drum loops; Leonardo Bondi: basso elettrico. Domenica 1 Ottobre nella Piazzetta dei Palchi di Talla alle ore 17.

Il 6 ottobre a Bibbiena, sarà la volta del Francesco Giustini Trio con Francesco Giustini alla tromba, Manrico Seghi hammond, Giovanni Paolo Liguori alla batteria e con la partecipazione straordinaria di Massimo Morganti. (Ingresso 5€)

Chiusura con Nada, sabato 7 Ottobre al Teatro comunale degli Antei di Pratovecchio. (Ore 21-Ingresso 10€)

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Sea-ty e le reti fantasma: “Liberiamo i fondali dalle attrezzature da pesca abbandonate”

|

Nasce il Badante agricolo di comunità che aiuta le persone anziane nella cura dell’orto

|

L’apprendimento non va in vacanza: cronaca di un’estate da homeschooler

|

Caltanissetta ricorda i “carusi di Sicilia”, i piccoli schiavi delle miniere di zolfo

|

Paolo Rumiz: i viaggi e la riscoperta dei monti naviganti

|

Sensuability: per uscire vivi, gioiosi e gaudenti dalla morsa dei tabù – Amore Che Cambia #18

|

Alla facoltà di infermieristica gli studenti imparano la gentilezza