Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
11 Ott 2017

“Le stanze della moda sostenibile”: a Cittadellarte la mostra-evento

Scritto da: Luca Deias

Sabato 14 ottobre a Biella, nella sede della Fondazione Pistoletto, si svolgerà un appuntamento all'insegna della moda, del design e dell'arte, che rientra nel contesto della "Turin Fashion Design week". L'incontro verterà sull'analisi di come e quando la filiera della moda può diventare ingranaggio di un organismo virtuoso, il cui impatto sociale e ambientale risulti positivo.

Come può l’industria della moda distribuire bellezza non solo incorporandola nell’oggetto fashion, ma anche creando dei riflessi positivi sulle vite delle persone e delle organizzazioni economiche che la producono? Attorno a questa domanda si focalizzerà la mostra-evento “Le stanze della moda sostenibile”, in programma sabato 14 ottobre a partire dalle 11 a Cittadellarte. L’appuntamento sarà realizzato grazie alla collaborazione tra la Fondazione Pistoletto e IAAD, in connessione con il neonato corso di laurea SIDe – Social Innovation Design, che sarà attivo da settembre 2018.

L’evento rientra nel contesto della prima “Turin Fashion Design week“, che a sua volta si colloca nell’ambito della “Torino Creative City for Design UNESCO” e si svolge nel capoluogo piemontese a ottobre di quest’anno, durante la prima assemblea generale della “World Design Organization“. La Turin Fashion Design Week, organizzata da IAAD per questa prima edizione in collaborazione con Cittadellarte, sarà un evento all’insegna della moda, del design e dell’arte, che vedrà la partecipazione di oltre cento rappresentanti del design provenienti da tutto il mondo e un totale di circa 300 invitati speciali. “Per i nostri studenti – ha affermato il direttore IAAD Laura Milani – come per i designer selezionati, la reinterpretazione del fashion show è un esercizio di rinnovamento culturale, una messa in scena di nuovi pensieri e di idee per il futuro”.

Tornando alla mostra evento di sabato 14 a Biella – il cui concept sarà basato sul Social Innovation Design – mira a una riflessione su come e quando la filiera della moda può diventare ingranaggio di un organismo virtuoso, il cui impatto sociale e ambientale sia positivo. Sono attesi per l’occasione fashion brands e designers, istituzioni e imprese, artisti e attivisti di diverse nazionalità, che condivideranno progetti caratterizzati dal concetto di “Social Impact Fashion” (moda a impatto sociale). Proprio la moda sostenibile, infatti, sarà il filo rosso dell’iniziativa. Saranno presentati molti casi ed esempi virtuosi di questa specificità, che contempleranno diversi settori quali moda, arte e design.

Attraverso installazioni, performance e capi di moda verrà messo in luce come l’industria del fashion possa essere motore di rigenerazione e ridisegno della società contemporanea. La mostra-evento sarà composta da stazioni installative che si racconteranno attraverso un apposito materiale informativo (o documentari) e capi di moda. Non mancherà, inoltre, il momento di confronto tra i partecipanti in una tavola rotonda. “Che senso possono avere oggi – analizza il direttore di Cittadellarte Paolo Naldini – parole come modernità, avanguardia e innovazione? Concetti come lusso e bellezza? Quali sono i termini che contano, oggi, per chi ama la moda?”.

L’appuntamento di sabato a Cittadellarte sarà preceduto, venerdì 13 ottobre alle 19, dal “Fashion show Prominent Designers” all’Ex Borsa Valori di Torino, organizzato da IAAD. Anche questo appuntamento, insieme a quello di Cittadellarte, farà parte della “Turin Fashion Design Week”. Per l’occasione saranno presenti otto tra i più quotati Prominent Designer del panorama italiano e internazionale: “Autopsie Vestimentaire”, “Born in Berlin”, “DassùYAmoroso”, “Flavia La Rocca”, “Maatroom”, “Sartorial Monk”, “Serien°umerica”, “Vahan Khachatryan” e “Dipartimento di Textile & Fashion” IAAD. Questi porteranno in passerella il tema “RE-EVOLUTION” con progetti dalla spiccata connotazione estetica e concettuale, focalizzati sulle nuove possibili interpretazioni del rapporto fra design, moda e arte. La serata si concluderà con la sfilata della collezione dello stilista prematuramente scomparso nel 2012 Lucio Costa, con la presentazione del libro biografico “SO LUCIO!”, dedicato a Costa stesso.

Alla mostra evento del 14 ottobre a Cittadellarte parteciperanno:
Unece United nations economic commission for europe, che presenta Giada Daolio con il progetto “Macroteria” e “Orange Fiber”
MoMu Fashion Museum Antwerp che presenta “Maison Martin Margiela” e “HonestBy”
Bocconi – Milano Fashion Institute che presenta “Patagonia”
Camera Nazionale della Moda Italiana che presenta Tiziano Guardini, Nadia Shaudova e Giulia Romano
Vogue Talents che presenta Manuel Hallermeier e Yekaterina Ivankova
Socially Made in Italy che presenta Carmina Campus di Ilaria Venturini Fendi
Fashion Revolution che presenta Cangiari
Cittadellarte Fashion B.E.S.T. che presenta Sandra Backlund, Tiziano Guardini e Giulia Romano & Nadia Shaulova (entrambe con il progetto Social Fashion) che presenta “Tessile&Salute”
SMI Sistema Moda Italia che presenta “HERNO – Eurojersey”
ETI – Ethical Fashion Initiative che presenta “Lai momo Istitution”

Fonte: Journal di Cittadellarte

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

La Francia approva una legge per tutelare suoni e odori della campagna – Io Non Mi Rassegno #296

|

Economia del Bene Comune: un’economia al servizio delle persone non è utopia

|

Topotoma e la nevicata

|

NonUnoMeno: “Creiamo occasioni di inserimento lavorativo e inclusione sociale” #3

|

La salute dei bambini in epoca Covid-19

|

La petizione per chiedere all’UE di tassare i prodotti in base a quanto inquinano

|

Jean e Sabin, i maestri che camminano quattro ore al giorno per fare lezione ai loro alunni

|

Il cammino che ai tempi del Covid trasforma il turismo lento in nuova economia